Osteosi [Ortopedia]

Definizione: Termine generico che indica un processo degenerativo dell'osso. Non so tratta, dunque, di un processo infiammatorio acuto. (Dr. Antonio Valassina)

APPROFONDIMENTI

Articoli relativi a "Osteosi"

  • Le fratture del piatto tibiale
    Ortopedia - Le fratture del patto tibiale sono il risultato di un trauma ad alta o bassa energia. Il tipo ed il grado di scomposizione rappresentano un fattore importante nella valutazione del trattamento da adottare. L' obbiettivo finale e' la prevenzione della rigidita', dell' instabilita' e dell' artrosi tardiva del ginocchio e di un risultato funzionale insoddisfacente.
     
  • Frattura del capitello e del collo del radio
    Ortopedia - Le fratture del capitello e del collo del radio appartengono al grosso capitolo delle fratture del gomito. Sono lesioni comuni che avvengono in circa il 20% di tutti i traumi acuti del gomito e incidono per circa il 33% di tutte le fratture del gomito, includendo sia il capitello sia il collo sia entrambi. Per lo più si riscontrano come fratture isolate ma possono arrivare fino al 90% associate ad altre lesioni del gomito. Le particolari caratteristiche biologico-anatomiche influiscono sull'incidenza della frattura del capitello radiale rispetto a quella del collo. Infatti, le prime capitano più frequentemente nell'adulto mentre le seconde più nei bambini. Tale particolarità è dovuta al fatto che nei bambini in via di accrescimento, la regione metafisaria è meno resistente e quindi più debole e predisposta alla lesione.
     
  • Le fratture di omero prossimale
    Ortopedia - Le fratture di omero prossimale sono in forte aumento ed è per questo che sono oggetto di maggiore attenzione e crescente specializzazione. L’innalzamento della vita media è sicuramente uno dei motivi di tale aumento e a oggi le fratture dell'omero prossimale rappresentano il 4-5% di tutte le fratture degli adulti. Non c’è un’età maggiormente colpita ma nei pazienti di età superiore ai 60 anni, rappresentano la terza frattura più comune dopo la frattura del femore e quella del radio. Il sesso femminile è colpito con un rapporto 3-4:1 rispetto a quello maschile
     
  • Transaminasi alte (ipertransaminasemia) le cause, cosa fare, come interpretare l'aumento dei valori
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - E’ piuttosto frequente riscontrare degli innalzamenti, spesso lievi, dei valori delle transaminasi sieriche, anche in pazienti asintomatici, spesso a seguito di indagini ematochimiche di routine richieste dal proprio medico di base. Occorre dire che non sempre una ipertransaminasemia di lieve entità viene presa nella dovuta considerazione dal medico, con il rischio di non identificare una malattia epatica, potenzialmente curabile. Le transaminasi sono degli enzimi intracellulari, che possono derivare da vari organi o tessuti. La causa più comune di ipertransaminasemia è la Steatosi (fegato grasso) non-alcolica (NAFLD, Non Alcoholic Fatty Liver Disease, NAFLD), che può colpire fino al 30% della popolazione; l’evoluzione estrema della NAFLD è la Steatoepatite non alcolica (NASH, Non-Alcoholic SteatoHepatitis), considerata una delle principali cause di cirrosi epatica di origine ignota. Se l’anamnesi e l'esame fisico del paziente non suggeriscono una causa, occorrerà avviare una valutazione graduale sulla base della prevalenza delle malattie che causano lieve innalzamento dei livelli di transaminasi.
     
  • La frattura della clavicola
    Ortopedia - La frattura della clavicola rappresenta il 2,7-5% di tutte le fratture degli adulti e il 45% di tutte le fratture della spalla. Maschi più colpiti delle femmine. Le cause nell'adulto sono dovute a traumi sportivi o incidenti. Esistono differenti terapie a seconda del tipo di danno
     
  • Il dito a martello (lesione di Segond, lesione di Bush)
    Chirurgia della mano - Il dito a martello è una deformità del dito, determinata dalla rottura sottocutanea del tendine estensore vicino alla sua inserzione sulla falange ungueale, dovuta ad un trauma in flessione, talora di lieve entità (ad es. rimboccando le coperte del letto, oppure togliendo una calza), talvolta più violento (ad es. urto contro una porta, pallonata giocando a pallavolo, ecc.).
     
  • Le lesioni dei tessuti molli nei traumi degli arti
    Ortopedia - Le lesioni delle parti molli oggi vengono trattate immediatamente in urgenza cercando di limitare al massimo l'uso successivo di lembi liberi microvascolari. La VAC ha assunto un ruolo di primo piano nel migliorare la prognosi.
     
  • Metastasi alle ossa: complicanze e corretto approccio
    Oncologia medica - Breve riassunto della patologia metastatica alle ossa
     

Consulti relativi a "Osteosi"

News relative a "Osteosi"

  • Protesi del ginocchio nel passato: Gluck, un genio dimenticato
    Ortopedia - Oggigiorno la chirurgia del ginocchio offre ai pazienti artrosici una vastissima gamma di soluzioni protesiche, in grado di ridare una "nuova vita" a quei pazienti sofferenti per il dolore e la grave invalidità che l'artrosi del ginocchio può causare. Tutti i libri di chirurgia del ginocchio identificano -come antesignani della chirurgia protesica- Campbell e Smith-Petersen, con i loro esperiment [continua...]
     

Consulti recenti su "Osteosi"

  • Nessun risultato trovato.


  Il termine Osteosi è stato visto 2615 volte.
 

Specialisti in Ortopedia:


Trova il tuo Ortopedico »

advertising
 

News dai blog degli specialisti:

ultima modifica:  11/10/2015 - 0,55         2000-2017 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. una società di CompuGroup Medical Italia SpA - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it -
Fax: 02 89950896        Privacy Policy