Utente 586XXX
Buongiorno!
In data 26/07/09 ho effettuato una banale caduta, urtando il pollice della mano dx. Dopo 18 giorni di stecca ed una RMN è risultata una parziale lesione del tendine abduttore lungo del pollice. Che devo fare??? Deve essere operato per forza????

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Milano
48% attività
4% attualità
20% socialità
MONCALIERI (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Direi proprio di no... almeno, personalmente non effettuerei l'intervento ma mi limiterei a proteggere il tendine con un tutore durante l'attività fisica.
Il suo ortopedico comunque la consiglierà in merito in quanto il tipo e l'estensione della lesione potrebbe condizionarne il trattamento (è necessario, in altri termini, vedere la RMN).
Cordialmente

[#2] dopo  
Utente 586XXX

Iscritto dal 2008
Di nuovo qui!!! Sempre lo stesso problema..... ho effettuato un consulo chirurgico da uno specialista, lo stesso che mi aveva già operato al carpale e De Quervain, il quale, senza neanche consultare il cd della RMN, decretava che non si potesse far nulla, a parte un ciclo di fisioterapie, dalle quali non ho tratto nulla!!!! Il dolore alla base del pollice persiste, anche parecchio, scarsa mobilità del pollice, nelle più stupide delle operazioni manuali, e non riesco ad aprire il pollice verso l'esterno. A questo punto chiedo, sarà il caso che consulti un altro specialista?? Dottor Busa se le capita di vedere questo messaggio, mi potrebbe rispondere??? Visto che lo specialista in questione lavora al Policlinico con lei...... attendo che qualcuno mi dica cosa poter fare!!! Soprattutto perchè, grazie a tutta questa attesa, ho perso il lavoro!!! GRazie
[#3] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. Utente,
non sempre una "lesione" parziale tendinea richede un trattamento chirurgico.
Occorre innanzi tutto effettuare un esame clinico di eventuali deficit e sintomi, quindi valutare gli esami strumentali.
Questi ultimi, per essere attendibili, devono essere eseguiti con quesiti ed istruzioni specifiche, da personale qualificato, con strumentazioni all'avanguardia (sufficiente risoluzione, proiezioni, mezzi di contrasto ecc.). Se mancano le evidenze cliniche un esame strumentale ha poco valore e può al contrario risultare fuorviante. Se non è soddisfatta di quanto le è stato suggerito dal collega, lo contatti direttamente e si confronti con lui serenamente. Gli esprima i suoi dubbi in modo diretto! Se preferisce sentire un "secondo parere" sono totalmente disponibile a fornirglielo. Contatti tranquillamente il reparto chieda di me!
Cordiali Saluti,