Aplasia [Ortopedia]

Definizione: Dal greco "a"(privo) e "plésein"(formare), indica il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo presente solo in bozza (Dr. Antonio Valassina)

APPROFONDIMENTI

Articoli relativi a "Aplasia"

  • Discopatie
    Radiologia interventistica - Risoluzione in tempi rapidi delle sindromi lombosciatalgiche o cervicobrachialgiche grazie alla Radiologia Interventistica.
     
  • La neuropatia del nervo sovrascapolare
    Ortopedia - La neuropatia del nervo sovrascapolare (NSS) può svilupparsi in conseguenza di una malattia propria del nervo di cui l’amiotrofia nevralgica è quella più frequente. Nella maggior parte dei casi trae origine da una patologia esterna al nervo ma con ripercussioni su di esso determinando la “Sindrome da intrappolamento del nervo sovrascapolare (SNES)”. E’ stata descritta per la prima volta dal Dr. A. Thomas nel 1936. L'inquadramento patologico lo si deve al Dr. W.A.L. Thompson e al Dr. H.P. Koppel che più tardi, nel 1959, pubblicarono un lavoro scientifico dal titolo: “Peripheral entrapment neuropathies of the upper extremity”. Viene affrontata una delle cause di dolore alla spalla meno frequenti
     
  • La gastrite atrofica: una precancerosi di frequente riscontro
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - La Gastrite Atrofica (distinta nei due tipi A, su base autoimmunitaria, e B, su base infettiva HP-correlata) è un processo di infiammazione della mucosa gastrica di tipo cronico, che si sviluppa gradualmente e può durare per un periodo di tempo molto lungo
     
  • Esofago di Barrett: prevenzione, diagnosi e terapia della complicanza tumorale
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - In questo ultimo decennio l’endoscopia ha dato una svolta determinante nel campo della diagnosi e della terapia dell’esofago di Barrett. In particolare, le attuali tecniche endoscopiche di resezione/ablazione hanno ormai sostituito l’intervento chirurgico di esofagectomia (gravato da mortalità e complicanze importanti) quando si è in presenza di lesioni che possono essere asportate totalmente e il cui rischio di metastasi è nullo o trascurabile (displasia grave, adenocarcinoma T1a)
     
  • Gli Inibitori della Pompa Protonica (PPI): corretto utilizzo e raccomandazioni
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - I farmaci inibitori della pompa protonica (PPI) sono principi attivi molto importanti che hanno modificato la storia delle patologie acido-correlate. Il gruppo dei PPI ha sostituito nell’uso comune il gruppo precedente di antisecretivi, ovvero gli antistaminici (o anti H2) tra i quali ricordiamo la Ranitidina, divenendo largamente più diffusi di questi ultimi per la loro maggiore efficacia. Nel breve termine i PPI sono altamente efficaci ma, sebbene esistano indicazioni per una assunzione a lungo termine (ad esempio nnella terapia dell’esofago di Barrett), va detto che il loro diffusissimo utilizzo cronico spesso non è indicato. Sovente vengono prescritti PPI senza una chiara indicazione; occorre quindi precisare che, sebbene si tratti di molecole considerate “sicure”, recenti studi osservazionali hanno associato il loro utilizzo cronico a diversi rischi (polmonite, infezione da Clostridium difficile, fratture osteoporotiche, etc.) Pertanto sarebbe auspicabile una appropriatezza prescrittiva, poichè l’uso inappropriato di questi farmaci può incidere negativamente sulla salute dei pazienti.
     
  • La gastroscopia transnasale: sempre più gradita da pazienti e medici
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - A quasi 20 anni dalla sua nascita (Shaker, 1994) la gastroscopia trans nasale (GTN) ha conquistato pazienti e medici. I pazienti, in quanto trovano tale esame per niente fastidioso e che non richiede sedazione. I medici perché hanno trovato in questo strumento una nuova possibilità per allargare le indicazioni nell’endoscopia diagnostica e terapeutica del tratto digestivo superiore.
     
  • Gastrite e gastropatia: una patologia spesso misconosciuta ed una terminologia abusata
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - Il termine "gastrite" è, talvolta, erroneamente usato per descrivere i sintomi di dolore o fastidio nella parte superiore dell'addome. In verità molte malattie e disturbi possono causare questi sintomi. La maggior parte delle persone che lamentano sintomi addominali superiori non è affetta da gastrite. La Gastrite è una condizione patologica nella quale il rivestimento dello stomaco (mucosa) è infiammato, ne consegue una ridotta produzione di acido, enzimi e muco con conseguenti turbe digestive.
     
  • La tendinite calcifica della spalla
    Ortopedia - In questo articolo viene affrontato una patologia della spalla non poco comune e talvolta sottovalutata. L'intenzione dell'autore è quella di esplicitare meglio tale patologia dando informazioni precise e dettagliate
     
  • La calcolosi salivare (sialolitiasi o scialolitiasi)
    Odontoiatria e odontostomatologia - Condizione patologica che interessa nell’85-90% dei casi la ghiandola sottomandibolare. Si manifesta con aumento del volume della ghiandola in concomitanza dei pasti e dolori di tipo colico.
     
  • Tumore dello stomaco: prevenzione e diagnosi precoce
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - Il tumore dello stomaco rappresenta il quarto “big killer” (dopo polmone, seno e colon retto) nel nostro paese, però la maggior parte delle persone conosce ben poco di tale patologia. Le nuove tecnologie endoscopiche consentono di diagnosticare precocemente e rimuovere definitivamente il tumore allo stadio iniziale.
     

Consulti relativi a "Aplasia"

News relative a "Aplasia"

  • La prevenzione secondaria del cervico-carcinoma
    Ginecologia e ostetricia - Lo Screening può essere definito come l’applicazione sistematica di un test al fine di identificare soggetti che sono a rischio di sviluppare una specifica malattia tale da richiedere ulteriori indagini di approfondimento. Le assunzioni che sono alla base dell’offerta di un test di screening oncologico a una popolazione sono che: 1) sia possibile identificare la neoplasia, se p [continua...]
     
  • Reflusso, ernia iatale e cancro esofageo: correlati ad obesità e cinture strette?
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - Nell’obesità centrale (chiamata anche obesità viscerale o androide, caratterizzata dalla distribuzione del grasso corporeo prevalentemente a livello addominale) un girovita eccessivo ed una cintura stretta possono essere considerati due fattori di rischio per il cancro dell'esofago. Lo suggerisce uno studio effettuato presso l’ “Institute of Cardiovascular and Me [continua...]
     
  • Neonato con pochi capelli: patologia o fatto fisiologico?
    Dermatologia e venereologia - I capelli nel neonato sono, come qualcuno ama dire, "i capelli dell'angelo" e per tanti un bel motivo di sorriso, mentre accarezzano la testolina. Di solito scherzosamente i genitori e nonni chiamano il bimbo "il pelatone!!!" o, nel caso opposto "Ma tu guarda quanti capelli..." e si lasciano andare a ricordi e analogie. Ma talvolta una minima preoccupazione la possono dare. Tralasciando forme p [continua...]
     
  • Helicobacter pylori è un fattore di rischio anche per le neoplasie del colon
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - Non si tratta di una novità in senso assoluto: già due metaanalisi in passato avevano studiato il rapporto e stabilito una relazione tra infezione e aumento dei rischio di sviluppare tumori benigni o maligni al colon. Si trattava però di lavori con piccoli numeri e nei quali l’ infezione veniva determinata mediante esami ematici. Uno studio attuale invece condotto negli Stati Uniti e appena pubb [continua...]
     
  • Un caso di CAMT (trombocitopenia congenita amegacariocitica)
    Pediatria - Questa rara malattia ereditaria del midollo osseo è caratterizzata da trombocitopenia isolata e ipo o amegacariocitosi midollare ad esordio neonatale senza anomalie fisiche caratteristiche. La maggior parte dei pazienti sviluppa una grave anemia aplastica e citopenia trilineare durante i primi anni di vita: E' causata da mutazioni omozigoti o eterozigoti composte dal protoncogene MPL che codifica [continua...]
     
  • Infertilità maschile: spermiogrammi e classificazioni
    Andrologia - La classificazione delle infertilità maschili. Questo Blog non contiene alcun elemento di novità, si esaurisce in una tabella e l’ho scritto per venire incontro a tutti quegli utenti che chiedono come e perché il loro spermiogramma sia alterato. L’alterazione dello spermiogramma non è una malattia, ma un sintomo di una patologia a carico del processo di fabbricazione degli spermatozoi, in questo [continua...]
     
  • Gastrite? Olga ci aiuta...
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - Il termine gastrite è spesso usato in modo improprio e fuorviante nel linguaggio comune. Svariate situazioni nelle quali compare dolore o bruciore epigastrico non meglio caratterizzato vengono etichettate come ‘gastrite’. In realtà la diagnosi di gastrite prevede un esame istologico eseguito su biopsie della mucosa gastrica eseguite in corso di gastroscopia ed indica genericamente una condizio [continua...]
     
  • Se la “Contraccezione” fa rima con “Emancipazione”
    Ginecologia e ostetricia - A mio avviso la dissociazione dell'atto sessuale dalla riproduzione ha permesso negli ultimi 50 anni alla donna di potersi affermare anche come individuo sociale, attivo in molti ambienti e soprattutto in quello lavorativo. Il merito di questa metamorfosi è senza dubbio da attribuire a Gregory Pincus, il biologo che inventò la contraccezione orale, già conosciuto sin dal 1932 come il “Frankenste [continua...]
     
  • La genitoscopia per le infezioni genitali da HPV: cosa si fa in ambulatorio?
    Dermatologia e venereologia - Parte fondamentale dell'approccio medico ai pazienti con sospette lesioni genitali da HPV (Human Papilloma virus) è la genitoscopia. Essa si inserisce solitamente alla fine di una anamnesi correttamente ottenuta e prima della esecuzione di eventuali esami (tecniche di biologia molecolare:Southern blot, Dot blot,ISH,FISH,PCR) ed ulteriori accertamenti per casi specifici. Si tratta di un esame obi [continua...]
     
  • La secchezza del glande e del pene: cosa fare? e quali le principali cause?
    Dermatologia e venereologia - La Secchezza del Pene o del Glande in particolare, è una delle condizioni che più spesso vengono documentate dal Paziente allo specialista in Venereologia. Di solito, un paziente di sesso maschile nota che in un momento preciso o da un periodo di tempo determinato, il proprio organo genitale manifesta una estrema secchezza della pelle esterna (prepuzio esterno - ovvero la pelle [continua...]
     

Consulti recenti su "Aplasia"



  Il termine Aplasia è stato visto 6984 volte.
 

Specialisti in Ortopedia:


Trova il tuo Ortopedico »

advertising
 

News dai blog degli specialisti:

ultima modifica:  11/10/2015 - 0,52         2000-2017 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. una società di CompuGroup Medical Italia SpA - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it -
Fax: 02 89950896        Privacy Policy