Carcinoma in situ [Senologia]

Definizione: Detto anche "non invasivo". Caratterizzato dalla proliferazione di elementi epiteliali atipici all'interno dei lobuli o dei dotti,senza superamento della loro membrana basale. (Dr. Salvo Catania)

APPROFONDIMENTI

Articoli relativi a "Carcinoma in situ"

  • La prevenzione del carcinoma della cervice uterina
    Ginecologia e ostetricia - La prevenzione del carcinoma della cervice uterina si esegue attraverso l'impiego del pap test e della colposcopia, cui recentemente è stato affiancato il test HPV
     
  • Patogenesi del carcinoma della cervice uterina
    Ginecologia e ostetricia - Oggi si ritiene che il carcinoma della cervice uterina sia un tumore nella maggior parte dei casi di origine virale, in rapporto ad una infezione da papillomavirus
     
  • Gestione delle neoplasie vescicali superficiali ad alto rischio
    Urologia - Il tumore della vescica rappresenta un problema sanitario di grosso impatto economico.Per fortuna oggigiorno la maggior parte delle neoformazioni diagnosticate risulta essere di forma superficiale confinata alla mucosa o alla lamina propria
     
  • Tumore del pancreas: cause, sintomi, diagnosi e terapia del “big killer”
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - Il cancro del pancreas è definito il “grande killer” o la “malattia silente”, queste definizioni identificano una malattia assai insidiosa oltre che letale. La malattia è difficile da diagnosticare, e la diagnosi è spesso fatta in ritardo nel corso della malattia. In Europa, il cancro del pancreas si colloca al 10 °fra i tumori più frequente, pari a circa il 2,6% dei casi di cancro in entrambi i sessi, rappresenta l'ottava causa di morte per cancro con circa 65.000 decessi ogni anno. L'incidenza aumenta rapidamente con l'età da 1,5 casi/anno ogni 100.000 abitanti (in pazienti di età compresa fra i 15 ed i 44 anni di età) per arrivare a 55 casi/anno ogni 100.000 abitanti (in pazienti di che hanno superato i 65 anni di età). L’elevato tasso di mortalità è legato alla elevata incidenza di malattia metastatica nel momento in cui viene formulata la diagnosi. Negli ultimi anni non è stato osservato alcun aumento dei tassi di sopravvivenza
     
  • Esofago di Barrett: prevenzione, diagnosi e terapia della complicanza tumorale
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - In questo ultimo decennio l’endoscopia ha dato una svolta determinante nel campo della diagnosi e della terapia dell’esofago di Barrett. In particolare, le attuali tecniche endoscopiche di resezione/ablazione hanno ormai sostituito l’intervento chirurgico di esofagectomia (gravato da mortalità e complicanze importanti) quando si è in presenza di lesioni che possono essere asportate totalmente e il cui rischio di metastasi è nullo o trascurabile (displasia grave, adenocarcinoma T1a)
     
  • Tumore dello stomaco: prevenzione e diagnosi precoce
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - Il tumore dello stomaco rappresenta il quarto “big killer” (dopo polmone, seno e colon retto) nel nostro paese, però la maggior parte delle persone conosce ben poco di tale patologia. Le nuove tecnologie endoscopiche consentono di diagnosticare precocemente e rimuovere definitivamente il tumore allo stadio iniziale.
     
  • Il polipo maligno (cancerizzato) del colon
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - Il cancro colo-rettale origina in oltre il 90% dei casi da un precursore locale benigno che è l’adenoma o polipo adenomatoso. Considerando che il tempo di passaggio da adenoma a cancro è mediamente 10-15 anni, questo ci consente di poter attuare una diagnosi precoce e l’asportazione endoscopica di tali polipi rappresenta la più valida forma di prevenzione del cancro colo-rettale in quanto interrompe la sequenza adenoma-carcinoma. Nel 2-12% degli adenomi rimossi in colonscopia è possibile riscontrare delle forme precoci di cancerizzazione dove l'endoscopia può essere risolutiva.
     
  • Cute e AIDS: la Pelle come spia per la diagnosi precoce della malattia
    Dermatologia e venereologia - La Cute e le regioni Mucose visibili all’occhio clinico, si prestanto molto bene al sospetto e alla identificazione di forme e patologie dermatologico venereologiche correlate all’AIDS – Sindrome dell’immunodeficienza Umana.
     
  • La Balanite Plasmacellulare di Zoon: Diagnosi differenziale e nuove Prospettive terapeutiche
    Dermatologia e venereologia - La Balanite plasmacellulare di Zoon è una malattia cronica infiammatoria non infettiva ad eziopatogenesi sconosciuta a carico della mucosa del glande e/o del prepuzio interno
     
  • Tumore del seno: come si calcola il rischio reale
    Senologia - I dati di un clcolo teorico del rischio reale possono essere utilizzati orientativamente per un programma di sorveglianza. I risultati finali sono delle stime di un BASSO, MEDIO, ALTO RISCHIO di ammalare di tumore al seno...
     

Consulti relativi a "Carcinoma in situ"

News relative a "Carcinoma in situ"

  • Carcinoma superficiale della vescica. Come comportarsi
    Urologia -  Nella review che riporto in bibliografia sono stati coinvolti alcuni tra i più autorevoli esperti di neoplasia transizionale della vescica (internetional bladder cancer group), e riassume e confronta le raccomandazioni emerse dalle principali linee guida internazionali (EAU, FICBT, NCCN, AUA). Questo argomento è in effetti uno dei più dibattuti nell&rsqu [continua...]
     
  • Efficacia del vaccino anti-HPV
    Ginecologia e ostetricia - Circa trenta anni or sono il professor Harald zur Hausen scopriva il virus HPV (Human Papillomavirus) come responsabile del cervicocarcinoma. Dieci anni dopo furono riprodotte in laboratorio le VLPs (Virus Like Particles) dell’HPV-16; dovranno passare altri dieci anni perché siano pubblicati i risultati di studi che dimostrano la capacità immunogenica e quindi l’efficacia [continua...]
     
  • La terapia delle Neoplasie Vescicali Non Muscolo Invasive (NMIBC)
    Urologia - Per questo tipo di tumori non esiste una terapia standard uguale per tutti i pazienti , ma essa va commisurata al paziente in base alle sue aspettative, alla presenza di patologie concomitanti ed è variabile da scuola a scuola in base alla esperienza sul campo; Per il trattamento delle NMIBC è necessario eseguire una classificazione degli stessi in base al rischio di recidiva (riformarsi del tumo [continua...]
     
  • Evoluzioni nella diagnosi del Tumore della Vescica: Cistoscopia a Fluorescenza e a "Banda Stretta"
    Urologia - La cistoscopia è una tecnica diagnostica che si avvale di uno strumento denominato “cistoscopio” (rigido o flessibile) costituito principalmente da una ottica che può avere un angolo di visuale variabile. Il cistoscopio si collega ad una fonte luminosa a luce bianca, ad una fonte di irrigazione (soluzione fisiologica) ed infine ad una telecamera  collegata ad un monitor  che ci permette una vision [continua...]
     
  • Esiste una correlazione fra Calcificazioni e Tumore del Testicolo?
    Urologia - Le calcificazioni o microlitiasi testicolari sono dei riscontri ecografici non frequenti ed occasionali che si manifestano come multipli  “spot iperecogeni” (puntini bianchi) di diametro massimo di 3mm determinando il classico quadro ecografico definito “a cielo stellato"; a tutt’oggi il loro significato è controverso così come la loro origine. Negli ultimi anni è stata focalizzata l’attenzione su [continua...]
     
  • Tumore della vescica: necessari i controlli uroTAC
    Urologia - Da uno studio dell'universita' di Dallas (Texax) si conferma la necessità di uno stretto monitoraggio dei pazienti affetti da carcinoma in situ della vescica, che hanno un elevato rischio di sviluppare tumori renali ed ureterali rendendo necessaria l'esecuzione di esami diagnostici quali l'UroTAC nel corso del follow up.   (Urology 2010, dicembre) [continua...]
     
  • Come si calcola il rischio reale per il tumore al seno
    Senologia - Hai una storia familiare (uno o più familiari) di tumori al seno e ovaio?Una lunga storia di sintomi o esami controversi (es.esami istologici precedenti) che riguardano la salute del tuo seno?Ti senti confusa e sopraffatta dalle notizie contrastanti che si leggono ogni giorno e vuoi sapere come distinguere un rischio che è importante da uno che non lo è? Il calcolo del rischi [continua...]
     

Consulti recenti su "Carcinoma in situ"

  • Nessun risultato trovato.


  Il termine Carcinoma in situ è stato visto 6509 volte.
 

Specialisti in Senologia:


Trova il tuo Senologo »

advertising
 

News dai blog degli specialisti:

ultima modifica:  11/10/2015 - 0,47         2000-2017 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. una società di CompuGroup Medical Italia SpA - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it -
Fax: 02 89950896        Privacy Policy