Utente 196XXX
Gentile dottore,
Circa sei mesi fa, per via di un dolore particolarmente intenso ed un rumore interno notevole, ho deciso di farmi visitare da un otorino che mi ha diagnosticato una otite purulenta media (con rimozione del tappo purulento) e prescritto zimox compresse da 1Gr. per 6 giorni (2 volte al giorno); circa 10 giorni dopo, c'è stata la seconda visita ( altra rimozione del tappo purulento e conseguente prescrizione di glazidim 1Gr. (punture) 2 volte al giorno,ed in più, risciacquare con acqua borica 3%); le successive due visite sono state più che altro di pulitura del condotto auditivo e di controllo... alla fine di tutto, l'unico sintomo persistente era un acufene di intensità discreta ( che comunque, dopo 6 mesi ancora ho)... Nel corso degli ultimi mesi, ho notato i sintomi di una ricaduta ( di solito mi comincia tutto con un prurito all'orecchio, seguito da un dolore lieve..), e non potendo nell'immediato sottopormi a controllo, ho ripreso 3 compresse zimox 1 Gr. e tutto è svanito (tranne l'acufene); adesso ( è trascorso circa un mese da quando ho ripreso lo zimox) mi trovo però nella stessa situazione, ho incominciato a notare i primi sintomi e già so che al massimo tra 2 giorni comincerà il dolore più intenso... visto che per almeno un'altra settimana mi è impossibile una visita, come mi converrebbe intervenire al momento ? dovrei riprendere lo zimox (magari tutte le 12 compresse) ? Accertato che abbia un'otite media, quale potrebbe essere una cura definitiva ? e, per quanto riguarda l'acufene, devo davvero aspettare che guarisca da solo ?

[#1] dopo  
Dr. Raffaello Brunori
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Prima di iniziare nuovamente una cura antibiotica, sarebbe utile che facessi un tampone auricolare per la ricerca di germi patogeni e miceti. Nel frattempo, utilizzerei solo del cortisone od un antinfiammatorio. In base al risultato dell'esame, vedremo cio' che, nel tuo caso, sarà piu' utile fare per la risoluzione della patologia. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori