Utente 808XXX
buongiorno, sono un ragazzo di 34 anni, sposato da 2 anni, ho un problema molto serio: io amo mia moglie tanto da essere sempre eccitato, farei l'amore ogni giorno ad ogni ora, questa iper eccitazione però mi crea qualche problema che vorrei risolvere.
Dopo la penetrazione e dopo un po che mi muovo sento come un solletico sul glande che poi mi porta ad eiaculare. Se facciamo l'amore la seconda volta poco dopo la senzazione svanisce e riesco ad avere un rapporto normale, ma in questo caso il problema è che ho un erezione minore. La causa di questi problemi non so se sia eiaculazione precoce, comunque premetto che durante il rapporto orale non avverto lo stimolo eiaculatorio. Questa senzazione diciamo di "prurito" avviene solo quando c'è penetrazione, ed può essere più o meno imminente in base alla posizione in cui facciamo l'amore. ringrazio anticipatamente e spero di avere risposte che mi possano aiutare a risolvere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Lei riferisce un problema da eiaculazione precoce, chieda un consulto con un andrologo della sua zona ,oggi ci sono molte possibilà terapeutiche per controllare questo disturbo .
Distini saluti
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,non specifica se il disagio era presente anche in passato e/o con altre partner ma,comunque,sembra essere un dato consolidato che merita
attenzione.E' un errore,a mio modo di vedere,puntare sulla ripetizione del coito,in quanto,come nel Suo caso,l'erezione tende ad essere meno valida,inescando un problema di disfunzione erettile secondario.Il dato riferito,secondo cui in rapporti non vaginali ed posizioni particolari (in genere l'uomo supino),l'eiaculazione precoce non compare,rinforza la necessita' di rivolgersi ad un esperto andrologo e seguirne i consigli diagnostici ed eventualmente terapeutici.Cordialita'.