Utente 222XXX
Buongiorno stimati Dottori,
Martedì scorso sono stato sottoposto a ureterolitotrissia combinata, balistica e laser, mesto mia ereterale endoscopica son e stentino ureterale sinistro.
Giovedì mi hanno dimesso e a casa ho constatato un aumento febbrile sempre più marcato, il cui picco si ë avuto il sabato con 39,9 gradi.
La terapia antibiotica assegnatami é Zetamicin 300 una al giorno per sei giorni e Agilev 500 1 al giorno per cinque giorni.
La temperatura da ieri si mantiene nei valori normali, ma a causa di una debolezza fortissima, difficoltà a respirare e tachicardia, ieri notte sono andato al pronto soccorso.
A seguito delle analisi del sangue si é rilevato che la mia creatininemia é salita da 0,97( valore prima dell'intervento) a 2,3 ( valore di ieri notte) e i globuli bianchi a 20.000
Il medico del pronto soccorso dice c'è in atto una sofferenza renale che probabilmente l'intervento non ha risolto o addirittura aggravato e mi suggerisce di ritornare in clinica.
Vorrei chiedere un Vostro gentile parere sul caso
Grazie
Buona giornata

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Certamente è in atto una complicazione meritevole di adeguati accertamenti, in particolare il brusco rialzo della creatinina sta a dimostrare una sofferenza renale verosimilmente ostruttiva. Si rivolga immediatamente al nostro Collega od alla struttura in cui è stato operato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 222XXX

Iscritto dal 2011
Molte grazie Dottore per la sua cortese e rapida risposta, vedrò oggi stesso di contattare la clinica le auguro una buona giornata