Negli ultimi 50 anni la percentuale di malattie cardiovascolari correlate al diabete è aumentata, rappresentandone la prima causa di morte; risulta quindi importante la loro prevenzione.

Introduzione

Negli ultimi 50 anni la percentuale di malattie cardiovascolari correlate al diabete è aumentata, nonostante la marcata riduzione della morbilità e della mortalità cardiovascolare generale osservata in questo periodo, ed è rimasto costante nel tempo l’aumentato rischio cardiovascolare associato al diabete, essendo le patologie cardiovascolari, quali coronaropatie, arteriopatie periferiche, cardiomiopatie e insufficienza cardiaca congestizia, frequenti nei soggetti affetti da diabete mellito, rappresentandone la prima causa di morte (1). E’ noto, infatti, che i pazienti diabetici sono a rischio di infarto miocardico e di ictus cerebrale doppio rispetto alla popolazione generale (2); risulta, quindi, importante la prevenzione primaria di queste patologie nei diabetici che ancora non ne sono affetti, controllando i fattori di rischio cardiovascolare se presenti, così da consentire un aumento della sopravvivenza in assenza di eventi cardiovascolari (3).

 

Modifiche dello stile di vita

Attività fisica: per migliorare l’equilibrio glicemico, controllare il peso corporeo e ridurre il rischio cardiovascolare sono consigliati almeno 150-180 minuti di attività fisica aerobica la settimana (come passeggiare a passo spedito per ½ ora al giorno per 5 giorni la settimana, oppure per 1 ora al giorno per tre giorni la settimana), oppure almeno 90 minuti di esercizio fisico aerobico "vigoroso" alla settimana, distribuiti almeno per 3 giorni alla settimana con non più di 2 giorni consecutivi.

Per mantenere a lungo una consistente riduzione di peso sono consigliate 7 ore di esercizio fisico da moderato a vigoroso alla settimana (4-7).

Alimentazione: riduzione dell’assunzione alimentare totale e dell’apporto alimentare di lipidi (<30% die dell’apporto calorico totale) che deve consistere principalmente in grassi mono-polinsaturi; nei pazienti con ipertrigliceridemia, aumento del colesterolo LDL (LDL-C) e diminuzione della colesterolemia HDL (HDL-C), possono essere utili un migliorato controllo della glicemia ed una moderata riduzione del peso con restrizione dei grassi saturi. E’ consigliato inoltre un apporto abbondante di fibre ed un apporto di cloruro di sodio non superiore a 3 g/die (specie nei soggetti ipertesi) (8-14).

Alcool: una recente metanalisi ha mostrato sia una relazione lineare tra consumo di alcool, livelli pressori e prevalenza di ipertensione nella popolazione con diminuita efficacia della terapia antipertensiva, sia che l’eccesso di alcool si associa ad un elevato rischio di ictus: l'associazione tra consumo di alcool e ictus ischemico ed emorragico ha un andamento a , con apparente effetto protettivo per coloro che consumano meno di 24 g di alcool al giorno e un significativo aumento del rischio per consumi superiori ai 60 grammi giornalieri attribuibile in primis ai suoi effetti negativi su fattori quali ipertensione, cardiomiopatie, disordini della coagulazione, fibrillazione atriale e riduzione del flusso ematico cerebrale. L'eventuale effetto protettivo di un consumo lieve-moderato invece può essere spiegato dall'aumento del colesterolo HDL, dalla riduzione dell'aggregabilità piastrinica e dall'induzione della fibrinolisi.

L'analisi per tipo di bevanda, peraltro disponibile per un limitato numero di studi, suggerisce un possibile effetto protettivo specifico del vino rispetto ad altre bevande alcoliche (per la presenza di polifenoli), sia negli uomini sia nelle donne.

In conclusione, i dati disponibili confermano la raccomandazione di limitare il consumo di alcool a non più di 24 g/die (es. due bicchieri di vino) negli uomini e non più di 12 g/die nelle donne (fatta eccezione per la gravidanza e l'allattamento in cui il consumo di alcool è comunque da evitare). L'adozione di tali misure a livello di popolazione potrebbe essere associata a una riduzione importante dell'incidenza di ictus (15-17).

Fumo di tabacco: a tutti i diabetici deve essere sconsigliato il fumo di tabacco qualunque sia il tipo di tabacco usato, poiché il fumo provoca in modo acuto un incremento della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca, che persiste per oltre 15 minuti dopo aver fumato una singola sigaretta, probabilmente attraverso una stimolazione del sistema simpatico.

Il fumo, in qualità di principale fattore di rischio cardiovascolare, è il più efficace intervento comportamentale atto a ridurre l’incidenza di patologie cardiovascolari; prima si smette di fumare maggiore è il guadagno in termini di sopravvivenza, sino a divenire, dopo 10 anni dalla sospensione, sovrapponibile a coloro che non hanno mai fumato (in altre parole, i fumatori hanno 10 anni di probabilità in meno di sopravvivere).

A tal fine è necessario controllare la volontà di ciascun soggetto di sospendere il fumo, ed in questa evenienza i diabetici debbono essere assistiti, anche organizzando programmi di disassuefazione (18-19).

 

Controllo metabolico

Controllo lipidico: nei diabetici di età superiore a 40 anni la lipidemia dovrebbe essere misurata almeno un volta l’anno, o più frequentemente se devono essere raggiunti determinati obiettivi; nei soggetti senza cardiovasculopatie clinicamente conclamate, ma con uno o più fattori di rischio (fumo di tabacco, ipertensione [PA ≥140/90 mmHg] o uso di farmaci antipertensivi, un livello di HDL-C50 mg/dL e di trigliceridi

Per raggiungere questi target sono importanti le modifiche dello stile di vita: diminuito apporto di grassi saturi con la dieta, controllo del peso corporeo, aumento dell’apporto di fibre, attività fisica regolare. Un trattamento con farmaci ipolipemizzanti si rende necessario in quei pazienti con malattie cardiovascolari clinicamente conclamate o a rischio cardiovascolare elevato, qualora siano prive di effetto le modifiche dello stile di vita (20-24).

Per ciò che riguarda il rischio cardiovascolare associato a basso HDL-C e aumento dei trigliceridi l’AHA e l’ADA consigliano differenti obiettivi (3):

  • L’AHA ritiene che un obiettivo secondario nei soggetti con trigliceridemia tra 200 e 490 mg/dL sia costituito da una colesterolemia “non HDL” ≤130 mg/dL (“non HDL-C” corrisponde a colesterolemia totale meno HDL-C); se la trigliceridemia è ≥500 mg/dL è consigliato un trattamento con fibrati o niacina, prima del trattamento diretto a ridurre il livello di LDL-C e dei trigliceridi; inoltre, se possibile, si deve raggiungere un livello di "non HDL-C" ≤130 mg/dL.
  • L’ADA consiglia di aumentare il livello di HDL-C a >40 mg/dL negli uomini e a >50 mg/dL nelle donne.
  • AHA e ADA concordano nel ritenere necessario raggiungere questi obiettivi ricorrendo a statine, fibrati e niacina.

Controllo glucidico: Nei diabetici l’obiettivo da raggiungere è un livello di emoglobina glicata (HbA1c) < 7%, senza che ciò comporti ipoglicemia (l’ipoglicemia è definita severa quando il livello di glucosio sierico è

Studi caso-controllo e indagini prospettiche hanno dimostrato che il rischio di ictus è aumentato da 1,8 a 6 volte nei diabetici rispetto ai non diabetici e tale aumento è indipendente dagli altri maggiori fattori di rischio. Questo effetto è da ricercare verosimilmente nella patologia macro e micro vascolare associata al diabete. I dati di studi randomizzati controllati sull'efficacia di un controllo glicemico ottimale nella riduzione del rischio di ictus sono ancora relativamente pochi e non hanno evidenziato una riduzione statisticamente significativa del rischio, pur riducendosi l'incidenza di altre complicanze vascolari del diabete (25-29).

 

Controllo pressorio

La prevalenza di ipertensione nella popolazione italiana tra 65 e 84 anni è risultata essere superiore al 60% (donne: 67,3%, uomini: 59,4%; dati dello studio ILSA); il paziente iperteso è sovente portatore di altri fattori di rischio, e la presenza di più fattori di rischio per la malattia aterosclerotica (quali il diabete), accentua in maniera esponenziale il rischio delle complicanze cardiovascolari.

Nei pazienti diabetici vari trial hanno fornito evidenze incontrovertibili di un maggior effetto protettivo, nei confronti delle complicanze macro e microvascolari, di una riduzione pressoria più drastica rispetto a quella convenzionale (una significativa riduzione del rischio di ictus è stata ottenuta in questi pazienti attraverso lo stretto controllo della pressione arteriosa; pertanto, per ottimizzare la protezione cardiovascolare, è raccomandato un target pressorio ≤130 mmHg (con range fino a 120 mmHg) per la pressione sistolica, e ≤80 mmHg (con range fino a 75 mmHg) per la pressione diastolica; il target pressorio dovrà essere ridotto in maniera ancor più consistente (≤125/75 mmHg) in presenza di proteinuria.

I soggetti con pressione arteriosa superiore ai taget suddetti devono iniziare a modificare le abitudini di vita per almeno tre mesi (Modifiche dello stile di vita: vedi sopra); se dopo questo periodo non si ottiene un controllo pressorio ottimale, si deve iniziare un trattamento antipertensivo farmacologico tale da raggiungere il target pressorio prefissato.

I farmaci di prima scelta da utilizzare nel paziente iperteso diabetico appartengono alla classe degli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (aceinibitori o ACE-I), o dei bloccanti recettoriali selettivi dell’angiotensina (sartani o ARBS), per il maggior beneficio che ne deriva rispetto all’impiego di altre classi farmacologiche. Altri farmaci, come beta-bloccanti, calcio-antagonisti, diuretici, possono essere aggiunti secondo necessità.

L’approccio terapeutico iniziale in monoterapia è preferibile come trattamento iniziale in caso di ipertensione arteriosa lieve con rischio cardiovascolare globale basso o moderato, essendo preferita una combinazione di due farmaci a basso dosaggio nell’ipertensione di grado 2 o 3 o in presenza di rischio cardiovascolare globale elevato o molto elevato, tenendo presente che le combinazioni fisse tra due farmaci a basso dosaggio presentano miglior profilo di tollerabilità rispetto alla monoterapia a dosaggio elevato.

In quei pazienti nei quali il controllo pressorio non viene raggiunto neanche con l’associazione di due farmaci, è necessaria l’associazione di tre o più farmaci, tenendo però presente che nei pazienti non complicati e negli anziani, la terapia dovrebbe essere cominciata gradualmente per evitare effetti collaterali.

Se si usano ACE-I o ARBS + diuretici è necessario controllare la potassiemia e la funzionalità renale entro i primi tre mesi di terapia. Se i livelli pressori si stabilizzano, questi controlli possono essere eseguiti ogni 6 mesi (30-37).

 

Terapia antiaggregante piastrinica

Nei diabetici a rischio cardiovascolare, e soprattutto in quelli oltre i 40 anni fumatori, con ipertensione, dislipidemia, albuminuria, anamnesi famigliare di malattie cardiovascolari, dovrebbe essere consigliata quale prevenzione primaria l’aspirina (posologia: da 75 mg a 125 mg/die); l’aspirina non può essere usata in soggetti di età inferiore a 21 anni per il pericolo della sindrome di Reye. Nei soggetti che non possono essere trattati con aspirina perché manifestano allergia all’aspirina, o tendenza alle emorragie, o recenti emorragie digestive, o epatopatie clinicamente conclamate, o in terapia anticoagulante, è da valutare la prescrizione di altri farmaci antiaggreganti piastrinici (38-41).

 

Bibliografia

1. Fox CS, Coady S, Sorlie PD, et al. Increasing cardiovascular disease burden due to diabetes mellitus. The Framingham Heart Study. Circulation 2007; 115: 1544.

 

2. Fox CS, Coady S, Sorlie PD, et al. Trends in cardiovascular complications of diabetes. JAMA 2004; 292: 2495.

 

3. Buse JB, Ginsberg HN, Bakris GL, et al. Primary prevention of cardiovascular disease in people with diabetes mellitus. A scientific statement from the American Heart Association and the American Diabetes Association. Circulation 2007; 115: 114.

 

4. Tuomilehto J, Lindstrom J, Eriksson JG, Valle TT, Hamalainen H, Ilanne-Parikka P, Keinanen-Kiukaanniemi S, Laakso M, Louheranta A, Rastas M, Salminen V, Aunola S, Cepaitis Z, Moltchanov V, Hakumaki M, Mannelin M, Martikkala V, Sundvall J, Uusitupa M The Finnish Diabetes Prevention Study Group. Prevention of Type 2 Diabetes Mellitus by Changes in Lifestyle among Subjects with Impaired Glucose Tolerance. N Engl J Med 2001; 344: 1343-1350.

 

5. Diabetes Prevention Program Research Group. Reduction in the Incidence of Type 2 Diabetes with Lifestyle Intervention or Metformin. N Engl J Med 2002; 346: 393-403.

 

6. Baigent C, Foster C, Sudlow C, Jackson R, Kottke T, Nicholas J, Mulrow C, Ness A, Probstfield J. Primary Prevention in Cardiovascular Disorders. Clinical Evidence 2000; 3: 45-76.

 

7. Wendel-Vos GC, Schuit AJ, Feskens EJ, Boshuizen HC, Verschuren WM, Saris WH, Kromhout D. Physical activity and stroke. A meta-analysis of observational data. Int J Epidemiol 2004; 33: 787-798. Epub 2004 May 27.

 

8. Malinow MR, Bostom AG, Krauss RM. Homocysteine, diet, and cardiovascular diseases. A statement for healthcare professional from the nutrition committee of the American Heart Association. Circulation 1999; 99: 178-182.

 

9. John JH, Ziebland S, Yudkin P, Roe LS, Neil HA, and Oxford Fruit and Vegetable Study Group. Effects of fruit and vegetable consumption on plasma antioxidant concentrations and blood pressure: a randomised controlled trial. Lancet 2002; 359: 1969-1974.

 

10. Broekmans WMR, Klöpping-Ktelaars IAA; Schuurman CRWC, Verhagen H, VanDerBerg H, Kok FJ, Van Poppel G. Fruits and vegetables increase plasma carotenoids and vitamins and decrease homocysteine in humans. J Nutr 2000; 130: 1578-1583.

 

11. Joshipura KJ, Ascherio A, Manson JE, Stampfer MJ, Rimm EB, Speizer FE, Hennekens CH, Spiegelman D, Willet WC, Fruit and vegetable intake in relation to risk of ischemic stroke. JAMA 1999; 282: 1233-1239.

 

12. Gillman MW, Cupples LA, Gagnon D, Posner BM, Ellison RC, Castelli WP, Wolf PA. Protective effect of fruits and vegetables on development of stroke in men. JAMA 1995; 273: 1113-1117.

 

13. Flight I, Clifton P. Cereal grains and legumes in the prevention of coronary hearth disease and stroke: a review of the literature. Eur J Clin Nutr 2006; 60: 1145-1159.

 

14. Sasaki S, Zhang XH, Kesteloot H. Dietary sodium, potassium, saturated fat, alcohol, and stroke mortality. Stroke 1995; 26: 783-789.

 

15. Iso H, Baba S, Mannami T, Sasaki S, Okada K, Konishi M, Tsugane S; JPHC Study Group. Alcohol consumption and risk of stroke among middle-aged men: the JPHC Study Cohort I. Stroke 2004; 35: 1124-1129.

 

16. Djoussé L, Ellison RC, Beiser A, Scaramucci A, D'Agostino RB, Wolf PA. Alcohol consumption and risk of ischemic stroke: The Framingham Study. Stroke 2002; 33: 907-912.

 

17. Malarcher AM, Giles WH, Croft JB, Wozniak MA, Wityk RJ, Stolley PD, Stern BJ, Sloan MA, Sherwin R, Price TR, Macko RF, Johnson CJ, Earley CJ, Buchholz DW, Kittner SJ. Alcohol intake, type of beverage, and the risk of cerebral infarction in young women. Stroke 2001; 32: 77-83.

 

18. Doll R, Peto R, Wheatley K, Gray R, Sutherland I. Mortality in relation to smoking: 40 years' observations on male British doctors. BMJ 1994; 309: 901-911.

 

19. Whincup PH, Gilg JA, Emberson JR, Jarvis MJ, Feyerabend C, Bryant A, Walker M, Cook DG. Passive smoking and risk of coronary heart disease and stroke: prospective study with cotinine measurement. BMJ 2004; 329: 200-205.

 

20. Neaton JD, Blackburn H, Jacobs D, Kuller L, Lee DJ, Sherwin R, Shih J, Stamler J, Wentworth D. Serum cholesterol level and mortality findings for men screened in the Multiple Risk Factor Intervention Trial. Multiple Risk Factor Intervention Trial Research Group. Arch Intern Med 1992; 152: 1490-1500.

 

21. Sasaki S, Zhang XH, Kesteloot H. Dietary sodium, potassium, saturated fat, alcohol, and stroke mortality. Stroke 1995; 26: 783-789.

 

22. Tell GS, Evans GW, Folsom AR, Shimakawa T, Carpenter MA, Heiss G. Dietary Fat intake and carotid artery wall thickness:the atherosclerosis risk in communities (ARIC) study. Am J Epidemiol 1994; 139: 979-989.

 

23. Iso H, Sato S, Umemura U, Kudo M, Koike K, Kitamura A, Imano H, Okamura T, Naito Y, Shimamoto T. Linoleic acid, other fatty acids, and the risk of stroke. Stroke 2002; 33: 2086-2093.

 

24. Vartiainen E, Sarti C, Tuomilehto J, Kuulasmaa K. Do changes in cardiovascular risk factors explain changes in mortality from stroke in Finland? BMJ 1995; 310: 901-904.

 

25. Karapanayiotides T, Piechowski-Jozwiak B, van Melle G, Bogousslavsky J, Devuyst G. Stroke patterns, etiology, and prognosis in patients with diabetes mellitus. Neurology 2004; 62: 1558-1562.

 

26. Megherbi SE, Milan C, Minier D, Couvreur G, Osseby GV, Tilling K, Di Carlo A, Inzitari D, Wolfe CD, Moreau T, Giroud M, for the European BIOMED Study of Stroke Care Group. Association between diabetes and stroke subtype on survival and functional outcome 3 months after stroke: data from the European BIOMED Stroke Project. Stroke 2003; 34: 688-694.

 

27. Stamler J, Vaccaro O, Neaton JD, Wentworth D. Diabetes, other risk factors, and 12-yr cardiovascular mortality for men screened in the Multiple Risk Factor Intervention Trial. Diabetes Care 1993; 16: 434-444.

 

28. The Action to Control Cardiovascular Risk in Diabetes Study Group (ACCORD). Effects of Intensive Glucose Lowering in Type 2 Diabetes. N Engl J Med 2008; 358:2545-2559.

 

29. The ADVANCE Collaborative Group. Intensive Blood Glucose Control and Vascular Outcomes in Patients with Type 2 Diabetes. N Engl J Med 2008; 358 :2560-72.

 

30. The Italian Longitudinal Study on Aging Working Group: Prevalence of Chronic Disease in Older Italians: Comparing Self-Reported and Clinical Diagnoses. Int J Epidemiol 1997; 26: 995-1002.

 

31. Mancia G, De Backer G, Dominiczak A, Cifkova R, Fagard R, Germano G, Grassi G, Heagerty AM, Kjeldsen SE, Laurent S, Narkiewicz K, Ruilope L, Rynkiewicz A, Schmieder RE, Boudier HA, Zanchetti A; Authors/Task Force Members:; Co-Chairperson (Italy); Co-Chairperson (Belgium); (UK); (Czech Republic); (Belgium); (Italy); (Italy); (UK); (Norway); (France); (Poland); (Spain); (Poland); (Germany); (Netherlands); (Italy). 2007 Guidelines for the Management of Arterial Hypertension: The Task Force for the Management of Arterial Hypertension of the European Society of Hypertension (ESH) and of the European Society of Cardiology (ESC). J Hypertension 2007; 25: 1105-1187.

 

32. Mancia G, Laurent S, Agabiti-Rosei E, Ambrosioni E, Burnie M, Caulfield MJ, Cifkova R, Cle´ment D, Coca A, Dominiczak A, Erdine S, Fagard R, Farsang C, Grassi G, Haller H, Heagerty A, Kjeldsen SE, Kiowski W, Mallion JM, Manolis A, Narkiewicz K, Nilsson P, Olsen MH, Rahn KH, Redon J, Rodicio J, Ruilope L, Schmieder RE, Struijker-Boudier HAJ, van Zwieten PA, Viigimaa M and Zanchetti A. Reappraisal of European guidelines on hypertension management: a European Society of Hypertension Task Force document. J Hypertension 2009; 27: 2121-2158.

 

33. Efficacy of atenolol and captorpil in reducing risk of macrovascular and microvascular complications in type 2 diabetes: UKPDS 39. BMJ 1998; 317: 713-720.

 

34. Pepine CJ, Handberg EM, Cooper-DeHoff RM, Marks RG, Kowey P, Messerli FH, Mancia G, Cangiano JL, Garcia-Barreto D, Keltai M, Erdine S, Bristol HA, Kolb HR, Bakris GL, Cohen JD, Parmley WW; INVEST Investigators. A calcium antagonist vs a non-calcium antagonist hypertension treatment strategy for patients with coronary artery disease. The International Verapamil-Trandolapril Study (INVEST): a randomized controlled trial. JAMA 2003; 290: 2805-2816.

 

35. The Heart Outcomes Prevention Evaluation (HOPE) Study investigators. Effects of angiotensin-converting-enzyme inhibitor, ramipril, on cardiovascular events in high-risk patients. N Engl J Med 2000; 342: 145-153.

 

36. Julius S, Kjeldsen SE, Weber M, Brunner HR, Ekman S, Hansson L, Hua T, Laragh J, McInnes GT, Mitchell L, Plat F, Schork A, Smith B, Zanchetti A; VALUE trial group. Outcomes in hypertensive patients at high cardiovascular risk treated with regimens based on valsartan or amlodipine: the VALUE randomised trial. Lancet 2004; 363: 2022-2031.

 

37. Kenneth Jamerson, M.D., Michael A. Weber, M.D., George L. Bakris, M.D., Björn Dahlöf, M.D., Bertram Pitt, M.D., Victor Shi, M.D., Allen Hester, Ph.D., Jitendra Gupte, M.S., Marjorie Gatlin, M.D., and Eric J. Velazquez, M.D. for the ACCOMPLISH Trial Investigators. Benazepril plus Amlodipine or Hydrochlorothiazide for Hypertension in High-Risk Patients. N Engl J Med 2008; 359:2417-2428.

 

38. Hirsh J, Fuster V, Ansall J, Halperin JL. ACC/AHA foundation guide to warfarin therapy. Circulation 2003; 107: 1692 1711.

 

39. Collaborative meta-analysis of randomised trials of antiplatelet therapy for prevention of death, myocardial infarction, and stroke in high risk patients. BMJ 2002; 324: 71-86.

40. Warfarin versus aspirin for prevention of thromboembolism in atrial fibrillation: Stroke Prevention in Atrial Fibrillation II Study. Lancet 1994; 343: 687-691.

 

41. Palareti G, Leali N, Coccheri S, Poggi M, Manotti C, D'Angelo A, Pengo V, Erba N, Moia M, Ciavarella N, Devoto G, Berrettini M, Musolesi S. Bleeding complication of oral anticoagulant treatment: an inception-cohort, prospective collaborative study (ISCOAT). Italian Study on Complications of Oral Anticoagulant Therapy. Lancet 1996; 348: 423-428.