Visita Medicitalia per info su Dr. Matteo Preve, Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze. Trova telefono, indirizzo dove riceve, patologie trattate e curriculum.

Attenzione: l'iscritto non si collega da più di sei mesi, i dati potrebbero essere non aggiornati.

Dr. Matteo Preve

Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze

Specialista in:

411 Consulti

10 Recensioni

Feed Rss Rss

Scheda vista 56.859 volte

Indice di attività:
44% attività +44
0% attualità +0
16% socialità +16
Centro Psicosociale

Via Giovanni XXIII, 25063 Gardone Val Trompia - 25062 Concesio (Brescia) (BS) - Mappa

10.204179899999986 45.65155

Vedi dettagli

Poliambulatorio

Piazza dei Mille 29/A - 57100 Livorno (LI) - Mappa

10.3155023 43.5529538

Vedi dettagli

Ultime recensioni ricevute

disponibile, professionale. grazie mille per la sua risposta!!!!

Ottimo!!!

Se fosse a Roma, mi farei seguire sicuramente da Lui!!!

Ringrazio per la risposta molto soddisfacente

Sempre molto preciso, dettagliato ed estremamente disponibile! Grazie di cuore!!!

Visualizza tutte le recensioni

Ultimi consulti erogati

Cipralex e bromazepam
07-11-2015 - Psichiatria
Visto 2.679 volte
Visto 1.399 volte
Alcolici
10-03-2014 - Psichiatria
Visto 1.704 volte
Ansia ?
15-09-2013 - Psichiatria
Visto 2.349 volte
Psicofarmaci
05-09-2013 - Psichiatria
Visto 1.999 volte

Visualizza tutti i consulti

Ultimi articoli dal blog

Dopo la sigaretta elettronica, arriva lo spazzolino alla caffeina!
29-06-2013 - Psichiatria

6 commenti ottenuti

Partecipa anche tu! Clicca qui

Visto 5.359 volte
Alti livelli di pCRH sono indice di depressione post-partum, o no?
15-06-2013 - Psichiatria

Nessun commento

Vuoi essere il primo a commentare questo blog? Clicca qui

Visto 3.332 volte
Niente più piano terapeutico per gli antipsicotici atipici
26-05-2013 - Psichiatria

Nessun commento

Vuoi essere il primo a commentare questo blog? Clicca qui

Visto 45.520 volte
Esistono dei predittori genetici associati all'ideazione suicidaria?
19-05-2013 - Psichiatria

Nessun commento

Vuoi essere il primo a commentare questo blog? Clicca qui

Visto 2.793 volte
“Biomarkers” del disturbo bipolare
29-04-2013 - Psichiatria

5 commenti ottenuti

Partecipa anche tu! Clicca qui

Visto 8.735 volte

Visualizza tutti gli articoli/news del blog

Ultimi articoli scientifici MinForma

Visto 50.324 volte

Glossario medico

Accelerazione ideica

Alterazione della forma del pensiero che si caratterizza per l'incremento del flusso, della fluidità e del ritmo del pensiero, della velocità delle idee e pensieri. Il pensiero pùò essere talmente accelerato da diventare frammentato e furioso, con una conseguente perdita della coerenza interna e dei nessi associativi (fuga delle idee). Questa alterazione viene percepita dal soggetto e spesso si accompagna alla presenza di associazioni ideiche, neologismi, giochi di parole, assonanze.

Acetilcolina

E' il primo neurotrasmettitore identificato (1914), utilizzato a livello delle sinapsi del SNC con effetto eccitatorio ed anche nel SNA (sistema simpatico e parasimpatico). L'Ach agisce attraverso il legame con i recettori nicotinici e muscarinici.

Aderenza Terapeutica

Riflette il comportamento del paziente riguardo alla assunzione della terapia farmacologica, che accetta così come proposta dal medico, ma al tempo stesso identifica l'utilità e la finalità del trattamento. Si inserisce nel contesto di un progetto terapeutico concordato e motivato tra medico e paziente, dove il paziente non è solo un passivo agente (come nella compliance), ma è conscio della propria malattia e della terapia in toto (intermini di costo e beneficio).

Affollamento Ideico

Consiste in una alterazione della forma del pensiero che si caratterizza per l'incremento della produzione ideica (aumento della quantità dei pensieri). Può essere espressione di ruminazione, rimuginio, automatismo ideico, ripetitività.

Biomarker

Si intende una marcatore biologico, cioè una sostanza indicatore di una particolare stato biologico, che permette anche di distinguere uno stato patologico da uno stato di malattia. Puó essere una molecola che individua o permette di isolare un gruppo di cellule oppure un frammento di una sequenza di DNA causa di malattia o che determina una predisposizione genetica verso una malatia.

Bipolare

Solitamente da riferire alle patologie dello spettro bipolare, cioè a quei disturbi dell'umore che si caratterizzano per la presenza di episodi depressivi alternati, secondo diversi tipo di cicli, a episodi misti, ipomaniacali o maniacali.

Capacità di Intendere

Si intende l'abilità o l'attitudine dell'individuo a comprendere il significato delle proprie azioni nel contesto in cui agisce.

Capacità di Volere

Si intende la capacità che l'individuo possiede ed esercita verso i prorpi stimoli ed impulsi, come un vero e proprio potere di autocontrollo dela propria spinta ad agire.

Depersonalizzazione Affettiva

detta anche "Apatia apatica" (Tatossian, 1979) si caratterizza per l'incapacità dell'individuo a provare emozioni ed allo stesso tempo, proprio per questo, essere profondamente angosciato da questa condizione (essere angosciato perchè non si prova più alcuna emozione e sentimento per i propri cari). Inoltre secondo la classica definizione di Wernicke, successivamente rielaborata da Jaspers, rappresenterebbe l'incapacità del sè di permeare le percezioni di sensazioni emotive.

Depersonalizzazione Autopsichica

Esperienza in cui l'individuo percepisce le proprie azioni come estranee e non appartenenti a sè (ad esempio avere la sensazione che il comportamento è fuori controllo, di parlare come se uno fosse un robot, di essere un "distacccato osservatore" di se stesso, ecc.) . Può accompagnare alcuni disturbi psichiatrici come il disturbo ossessivo compulsivo.

Depressione Melanconica

E' una forma di depressione che si caratterizza per la presenza di una particolare qualità dell'umore, in cui il peso della prorpia condizione è avvertito dalla persona in termini somatici ed espresso come una sofferenza non ben definibile ma localizzabile in alcuni distretti corporei (al petto o allo stomaco). Il malato lamenta una "oppressione", un "peso", una "smania" al corpo, qualcosa di indefinibile eppure concreto (un dolore morale materializzato nel corpo).

Derealizzazione

Esperienza in cui il soggetto percepisce come estraneo l'ambiente circostante (ad esempio avere la sensazione che il mondo sia irreale e strano, avere la sensazione di vivere un sogno, di sentirsi tagliato fuori dal mondo, di vedere il mondo come attraverso una nebbia, ecc.).

Disforia

Ovvero umore disforico. É un particolare stato del tono dell'umore che si caratterizza per una qualità dell'umore che si presenta flesso ma anche irritabile, teso, nervoso. Spesso associata ad ansia, impulsività, può essere la tonalità affettiva che caratterizza gli stati astinenziali (come nella sindrome ipoforica).

Disturbo da Alimentazione Incontrollata

Disturbo Alimentare caratterizzato dalla presenza di ricorrenti episodi di alimentazione incontrollata in cui: il soggetto ingerisce in un certo tempo (circa 2 ore) una quantità di cibo superiore a quella che una persona mangerebbe nello stesso tempo; la persona avverte di aver perso il controllo durante l'episodio. Queste "abbuffate" si associano a mangiare piú rapidamente del normale fino a sentirsi spiacevolmente pieni, senza fame, in solitudine, provare emozioni negative dopo ogni episodio.

Disturbo Ossessivo Compulsivo

disturbo caratterizzato dalla presenza di idee e pensieri intrusivi e persistenti (ossessioni) che assediano la mente e che, per tale motivo, generano intensa ansia, angoscia, e portano l'individuo a compiere dei rituali o determinate azioni che devono essere ripetute secondo una determinata modalità (compulsioni). Le compulsioni determinano riduzione dell'ansia ma incremento delle ossessioni potando ad un vero e proprio circolo vizioso riverberante.

Effetto collaterale

Effetto farmacologico non desiderato legato alla azione farmacologica del farmaco.

Emivita

è un parametro farmacocinetico che consiste nel tempo necessario di dimezzamento (riduzione del 50%) di una sostanza (farmaco, sostanza di abuso, ecc.) all'interno del sangue (nel siero o nel palsma).

Emozione

Sentimento psichico reattivo, di carattere acuto, di grado marcato e accompagnato da fenomeni somatici. Le emozioni basilari sono rappresentate da: felicità, tristezza, disgusto, rabbia, sorpresa, ansia,

Emozioni

Sentimenti psichici reattivi, di carattere acuto, di grado marcato e accompagnati da fenomeni somatici (ad es. spavento, furore, giubilo)

Endofenotipo

Componente misurabile invisibile a occhio nudo disposta all'interno del percorso esistente tra genotipo e fenotipo di una malattia. L'endofenotipo é un semplice indizio delle basi genetiche della stessa malattia. Deve essere 1) ereditabile; 2) associato con la malattia nella popolazione; 3) indipendente dallo stato di malattia; 4) co-segregato all'interno delle famiglie; 5) si ritrova in familiari affetti e non affetti nella famiglia.

familiarità

Trasmissione per via genetica di alcune determinate caratteristiche (patologiche e non) tra gli individui di una stessa famiglia. Si può considerare la familiarità come un fattore di rischio per lo sviluppo di una certa malattia o come fattore protettivo che determina anche dal punto di vista socio-culturale la presenza di comportamenti adeguati e protettivi verso lo sviluppo di malattie.

Farmacogenomica

É la scienza, branca della biologia, che si interessa di come le conoscenze sul genotipo e fenotipo (DNA, mRNA e proteine) umano, possano essere utilizzate nella scoperta e sviluppo di nuovi faramci.

Glutammato

E' un amminoacido costituente le proteine ma, all'interno del SNC, è anche un neurotrasmettitore eccitatorio e precursore del GABA (acido gammaamino butirrico). Esplica la sua azione attraverso i recettori mGLU, AMPA ed NMDA. La eccitotossicità indotta da glutammato sembra essere coinvolta nella patogenesi di alcune malattie neurologiche (SLA ed Alzheimer) e psichiatriche (schizofrenia e disturbi dell'umore).

Hamiton Rating Scale for Depression (HAM-D)

E' un questionario a risposte multiple utilizzato per fornire una indicazione sulla depressione. Fù pubblicato originariamente da Max Hamiton (1960) in una versione a 17 Item poi allargata a 29. Il questionario può essere utilizzato negli adulti per valutare la gravità della depressione (ed il miglioramento nella fase di recupero) valutando umore, sentimenti di colpa, ideazione suicidaria, agitazione o rallentamento, insonnia, ansia, diminuzione di peso e sintomi somatici.

Ideazione di contrasto

Fenomeno mentale molto spesso associato alla paura di perdere il controllo e presente nel disturbo ossessivo compulsivo. Si caratterizza per la presenza di una ideazione (idee, pensieri, immagini mentali, atti mentali) che genera intensa ansia, angoscia, facendo percepire al soggetto l'imminenza di una possibile azione e le eventuali conseguenze, ed al tempo stesso la volontà di non effettuare quello che é rappresentato mentalmente, ma temere di poterlo fare.

Insight

Ovvero consapevolezza di malattia, cioè capacità della persona di poter riconoscere i fenomeni abnormi psichici o fisici come parte di una malattia e, quindi, come tali generati da uno stato psicopatologico alla base della malattia.

Ketamina

E' una sostanza ad azione anestetica generale, ad uso prevalentemente parenterale, non barbiturico, ad azione rapida, che determina una anestesia dissociativa. E' anche usata come sostanza d'abuso con il nome di "Special K" per la sua azione dissociativa ed euforizzante. La ketamina si è riscontrata utile nel trattamento della depresione bipolare e delle forme depressive resistenti al trattamento farmacologico (Diazgranados N e coll., Arch Gen Psych 2010).

Logorrea

Aumento della produttività verbale. Molto spesso l'eloquio diviene irrefrenabile, prolisso, ampolloso, ricco di dettagli, giochi di parole, retorico, barocco. I contenuti tendono ad associarsi per semplice assonanza ed attraverso la formazione di parole nuove (neologismi), suoni nuovi, fino a raggiungere una vera e propria "insalata di parole".

Mania Rating Scale (Y-MRS)

E' una scala di valutazione composta di 11 item (umore, attività motoria, disturbi del contenuto e della forma del pensiero, capacità critica, aggressività, libido, disturbi del sonno e atteggiamento generale) utilizzata per valutare la gravità della sintomatologia maiacale nei pazienti adulti.

Montgomery-Asberg Depression Rating Scale (MADRS)

E' un questionario diagnostico composto da 10 item (umore depresso, tensione, disturbi del sonno e dell'appetito, difficoltà di oncentrazione, astenia, perdita dei sentimeni, pensieri pessimistici e suicidari) con cui si può misurare la gravità degli episodi depressivi negli adulti. La scala può essere impiegata per valutare le modificazioni della sintomatologia sotto trattamento.

Mostra altri termini

Neurolettici

Classe di psicofarmaci ad azione sedativa, deliriolitica ed antipsicotica, ad azione prevalentemente antagonista sul sistema dopaminergico (D2), che vengono utilizzati in psichiatria nel trattamento di alcuni disturbi psichiatrici come schizofrenia, disturbo schizoaffettivo e disturbo bipolare.

Onanismo

É un termine coniato nel settecento con cui si intende ogni atto teso a impedire la generazione della prole attraverso il coito interrotto o la dispersione del seme (vedi Genesi, 38,6-10). Nella terminologia propriamente scientifica si intende il bisogno compulsivo di mastrurbazione. Può essere un sintomo presente in altri disturbi psichiatrici (disturbo ossessivo compulsivo, mania, ecc.).

Patofobia

è la paura di contrarre una malattia. Si distingue dalla ipocondria per la specificità verso cui è diretta la fobia e per la qualità della paura (che solitamente è più intensa e può raggiungere una tonalità delirante nella ipocondria).

Pensiero

è una attività mentale espressione delle funzioni cognitive superiori. Si caratterizza per il fluire delle idee e dei pensieri che si susseguono nella mente seguendo un corso (come l'acqua in un fiume).

Pensiero dicotomico

è una modalità di elaborazione cognitiva del pensiero del tipo tutto o nulla, bianco o nero, cento o zero.

Pensiero Egodistonico

É un tipo di pensiero che viene avvertito dal soggetto come estraneo ed intrusivo, ed anche perseverativo.

Pensiero magico scaramantico

è una delle modalità di pensare più arcaiche, definita anche da alcuni studiosi come la più semplice. Nella elaborazione cognitiva il magico sta in una errata correlazione tra le cause (ad es. un tipo di pensiero magico potrebbe essere: "se il numero delle macchine che passano è dispari, tutto andrà bene, se è pari, tutto andrà male").

Psiche

a seconda del campo in cui il termine è utilizzato può assumere diversi significati che vanno dall'essenza spirituale o anima (in ambito spirituale), all'insieme delle facoltà mentali e conoscitive (in filosofia), per giungere, in psichiatria e psicologia, al complesso delle funzioni psichiche (cognitive ed affettive) dell'individuo che non fanno parte della funzione organica corporea.

psichiatria

Branca della medicina che si occupa della salute mentale ed in particolare della prevenzione, cura e riabilitazzione delle malattie mentali.

Psicolettico

solitamente si intende una sostanza che presenta una azione di tipo modulatoria o sedativa, deprimente o rilassante sulle attivita mentali.

Psicopatologia

E' lo studio sistematico di esperienze, cognizioni e comportamenti abnormi. Si occupa dell'abnorme psichico, ricerca ed analizza le leggi ed i principi generali che sottendono quei fenomeni psichici definiti "disturbi psichici" (Sarteschi e Maggini, 1982; Sims, 2003).

Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale

É un tipo di psicoterapia che viene utilizzata soprattutto nel trattamento dei disturbi dell'umore e d'ansia. Sviluppata da Beck A. ed Ellis A. come integrazione della terapia cognitiva classica e della rational emotive behaviour therapy. É finalizzata al trattamento individuale, di coppia e di gruppo specificatamente per modificare pensieri ed emozioni disfunzionali e comportamenti disadattivi della persona, con il seguente miglioramento della sintomatologia o del disturbo patologico.

Qui e ora

L'Hic et Nunc rappresenta uno dei principi basilari della psicoterapia cognitivo-comportamentale, che consiste nella finalità di agire sulle problematiche attuali del soggetto, cioè valutare il prima, ora e dopo dei meccanismi disfuzionali alla base della sofferenza psicologica attuale, ed intervenire così per migliorare la sofferenza psichica del presente.

Sentimenti

Stati soggettivi dell'Io caratterizzati dalla proprietà del "piacevole" o "spiacevole". Si possono differenziare i sentimenti somatici localizzati (dolore) o diffusi (benessere, sazietà, stanchezza) ed i sentimeti psichici soggettivi (gioia, tristezza, ecc.) e di valore (di valutazione di sé come forza, vergogna, ecc.)

Sonno

Stato di riposo che si contrappone alla veglia, in cui l'organismo recupera energia di tipo psichico e fisico caratterizzato ed accompagnato da una serie di modificazioni neurovegetative e mentali. Nel sonno si distinguono diverse fasi, dette fasi del sonno(I,II, II, IV e REM), all'interno delle quali si registrano differenti attività cerebrali (all'elettroencefalogramma)

Spettro

Consiste in: a) sintomi nucleari atipici del disturbo primario di asse I; b) segni, sintomi isolati, clusters sintomatologici e patterns di comportamento correlati con i sintomi nucleari che possono essere prodromici, rappresentare dei precursori di una condizione clinica non ancora sviluppata, o sequele di un precedente disturbo; c) tratti temperamentali o di personalità (Cassano GB e coll, 1997, 1999).

Stagionalità

Ciclicità, oscillazioni o variazioni biologiche (temperatura, battito cardiaco, secrezione ormonale, attività cerebrale e sonno) che avvengono in relazione ai movimenti astrali. Diversi autori (da Ippocrate ai giorni nostri) hanno riportato dati clinici sulle variazioni stagionali con il possibile coinvolgimento di alcuni geni (clock) nella ricorrenza di alcune patologie (disturbi d'ansia e dell'umore).

Temperamento Ansioso

È un tipo di temperamento che si caratterizza dal fatto che la persona solitamente è apprensiva, ansiosa, ruminativa, sensibile alla rassicurazione, risponde eccessivamente alle situazioni di stress, timida.

Temperamento ciclotimico

É un tipo di temperamento che si caratterizza per il fatto che la persona presenta una alternanza tra i due temperamenti ipertimico e distimico.

Temperamento Distimico

È un tipo di temperamento che si caratterizza dal fatto che la persona solitamente è introversa, chiusa, pessimista, necessita di diverse ore di sonno per ristorarsi, con tendenza alla ruminazione, presenta poche energie.

Temperamento Ipertimico

È un tipo di temperamento che si caratterizza dal fatto che la persona solitamente è loquace, estroversa, espansiva, con atteggiamento di leader, intraprendente, attiva, dinamica, necessita di poche ore si sonno per ristorarsi, assertiva, ottimista, propositiva, esuberante, allegra, sicura di sé, piena di progetti, loquace.

Temperamento Irritabile

È un tipo di temperamento che si caratterizza dal fatto che la persona solitamente è sanguigna, litigiosa, collerica, scontrosa, ipercitica, lamentosa, energica.

Umore

stato d'animo; stato del sentimento di durata maggiore e non sempre di natura reattiva, comprendente i sentimenti somatici, la risonanza "delle esperienze" più recenti; i sentimenti psichici non reattivi, portati dal "fondo".

Volontà

Si intende la capacità intellettiva di una persona di poter determinare le proprie azioni verso uno scopo (ove sia finalizzata e diretta verso un obiettivo). Intrinseco alla volontà si ritrova la finalità dell'essere umano verso scopi determinati.

Well Being

Stato di benessere i prosperità strettamente legato con la qualità della vita dell'individuo.

Wellness

Insieme dei termini well-being e fitness che consiste nell'ottenimento del miglioramento della qualità della vita attraverso l'educazione ad una corretta alimentazione e alla effettuazione di una regolare attività fisica utilizzando una visione positiva (benessere e prosperità psicofisica).

WHO

World Health Organization ovvero Organizzazione Mondiale della Sanità.

Mostra altri termini

Visualizza tutto il glossario medico

Informazioni professionali

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2004 presso Università di Pisa. Iscritto all'Ordine dei Medici di Livorno.

Perfezionato in: Psicoterapia, Medicina delle dipendenze

Verifica dati su FNOMCeO.it »

Curriculum vitae

 
 
CURRICULUM VITAE

Il dott.re Matteo Preve ha conseguito la Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Pisa, in data 16/03/2004 con il voto di 105/110, discutendo la propria tesi in Psichiatria con relatore il Prof. Giovanni Battista Cassano. Nel luglio 2004 si è abilitato alla professione medica sostenendo l’Esame di Stato nella prima sessione del 2004/2005.
Dal 2004 è iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi...

Leggi tutto

e degli Odontoiatri della Provincia di Livorno. Dal 2003/2004 ha iniziato a frequentare come allievo interno la Clinica di Psichiatria dell’Università di Pisa. Dal 2006 è ammesso presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva – SPC/APC (Direttore Prof. F. Mancini), della durata di 4 anni ed iscritto al IV anno accademico - in cui ha affrontato i seguenti argomenti: Psicopatologia dello sviluppo, disturbi dell’attaccamento, diagnosi in età evolutiva, disturbi d’ansia in età evolutiva, disturbi della condotta alimentare, disturbo ossessivo compulsivo, psicoeducazione e social skills training, trattamento cognitivo della paranoia, terapia delle dipendenze, sessuologia e psicologia dei disturbi correlati a traumi, Prevenzione primaria e secondaria, farmacologia. Dal 18/02/2010 ha concluso, superando l’esame finale (votazione 30/trentesimi), la Suola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva – SPC/AC (Direttore Prof. F. Mancini).
In data 28/10/2008 si è specializzato in Psichiatria presso la scuola di Specializzazione dell’Università di Pisa con votazione 110/110 cum laude, discutendo la tesi dal titolo “Impulsività e spettro panico-agorafobico nel disturbo bipolare” con relatore il Prof. Giovanni Battista Cassano.
Nell’Ottobre 2008 risulta vincitore, senza borsa di studio, del concorso pubblico per la scuola di Dottorato di Ricerca in Neurobiologia e Clinica dei Disturbi Affettivi, della durata di tre anni (2009/2011), presso l’Università di Pisa. Conseguimento del titolo di Dottorato in data 8 giugno 2012 (110/110).
Nel gennaio 2009 è ammesso al Master Universitario in “Dipendenze Patologiche: Addictologia” (Università di Pisa AA 2008/2009). Conseguimento del titolo in data 30 settembre 2012.

 
Attività assistenziale

Dal 2004 al 2008 ha prestato la propria opera assistenziale, come medico specializzando, con alternati periodi di formazione presso il Reparto Psichiatrico e Psicopatologico della sezione femminile e reparto psicopatologico della sezione maschile, della Clinica Psichiatrica I di Pisa. Durante questi anni si è occupato del paziente durante la degenza; della raccolta dell’anamnesi; della compilazione delle cartelle cliniche e del collegamento con la psichiatria territoriale per la gestione del paziente nel periodo successivo alla dimissione dal reparto. Dal 2007 al 2008 ha operato, sempre nell’ambito dell’assistenza psichiatrica, come medico specializzando presso gli Ambulatori ed il Day-Hospital della Clinica Psichiatrica di Pisa approfondendo tematiche psicopatologiche e cliniche connesse all’attività quotidiana della clinica, imparando a gestire pazienti al primo contatto specialistico, durante le riacutizzazioni del quadro d’esordio e nel periodo successivo alla dimissione dal reparto e nel follow-up. Dal secondo anno di specializzazione (2005-2006) ha prestato opera presso gli Ambulatori della Clinica psichiatrica ed ha effettuato 32 turni DEU annuali presso il servizio di Pronto Soccorso nella Clinica Psichiatrica, acquisendo conoscenze di Consultazione e Collegamento, effettuando regolari consulenze all’interno delle varie divisioni, Mediche e Chirurgiche, dell’Azienda Ospedaliera-Universitaria Pisana. Dal 2004/2008, nell’ambito del percorso relativo alla psicoterapia cognitivo comportamentale, ha preso in carico numero 10 di pazienti in psicoterapia con idonea supervisione. Ha lavorato presso la Casa di Cura Psichiatrica “Le Ville di Nozzano” convenzionata Azienda USL di Lucca, dal Luglio 2009 al aprile 2011 con mansione di Guardia medica psichiatrica attiva per un totale di ore 1698. Dal 2 maggio 2011 al 20 agosto 2013 ha prestato servizio presso il Comprensorio Sanitario di Bressanone come medico dirigente nella disciplina di psichiatria, fascia A, nella misura di 40 ore settimanali, e presta servizio di pronta reperibilità nel reparto di psichiatria. Dal 5 settembre 2013 sta svolgendo attivit� come Dirigente Medico presso il Centro PsicoSociale di Gardone Val Trompia.

Attività di Ricerca
Dal 2004/2008 ha effettuato presso gli Ambulatori, presso il Day-Hospital e presso il Reparto della Clinica Psichiatrica, attività di reclutamento, somministrazione di scale di valutazione, test Psicometrici (Structural Clinical Interview for DSM Axis I e Axis II (SCID-I e SCID-II), MOOD-SR, PAS-SR, HDRS, YMRS, TCI) e somministrato di Test Neuropsicologici (WAIS, Emotional STROOP, CPT-AX, Figure ed interferenze, Trail making A e B, WSCT) per l’assessment per disturbi dell’umore e schizofrenia nell’ambito di 2 progetti di ricerca del MIUR. Nel 2004 ha partecipato, dal 29 marzo al 1 aprile, ad un training sull’uso di strumenti di valutazione clinica e neuropsicologica, tenutosi presso il Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia della Seconda Università di Napoli, nell’ambito del progetto nazionale di ricerca: “Schizofrenia deficitaria: validazione della diagnosi, esito a lungo termine e determinanti genetici dei sintomi negativi primari e persistenti”. Dal 2007/2008 ha effettuato presso gli Ambulatori della Clinica Psichiatrica, attività di reclutamento per depersonalizzazione e derealizzazione con somministrazione di strumenti di assessment e per validazione di strumento di spettro SCI-DER.  Nel 2008/2009 sta partecipando come co-ricercatore presso la Clinica di Pisa ai seguenti protocolli di ricerca:
- Correlati Clinici dello stato di metilazione del promoter del gene che codifica per il trasportatore della noradrenalina in pazienti con disturbo di panico;
- Studio sui trasportatori del GABA e del Glutammato in piastrine di soggetti con disturbo bipolare rispetto ad un gruppo di volontari sani;

 
Esperienze di insegnamento e presentazioni

- Ha partecipato come relatore a lezioni di semeiotica psichiatrica per i Corsi di Laurea di Riabilitazione Psichiatrica e Fondamenti di prevenzione in psicopatologia per i Corsi di Laurea di Terapia Occupazionale;

Capacità e competenze personali

Ha una buona conoscenza della lingua inglese scritta ed orale; Ha una buona conoscenza della lingua tedesca scritta e orale;
Ha acquisito capacità e competenze informatiche: conoscenza dei principali pacchetti applicativi di Microsoft, in particolare Office Word, Power Point Excel, SPSS per l’analisi dei dati, conoscenza dei diversi internet browser (Explorer, Mozilla Firefox) con approfondita conoscenza dell’utilizzo delle banche dati in medicina e di inserimento dati.
 

TITOLI
Abstract
Pini S, Martini C, Abelli M, Muti M, Montali M, Chelli B, Preve M, Lucacchini A, Cassano GB. Siti di legame del recettore periferico delle benzodiazepine nelle piastrine di pazienti con disturbo di panico associato a sintomi di ansia di separazione. SOPSI, Roma 22-26 Febbraio, 2005. Italian Journal of Psychopatology.
S. Pini, M. Abelli, S. Navari, M. Muti, C. Gesi, M. Preve, G.B. Cassano. Clinical features and separation anxiety symptoms in adult patients with comorbid panic and bipolar disorder. 6th International Conference on bipolar Disorder. Pittsburgh, June 2005.
F. Nardini, M. Preve, L. Macchia, A. Litta, M. Liberti, G. Ceraudo, F. Lenzi, A. Benedetti, L. Musetti, L. Lattanzi, G.B. Cassano Caratteristiche sociodemografiche e cliniche del disturbo bipolare I con differenti età di esordio. SOPSI, Roma 22-26 Febbraio, 2005. Italian Journal of Psychopatology.
M. Preve, S. Pini, M. Mula, I. Giovannini, M. Masini M, E. Maltinti, L. Di Paolo, G.B. Cassano. SOPSIImpulsività e Spettro Panico Agorafobico nel Disturbo Bipolare, Roma 10-14 Febbraio, 2009.
L. Di Paolo, E. Maltinti, I. Pergentini, M. Corsi, M. Preve, S. Pini, G.B. Cassano. Caratterizzazione neuropsicologica di pazienti con disturbo bipolare I, disturbo bipolare II e depressione maggiore ricorrente in fase eutimica, SOPSI, Roma, febbraio 2010.
L. Di Paolo, E. Maltinti, M. Preve, M. Corsi, I. Pergentini, S. Pini, G.B. Cassano. Le dimensioni maniacali e depressive nella caratterizzazione neuropsicologica di pazienti con disturbo bipolare I, disturbo bipolare II e depressione maggiore ricorrente. SOPSI, Roma, febbraio 2010.
E. Maltinti, M. Preve, M. Corsi, I. Pergentini, S. Pini, G.B. Cassano. L’impulsività nei pazienti bipolari ed unipolari con e senza comorbidità ansiosa. SOPSI, Roma, febbraio 2010.
M. Preve, L. Di Paolo, E. Maltinti, M. Corsi, I. Pergentini, S. Calugi, S. Pini, G.B. Cassano. La comorbidità ansiosa current e lifetime in una popolazione di pazienti bipolari ed unipolari in fase eutimica. SOPSI, Roma, febbraio 2010.
M. Corsi, P. Gabelloni, B. Costa, S. Pini, E. Da Pozzo, M. Abelli, L. Lari, A. Cardini, C. Gesi, M. Preve, I. Pergentini, E. Maltinti, M. Muti, A. Lucacchini, G.B. Cassano, C. Martini. Il polimorfismo Ala147thr all’interno del Traslocatore Proteico (TSPO) influenza la produzione di pregnenolone nei linfo-monociti di soggetti sani. SOPSI, Roma, febbraio 2010.
S. Pini, M. Preve, M., Muti. Insight nel disturbo bipolare: aspetti clinici e terapeutici. SOPSI, Roma, febbraio 2010.
A.Cardini, L. Lari, S. Daniele, E. Da Pozzo, A. Panighini, S. Pini, M. Abelli, C. Gesi, M. Preve, C. Martini. Uptake di GABA e glutammato in piastrine di pazienti con diagnosi di disturbo bipolare. SOPSI, Roma, febbraio 2011.
M. Preve, M. Mula, A. Cardini, L. Lari, L. Di Paolo, C. Gesi, M. Muti, M. Abelli, S. Calugi, G.B. Cassano, S. Pini. Riconoscimento delle espressioni facciali delle emozioni e sintomi di depersonalizzazione in un campione di pazienti con disturbo bipolare. SOPSI, Roma, Febbraio 2011.
M. Preve, M. Mula, A. Cardini, L. Lari, L. Di Paolo, C. Gesi, M. Muti, M. Abelli, S. Calugi, G.B. Cassano, S. Pini. Lo spettro dell’umore e sintomi di depersonalizzazione in un gruppo di pazienti bipolari ed unipolari. SOPSI, Roma, Febbraio 2011.
M. Preve, M. Mula, A. Cardini, L. Lari, L. Di Paolo, C. Gesi, M. Muti, M. Abelli, S. Calugi, G.B. Cassano, S. Pini. Associazione tra depersonalizzazione e disturbo di panico in un campione di pazienti con disturbi d’ansia e dell’umore. SOPSI, Roma, Febbraio 2011.
M. Preve, M. Mula, S. Calugi, A. Cardini, L. Lari, L. Di Paolo, S. Pini, M. Mauri. La relazione tra il temperamento affettivo ed il riconoscimento delle espressioni facciali delle emozioni con i sintomi di depersonalizzazione e derealizzazione in un campione di pazienti con disturbo bipolare. SOPSI, Roma 2012.
M.Preve, M, Mula, S. Calugi, S. Pini, M. Mauri. The relationship between affective temperament and recognition of facial emotions expression with depersonalizationand derealization symptoms in a sample of bipolar eutimic patients. EPA, Prague 2012.
M. Preve, C. Nisita, M. Bellini, L. Di Paolo, S. Pini, L. Dell’Osso. Duloxetine in somatic gastric pain. EPA, Prague, 2012.
M. Preve, M. Mula, A. Cardini, L. Lari, L. Di Paolo, C. Gesi, M. Muti, M. Abelli, S. Calugi, G.B. Cassano. Association between depersonalization and panic disorder in a sample of patients with anxiety and mood disorders. EPA, Prague 2012.
M. Preve, M. Mula, A. Cardini, L. Lari, L. Di Paolo, C. Gesi, M. Muti, M. Abelli, S. Calugi, G.B. Cassano. Mood spectrum and depersonalization symptoms in unipolar and bipolar patients. EPA, Prague 2012.

 
Articoli

- Mula M, Pini S, Monteleone P, Iazzetta P, Preve M, Tortorella A, Amato E, Di paolo L, Conversano C, Rucci P, Cassano GB, May M, Different temperament and character dimensions correlate with panic disorder comorbidity in bipolar disorder and unipolar depression. J Anxiety Disord. 2008 Dec; 22(8): 1421-6.
- Mula M, Pini S, Preve M, Masini M, Giovannini I, Cassano GB, Clinical correlates of depersonalization symptoms in patiens with bipolar disorder. J Affect Disord. 2009 May; 115(1-2):252-6.
- Mula M, Pini S, Calugi S, Preve M, Masini M, Giovannini I, Conversano C, Rucci P, Cassano GB, Validity and reliability of the Structured Clinical Interview for Depersonalization-Derealization Spectrum (SCI-DER). Neuropsychiatr Dis Treat. 2008 Oct; 4(5):977-86.
- Mula M, Pini S, Calugi S, Preve M, Masini M, Giovannini I, Rucci P, Cassano GB, Distinguishing affective depersonalization from anhedonia in major depression and bipolar disorder. Comprehensive Psychiatry, 2009.
- Pini S., Preve M., La diagnosi di mania e lo spettro bipolare, CNS Drugs special issue, 2009 accepted, in press.
- Costa B, Pini S, Gabelloni P Da Pozzo E, Abelli M, Lari L, Preve M, Lucacini A, Cassano GB.The spontaneous Ala147Thr amino acid substitution within the translocator protein influences pregnenolone priduction in lymphocytes of healthy individuals. Endocrinology. 2009;150(12):5438-45.
- Preve M. Evoluzionismo e psiche: storia della psicopatologia, dinamiche genetiche ed ambientali. Attività S.A.It., Sezione di Livorno, 2009. 
- Pini S., Preve M.. Approach to bipolar spectrum and subthreshold mood disorders. Riv Psichiatr. 2011 Jul-Aug;46(4):233-41. Review. Italian.
- Preve M., Mula M., Cassano G.B., Pini S.. Venlafaxine in somatopsychic and autopsychic depersonalization. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2011 Dec 1;35(8):1808-9. Epub 2011 Jun 29. No abstract available.
 
Attestazioni partecipazione ai seguenti congressi:
“Psychiatrie in Brixen: corso residenziale di formazione clinica sulla depressione unipolare e bipolare”. Bressanone, 6-7 ottobre 2011.
“Disturbo bipolare e depressione nel bambino, nell’adolescente e nel’adulto”. Bressanone, 5 ottobre 2011.
“Disturbo bipolare e depressione”. Bressanone, 18 maggio 2011.
“Psichiatria 2011: Vulnerabilità, esordi, intervento precoce”. Roma, 16-17 febbraio 2011.
“NEED La depression e I bisogni del paziente: nuove frontier delle neuroscienze e benefici clinici”. Lucca, 8 novembre 2010.
“Schizofrenia oggi: approccio e terapia in evluzione?”. Pollenzo, 15 ottobre 2010.
“MAP- Managing Anxiety in Practice”. Baveno 10-11 giugno 2010
“Psichiatria 2010: No Health Without Mental Health” Roma, 17 febbraio 2010;
“Il disturbo ossessivo-compulsivo: approcci terapeutici a confronto”, Firenze, venerdì 11 dicembre 2009;
"Corso basico di formazione pratica in psicoterapia cognitiva”, Grosseto 19 settembre – 21 novembre 2009;
“Inside Depression: corso residenziale di formazione nella diagnosi e farmacoterapia della depressione unipolare e bipolare”, Nozzano S. Pietro, 29 ottobre 2009;
VI FLORENCE SUMMER COURSE, Firenze, 4-6 settembre 2009;
“Sintomi e dimensioni psicopatologiche della neurobiologia alla clinica dei disturbi dell’umore e dei disturbi psicotici”, Pisa, 5 e 6 giugno 2009;
Casi clinici di depressione, della gestione nella pratica quotidiana ai risultati della ricerca, Pisa, 12 marzo – 4 giugno 2009;
“La depressione e le sue comorbidità”, Artimino (Po), 29 novembre 2008;
“Le dimensioni dell’ansia nella pratica odierna”, Pisa, 21 novembre 2008;
“Zone d’ombra in Psichiatria”, Viareggio, 6 novembre 2008
Fifth Summer Course of the Tuscany School of Psychiatry and Clinical Neurosciences, Florence, 5-6-7- September 2008;
“Aspetti critici nella gestione del paziente depresso: clinica e responsabilità professionale”, Milano, 27-28 novembre 2007;
“Disturbi dell’affettività e specificità di genere”, Pisa, 29-30 giugno 2006;
“Il disturbo bipolare nell’arte. Un caso clinico” Pisa, 23 giugno 2006;
“Il disturbo bipolare nel cinema: una caso clinico”, Pisa, 8 luglio 2005;
X Congresso della Società Italiana di Psicopatologia, Roma, 22-26 febbraio 2005;
“Disturbo Bipolare dalla diagnosi al trattamento, nuove prospettive” Pisa, 25 maggio 2004;
“Il Mobbing: dalla prevenzione alla gestione”, Livorno, 25-26-27 novembre 2004;
“Depression and anxiety. A quartet” Roma, 4 dicembre 2004;
“Analisi statistica dei dati SPSS”, Roma, 12 ottobre 2004;
“Analisi statistica per la ricerca medicina e scientifica”, Roma, 12 ottobre 2004;

Attestati di partecipazione a Workshop:
·        “Depressione, tossicodipendenze e suicidio”, Università di Pisa, Dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologie nell’ambito del Master in Dipendenze Patologiche (Addictologia), Pisa, 25 febbraio 2009;
·         “Una o più psicosi?”, Università di Pisa, Dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologie nell’ambito del Master in Dipendenze Patologiche (Addictologia), Pisa, 11 marzo 2009;
·        “Dipendenze patologiche, malattie infettive e trapianto di fegato”, Università di Pisa, Dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologie nell’ambito del Master in Dipendenze Patologiche (Addictologia), Pisa, 27 maggio 2009;
·        “Depressione, Tossicodipendenze e suicidio”, nell’ambito del Master in Dipendenze Patologiche (Addictologia), Pisa, 25 febbraio, 2009.
Attestati di partecipazione a seminari interdisciplinari:
·        “Disturbo dello spettro schizofrenico e nuove prospettive del trattamento farmacologico”, Seminario Interdisciplinare, Università di Pisa, Dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologie, Pisa, 27 febbraio 2009;
·        “La stimolazione transcranica a correnti dirette nel trattamento del disturbo dell’umore: applicazione pratica”, Seminario Interdisciplinare, Università di Pisa, Dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologie, Pisa, 20 maggio 2009;
·        “Psicopatologia sperimentale delle psicosi: rischio, sintomi e valutazione”, Seminario Interdisciplinare, Università di Pisa, Dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologie, Pisa, 29 aprile 2009;
·        “Separation Anxiety in Adults: diagnostic considerations, assessment techiniques and treatment approaches”, Seminario Interdisciplinare, Università di Pisa, Dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologie, Pisa, 16 dicembre 2009;
 
Contatti:
- Ambulatorio Piazza dei Mille 29/a, 57100 Livorno;
- Telefono: Cell.: 3389669485;
E-mail: m_preve@yahoo.com

 

 

 

 

Sito web

Scheda personale

Attività su Medicitalia

Il Dr. Matteo Preve è specialista di medicitalia.it dal 2009.