Un approfondimento sui tumori ileali, patologia di rara osservazione ma da conoscere

I tumori del piccolo intestino, prevalentemente adenocarcinomi, sono rari: nel 2014 negli Stati Uniti sono stati diagnosticati 9160 tumori rispetto a 96830 tumori del colon identificati nello stesso anno. Il dato è ancora più significativo se si pensa che il piccolo intestino o ileo costituisce il 75% della lunghezza e dispone del 90% della superficie del tratto digestivo inferiore che comprende ileo colon e retto.

Le cause di insorgenza sono sconosciute e il 70% dei tumori compaiono in forma sporadica, ovvero in assenza di fattori di rischio noti, tuttavia il 30% compare in soggetti a rischio e le tre condizioni identificate come tali sono:

  1. la cosiddetta sindrome di Lynch ovvero il cancro colorettale ereditario non polipoide (HNPCC)

  1. le malattie infiammatorie intestinali ed in particolare il morbo di Crohn soprattutto per le localizzazioni distali dove il Crohn è più frequentemente presente

  2. la malattia celiaca dove è presente un' infiammazione nella mucosa dell' ileo che costituisce un fattore di rischio per lo sviluppo del tumore

 

Screening?

Nessun test di screening allo stato attuale è ritenuto indicato per questa patologia, sia per la rarità della stessa sia perchè gli esami eventualmente proponibili per lo studio del piccolo intestino, ovvero la videocapsula e l' enteroscopia sono invasivi e di non semplice esecuzione.

Neanche nei soggetti a rischio appartenenti alle categorie sopra elencate è indicato attuare un programma di screening lasciando l' eventuale indicazione a studiare l' ileo di soggetti asintomatici al singolo caso.

La maggior parte dei pazienti con sindrome di Lynch infatti non sviluppa un adenocarcinoma mentre nei pazienti con malattie infiammatorie, il rischio di impattamento della capsula per una stenosi tale da richiedere una rimozione chirurgica della stessa è elevato.

 

Il sospetto clinico si pone in presenza di sintomi e segni piuttosto atipici ( dolore addominale ricorrente e mancanza di appetito), è difficile quindi porre una diagnosi precoce. Le situazioni che dovrebbero costituire un campanello d' allarme tuttavia sono i casi dove è presente un'anemia sideropenica con gastroscopia e colonscopia negative e assenza di altre cause che possono giustificare il quadro, quale ad esempio un ciclo mestruale abbondante.

Questi casi andrebbero indagati mediante videocapsula.

La diagnosi spesso viene posta in urgenza poiché frequentemente si verifica un'occlusione intestinale.

A differenza dell'enteroscopia, tecnicamente complessa e la cui esecuzione è riservata a centri di riferimento, la videocapsula è una procedura relativamente semplice dove il paziente assume la sonda per bocca che viene recuperata con le feci dopo aver percorso tutto il tubo digerente ed aver raccolto immagini in tutti i tratti in particolare ileali.

L' indicazione prevalente in realtà sono i sanguinamenti occulti ma in effetti buona parte di questi sono causati da un tumore.

In caso di intrappolamento della capsula a livello del tumore l'intervento chirurgico richiesto per rimuoverlo costituisce di fatto la terapia del tumore stesso che viene asportato.

 

La rarità di questi tumori viene spiegata probabilmente con il basso contenuto di batteri dell' ileo, la maggiore quantità di cellule legate al sistema immunitario e il veloce transito di materiale enterico al suo interno, la sede più comunemente interessata con il 50% dei tumori è infatti il duodeno in particolare nella regione periampollare ovvero dove le vie biliari riversano il loro contenuto, la bile, nell' intestino. In questa zona i tumori, probabilmente per il contatto prolungato tra bile e mucosa duodenale sono piu' frequenti.

Questi tumori inoltre nella maggioranza dei casi a differenza dei tumori del colon , non nascono da un adenoma che poi degenera.

Le frequenti recidive locali dopo asportazione chirurgica e le metastasi a distanza costituiscono un' indicazione alla chemioterapia che allo stato attuale prevede l' utilizzo di uno schema detto capox con l' aggiunta di un nuovo farmaco, il bevacizumab che pare offrire migliori risultati mentre altri protocolli sono attualmente in esame.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Small bowel cancer: scoping out a rarity G:Monemvasitis,MichaelJ.Overman, Medscape, jan2015
  • Overman MJ. Rare but real: management of small bowel adenocarcinoma. Am Soc Clin Oncol Educ Book. 2013:189-193.

  • Koornstra JJ, Kleibeuker JH, Vasen HF. Small-bowel cancer in Lynch syndrome: is it time for surveillance? Lancet Oncol. 2008;9:901-905.

  • Saurin JC, Pilleul F, Soussan EB, et al; Capsule Commission of the French Society of Digestive Endoscopy (SFED).Small-bowel capsule endoscopy diagnoses early and advanced neoplasms in asymptomatic patients with Lynch syndrome. Endoscopy. 2010;42:1057-1062. Abstract

  • Overman MJ. Recent advances in the management of adenocarcinoma of the small intestine. Gastrointest Cancer Res. 2009;3:90-96. Abstract

  • Miyaki M, Konishi M, Kikuchi-Yanoshita R, et al. Characteristics of somatic mutation of the adenomatous polyposis coli gene in colorectal tumors. Cancer Res. 1994;54:3011-3020. Abstract

  • Powell SM, Zilz N, Beazer-Barclay Y, et al. APC mutations occur early during colorectal tumorigenesis. Nature. 1992;359:235-237. Abstract

  • Bläker H, Helmchen B, Bönisch A, et al. Mutational activation of the RAS-RAF-MAPK and the Wnt pathway in small intestinal adenocarcinomas. Scand J Gastroenterol. 2004;39:748-753. Abstract

  • Miyoshi Y, Nagase H, Ando H, et al. Somatic mutations of the APC gene in colorectal tumors: mutation cluster region in the APC gene. Hum Mol Genet. 1992;1:229-233. Abstract

  • ClinicalTrials.gov. Phase II study of bevacizumab with capecitabine and oxaliplatin in advanced adenocarcinoma of the small bowel or ampulla of Vater. http://clinicaltrials.gov/show/NCT01208103 Accessed December 3, 2014.

  • ClinicalTrials.gov. Phase II study of panitumumab in KRAS wild-type locally advanced or metastatic adenocarcinoma of the small bowel or ampulla of Vater. http://clinicaltrials.gov/show/NCT01202409 Accessed December 3, 2014.

  • ClinicalTrials.gov. Phase II study of abraxane in CIMP-high colorectal adenocarcinomas and small Bowel adenocarcinomas. http://clinicaltrials.gov/show/NCT01730586 Accessed December 3, 2014.

  • Overman MJ, Varadhachary GR, Kopetz S, et al. Phase II study of capecitabine and oxaliplatin for advanced adenocarcinoma of the small bowel and ampulla of Vater. J Clin Oncol. 2009;27:2598-2603. Abstract

  • Gibson MK, Holcroft CA, Kvols LK, Haller D. Phase II study of 5-fluorouracil, doxorubicin, and mitomycin C for metastatic small bowel adenocarcinoma. Oncologist. 2005;10:132-137. Abstract

  • Cancer Research UK Clinical Trials Unit Glasgow. A trial to evaluate the potential benefit of adjuvant chemotherapy for small bowel adenocarcinoma (IRCI-002). http://www.crukctuglasgow.org/eng.php?pid=ballad Accessed December 3, 2014.

  • Laforest A, Aparicio T, Zaanan A, et al. ERBB2 gene as a potential therapeutic target in small bowel adenocarcinoma. Eur J Cancer. 2014;50:1740-1746. Abstract

  • Ilus T, Kaukinen K, Virta LJ, Pukkala E, Collin P. Incidence of malignancies in diagnosed celiac patients: a population-based estimate. Am J Gastroenterol. 2014 Sep;109(9):1471-7.