Utente 101XXX
Gentili dottori,
Vi prego di aiutarmi a chiarire le idee alquanto confuse. Sono una donna di 49 anni. A marzo 2007 mi è stata diagnosticata una tiroidite di Hashimoto con i seguenti valori degli esami:
TSH 5.27 - (0.35 - 5.5)
FT3 2.6 - (2.3 - 4.2)
FT$ 1.2 - (0.7 - 1.7)
Anticorpi anti tireoglobulina 119.80 - (0 - 60)
Anticorpi anti perossidasi 450.00 - (0 - 20)
Nei succesivi controlli i valori sono rimasti nella norma e alle ultime analisi erano i seguenti:
TSH 2.21 - (0.35 - 5.5)
FT3 2.8 - (2.3 - 4.2)
FT$ 1.1 - (0.7 - 1.7)
L'ultima ECO riportava:
LOBO DX: D.TRASV.mm.19 - D.LONG.mm.55 - D.A.P.mm.16 - ECOSTRUTTURA: DISOMOGENEA
LOBO SX: D.TRASV.mm.17 - D.LONG.mm.54 - D.A.P.mm.15 - ECOSTRUTTURA: IDEM
L'endocrinologo che mi segue non ha ritenuto opportuno darmi alcun farmaco. Io intanto avverto moltissimi sintomi ma lui continua a sostenere che non sono ascrivibili alla tiroide benché io li abbia trovati tutti elencati tra i sintomi dell'IPOTIROIDISMO e alcuni (accusati in periodi diversi) tra quelli dell'IPER. Adesso sospetta una depressione e per escludere altri fattori mi ha prescritto ulteriori aanalisi:
Dosaggio ACTH, CORTISOLO, GH, IGF-1.
Io intanto continuo a vagare dal ginecologo al neurologo, da sei dietisti e nutrizionisti, al centro cefalee alla ricerca di una qualsiasi spiegazione per provare almeno a ridurre i disturbi e comunque mettermi l'animo in pace.
I sintomi accusati sono:
Cefalea, enorme stanchezza (da 4-5 mesi), sudorazione notturna, ciclo irregolare (in particolare da 4 mesi), aumneto di peso (10kg in pochi mesi 4 anni fa) e difficoltà a perderlo.
In altri periodi: ciclo regolare, tremore della palpebra e delle mani, ritmo respiratorio superficiale, pelle e capelli secchi.
Ultimamente ho avuto una strana influenza con: congestione narice sx, forte lacrimazione e gonfiore occhio sx, enorme sensazione di freddo, temperatura da 34.5° a 35,8°, elevata spossatezza, peso allo stomaco.
L'anno scorso per alcuni mesi ho assunto il Laroxyl, poi sostituito dal Toliman per la cefalea. Ad agosto ho avuto effetti collaterali quali abbassamento della pressione e della temperatura, visione indistinta, spossatezza.
A settembre ho avuto delle "vertigini" che il neurologo, forse affrettatamente, ha ipotizzato come "attacco di panico".
Come vedete non mi faccio mancare niente!!!
Chiedo scusa se sono stata prolissa e vi prego di chiarirmi se c'entra qualcosa la tiroide (e per quali sintomi) o se devo continuare a indagare altrove o se invece sono ipocondriaca!!!!
In attessa di una vostra cortese risposta vi ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità.
Silvana

[#1] dopo  
Dr. Paola Mossa

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Concordo con il collega che non ha intrapreso alcun trattamento.La sua condizione merita un controllo periodico della funzione tiroidea. Posso però dirle che i pazienti con malattie autoimmunitarie (come è anche la tiroidite di hashimoto)hanno una soglia di sensibilità molto più bassa degli altri per cui è piuttosto comune che possano avvertire dei sintomi più particolareggiati e variegati. Ciò sarebbe dato dalla comunicazione tra sistema immunitario e sistema nervoso centrale (anticorpi e neurotrasmettitori).
Dr. PAOLA MOSSA
Specialista in Endocrinologia Malattie Metaboliche e del Ricambio - Terapia Dietetica - Cagliari

[#2] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Gent.ma dott.ssa, La ringrazio per la risposta così sollecita e complimenti per il servizio che rendete agli utenti.
Grazie anche per avermi rassicurata ma mi scusi se Le chiedo anche: per quali, tra i sintomi elencati, devo continuare ad indagare altrove?
cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Paola Mossa

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Da quel che lei descrive mi pare che vi sia una condizione di stress in atto. Più che un neurologo io mi orienterei verso un psicoterapeuta. La mia sensazione è che il suo corpo stia mandando dei segnali che meritano di essere ascoltati.
Dr. PAOLA MOSSA
Specialista in Endocrinologia Malattie Metaboliche e del Ricambio - Terapia Dietetica - Cagliari

[#4] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Gent.ma dott.ssa Mossa,
La ringrazio per i suoi consigli. La sua diagnosi è stata confermata...Comunque adesso per fortuna mi sento meglio,grazie anche ad un periodo di riposo.
I più cordiali saluti.