Con la legge 40/2004 si è aperto in Italia un nuovo scenario per l’andrologo che entra “per legge” nei Centri di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) come figura chiave nella diagnosi e nelle decisioni terapeutiche riguardanti il maschio infertile.

Dopo decenni di vuoto legislativo, l’introduzione della tanto discussa e discutibile legge 40, pur nella sua sostanziale ingenuità espositiva, ha posto in positivo sul campo diagnostico e terapeutico alcuni temi interessanti ponendo l’accento su alcuni aspetti che riguardano l‘accesso alle tecniche di riproduzione assistita di secondo e terzo livello e sulle relative certificazioni permettendo di fatto alla coppia, con problemi a riprodursi, di avere a loro disposizione in un Centro qualificato ed aggiornato due figure fondamentali per risolvere il loro problema riproduttivo e cioè l’andrologo ed il ginecologo.

Embrione a quattro cellule
Figura 1 : embrione a quattro cellule

Realtà attuale in un Centro di PMA

A questa visione ideale e “legale” del problema si contrappone la situazione reale ed attuale che è invece caratterizzata da questi punti:

  • Molta “scienza di base” con poche novità cliniche
  • Il primo medico che prende in carico il maschio infertile è spesso un ginecologo
  • Il secondo consulente è spesso un urologo con scarsa “passione” andrologica e poche competenze cliniche specifiche acquisite.
     

Situazioni cliniche andrologiche comuni da affrontare in modo mirato

Dobbiamo sempre ricordare che l’infertilità nell’uomo è un settore importante della medicina moderna che deve essere valutato da un andrologo o da un urologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.
Un esempio soltanto è da ricordare: negli uomini infertili vi è una percentuale di rischio di tumore testicolare 20 volte maggiore rispetto ad un uomo fertile (Goldstein M J Urol Nov 2005).

Ancora altre situazioni cliniche, spesso sottovalutate, sono quelle scatenate da infiammazioni che riguardano le vie seminali maschili e che facilmente danno dispermie importanti e che se ben diagnosticate e trattate spesso portano a risultati brillanti e significativi senza ricorrere subito ad una tecnica di riproduzione assistita di secondo o terzo livello (Fivet , ICSI).

Un altro punto importante che considera la legge 40 è il recupero di spermatozoi dal testicolo in pazienti con azoospermia, cioè uomini senza spermatozoi nel loro liquido seminale, che è demandato sempre e solo ad un andrologo o ad un urologico con chiare competenze andrologiche.

Ruolo specifico dell'andrologo in un Centro di PMA

In sintesi il ruolo dell’andrologo in un Centro di PMA è quello di interpretare per bene ed in modo critico i test di laboratorio che si hanno a disposizione; pretendere per questo sempre il rispetto degli standard internazionali accettati ed effettuare sempre un attenta valutazione andrologica diretta che eviti una diagnosi imprecisa e quindi l’indicazione a trattamenti non mirati.

Questo significa da parte del ginecologo del Centro la necessità di confrontarsi sempre con la figura del andrologo , la sua chiamata in causa in tutte le situazioni di infertilità di coppia è d’obbligo, soprattutto se è presente un “fattore maschile”. Poi è importante anche la discussione ed il confronto finale con la figura del biologo e dell’embriologo del Centro in cui si lavora.

Ecografia 3D a nove mesi
Figura 2 : … a nove mesi ecografia 3D

Deve essere chiaro per il ginecologo e l’andrologo che la complessità delle scelte cliniche diagnostiche e terapeutiche deve essere condivisa .
Decidere cosa fare, spesso alla fine di un lungo percorso, diventa per il clinico, per i medici interessati e la coppia infertile l’aspetto cruciale di tutta la loro complessa “vicenda sanitaria” mirata ad ottenere un bimbo in braccio.