Utente 465XXX
Buongiorno. Ho 47 anni ed assumo paroxetina da 20 anni (20 mg. al mattino). Da circa due anni ho forte ansia al mattino ed anche al pomeriggio, esattamente come venti anni fa. Mi sono rivolto a vari specialisti ma non riesco a migliorare. Ho provato, su indicazione del mio psichiatra, a: 1) aumentare paroxetina a 40 mg; 2) aggiungere vortioxetina; 3) aggiungere mirtazapina; 4) aggiungere amitriptilina; 5) aggiungere stabilizzatore umore gabapentin. E' inutile: non funziona. Da un mese sto prendendo quetiapina 50 mg RM e faccio psicoterapia, ma neanche così miglioro. Cosa mi consigliate?

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ATRIPALDA (AV)
ISCHIA (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Si possono provare altre strade, valutabili con visita diretta.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 465XXX

Iscritto dal 2017
Gentile dottor Ruggiero, capisco che senza una visita diretta non sia per lei possibile darmi indicazioni di dettaglio. Ciononostante, potrebbe comunque dirmi, solo in via ipotetica ed astratta, a cosa si riferisce per nuove strategie? Per caso la TEC? La ringrazio anticipatamente.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ATRIPALDA (AV)
ISCHIA (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Vanno fatte diverse valutazioni che ovviamente sono esclusive della visita diretta. Ma giusto per inciso, considerato che la paroxetina poteva aver perso la sua efficacia terapeutica, l'aggiunta ha poco senso in corso di terapia anche perché è sempre preferibile iniziare con una terapia singola per valutare eventuali aggiunte ma se resta il farmaco che in teoria non va più bene tutte queste variazioni sono poco efficaci.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Utente 465XXX

Iscritto dal 2017
Gentile dottor Ruggiero, in tutta franchezza e, forse, in tutta ignoranza, credevo che il potenziamento con altri farmaci quali quelli che mi ha prescritto il mio psichiatra nel corso del tempo, fosse una metodologia terapeutica percorribile (anche se non ha sortito effetti). Può spiegarmi qualcosa al riguardo?