Utente 463XXX
Gentili dottori
Sono a chiedervi un consulto per una situazione che mi sta sfinendo.
Io e mio marito (Io ho 30 anni, lui 2 più di me),ci conosciamo da 8 anni e siamo sposati da un anno. Lui è sempre stato amorevole e pieno di attenzioni, un ragazzo d'oro. La nostra storia è sempre andata bene tranne per il lato sessuale, che è sempre stato zoppicante perché l'attrazione fisica da parte mia non è mai stata fortissima. Nonostante tutto io mi sono innamorata per un miliardo di altri motivi. Da qualche anno però la mia voglia di fare l'amore si è azzerata e io ho dato la colpa allo stress. Col matrimonio però la cosa non è migliorata, anzi, e lui soffre per questa cosa. Da qualche mese inoltre mi sento in gabbia, sento di essermi messa le catene con questo matrimonio. Lui parla di progetti futuri e a me manca l'aria. A complicare le cose, qualche mese fa conosco una persona. Ci innamoriamo follemente, con lui riscopro il sesso (Per mio marito sono "la frigida"). In questa persona per la prima volta ho trovato qualcuno che mi attrae al cento per cento sia fisicamente che caratterialmente. Vogliamo una vita insieme ma dobbiamo fare i salti mortali per vederci perché abita lontano. Io qualche mese fa decido di parlare a mio marito dicendo che i miei sentimenti sono cambiati e non vedo futuro con lui. Lui per due giorni sta in disparte poi torna ad essere il marito amorevole di sempre. Nel frattempo l'altro trova lavoro molto lontano. Questo fa sì che io ora non possa più vedere l'altro in mezzo alla settimana e gli unici momenti liberi sono il fine settimana...laltro mi ha dati un ultimatum...vuole vivere la nostra storia alla luce del sole. Dovrei parlare di nuovo con mio marito ma sono terrorizzata e non so cosa dire. Quando gli parlai la prima volta lui pensò che fosse solo una crisi momentanea. A volte mi chiedo se un rapporto può sopravvivere senza sesso e se abbia senso rimanere con lui e, a 30 anni, accontentarsi di una vita monacale per avere in cambio attenzioni . Al tempo stesso voglio stare con laltro e ogni giorno che passa mi sento che sto buttando via un giorno senza di lui. Vi prego aiutatemi a capire....

[#1] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Buongiorno Signora,
un matrimonio senza sesso, prima o poi, precipita.

Prima o poi in questo solco di infelicità si insinuerà altro da voi.

È interessante come lei chiama l’uomo che dice di amare è desiderare “l’altro”.

Posso chiederle perché?

Avete dei figli?
Suo marito non si è accorto di nulla?
Della sua sostanza?
Del suo malessere?
Della sua inquietudine?

Cosa le piace di questo suo secondo uomo?
Ha provato ad immaginarlo davvero come compagno di vita, estrapolato dalle sue lenzuola?

Le suggerisco la lettura di qusto scritto, con i commenti delle altre donne, da cui è tratto il mio ultimo libro

https://www.valeriarandone.it/tradimento/amare-un-uomo-sposato/
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#2] dopo  
Utente 463XXX

Iscritto dal 2017
Gentile dott.ssa
Certo, molte volte abbiamo parlato di questo problema intimo ed io ho sempre dato la colpa alla stanchezza. L'ultima volta sono stata onesta e gli ho detto che non provo più attrazione fisica. Lui fa finta di nulla e sta cercando di recuperare il rapporto. Fosse per lui potremmo continuare a vivere senza sesso per salvare il rapporto. Io sono inquieta e lui fa finta di nulla anzi a volte mi chiede perché, come se tutto quello che io gli abbia detto se lo fosse scordato. Figli non ne abbiamo per fortuna. L'altro lo chiamo così solo per non fare nomi. A differenza di mio marito che è completamente diverso da me, con quest'altra persona ho molti interessi in comune.