Utente 249XXX
Salve, ho un problema al pene: se faccio scorrere il prepuzio non ho impedimenti ma non posso stenderlo bene lungo l'asta delpene dato che il frenulo pare tirare in quanto corto e se forso fa piegare sempre più il glande verso il basso. Mi sono informato un po' e ho visto che con una frenulotomia potrei risolvere il problema. Vorrei però chiedere cosa succede se la pelle del prepuzio è abbondante, ho letto che potrebbe dare dei problemi, tipo dei rigonfiamenti, appena sotto il glande durante i rapporti sessuali. E se ben ricordo parlavano addirittura di rischio tumori nella zona interessata da questi rigonfiamenti. Non ho trovato questo dettaglio riportato in altre parti però mi è rimasta un po' di soggezione. Potete dirmi qualcosa in merito?

Tornando alla frenulotomia, so che c'è la tecnica laser o con bisturi classico. Tale tecnica è a discrezione del chirurgo? Voi quale consigliate? Io sono di Udine, dove posso informarmi su quali tecniche vengono impiegate?

Grazie 1000 per la consulenza! :)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore 24941,

la frenulotomia è una procedura estremamente semplice
a Udine potrebbe contattare il Dotto Massimo Capone (maxcapone@tin.it o 348.6889.899)
cari saluti
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
occorre innanzi tutto fare una specifica diagnosi differenziale fra fimosi e frenulo corto, spesso coesistenti.
L'intervento di plastica del frenulo risolve ovviamente solo la patologia del frenulo breve e non quella della abbondanza della cute prepuziale (ma che vuol dire?). L'intervento di plastica del frenulo è una procedura seria e delicata da relegare a mani esperte per non avere brutte sorprese...
Potrebbe contattare l'ambulatorio chirurgico o urologico di una Struttura Universitaria od Ospedaliera a Lei vicina.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO