Calazio: quando si forma una pallina sulla palpebra

Antonio PASCOTTOPerché si forma il calazio? Come si cura? Nell'articolo vengono spiegate le cause ed il trattamento di questa comune malattia degli occhi.
Articolo a cura di .  Pubblicato il 12/12/2011, cliccato 241345 volte.
 

Il calazio è una neoformazione benigna o un nodulo, indolore, che si forma all'interno della palpebra superiore o inferiore.

I calazi sono il risultato di infiammazioni delle ghiandole palpebrali, generalmente non di tipo infettivo. Questi noduli, simili a cisti, si formano infatti all'interno di ghiandole palpebrali che servono per produrre grassi (ghiandole di Meibomio).

All'interno di un calazio possiamo ritrovare pus e quelle secrezioni grasse (lipìdi) che normalmente aiutano a lubrificare l'occhio ma che, per l'ostruzione della ghiandola che li contiene, non possono più defluire.

Molti calazi finiscono per drenarsi spontaneamente, facendo sì che la patologia si possa risolvere da sola. Tale processo viene facilitato da periodici impacchi caldi e delicati massaggi della palpebra in cui è presente il calazio.

Tuttavia, alcuni calazi persistono per diverse settimane e crescono fino a diventare così grandi da creare dei disagi estetici significativi. I calazi più grandi, inoltre, possono premere sulla cornea, determinando una temporanea irregolarità sulla superficie dell'occhio e inducendo, così, un difetto visivo noto come astigmatismo, che causa una relativa diminuzione della vista.

Se il calazio non si risolve spontaneamente, può essere necessaria l'escissione chirurgica.

 

Perché si forma il calazio?

Non sempre è possibile identificare una causa per il calazio. Tuttavia, i calazi sono più comuni nei pazienti con blefarite (infiammazione delle palpebre) e con rosacea.

Le persone con rosacea, caratterizzata da arrossamento del viso e lievi neoformazioni sotto la pelle (papule e pustole), sono inclini ad avere alcuni problemi agli occhi, come la blefarite cronica ed i calazi.

La rosacea, infatti, può colpire anche le palpebre, le congiuntive (sottili membrane trasparenti che rivestono la superficie oculare), le cornee (la parte anteriore e trasparente dell'occhio) e le sclere (il bianco dell'occhio).

Tutte queste manifestazioni della rosacea a carico delle strutture oculari sono complessivamente indicate come rosacea oculare. Le cause della rosacea stessa possono essere difficili da individuare, anche se i principali indiziati sono fattori ambientali ed ereditari.

Alcuni microrganismi che vivono alla base delle ciglia, inoltre, possono esacerbare le infiammazioni del margine palpebrale, contribuendo alla formazione dei calazi.

 

Come si cura il calazio?

In coloro che sono inclini a sviluppare calazi, il medico oculista può prescrivere terapie preventive, come la pulizia delle palpebre, l'applicazione di farmaci per via topica (applicati direttamente sulle palpebre) o l'assunzione di farmaci per via orale, al fine di migliorare quelle condizioni di base che possono favorire la formazione dei calazi.

Il farmaco più comunemente prescritto per via orale per la blefarite e la disfunzione delle ghiandole di Meibomio è la doxiciclina (un antibiotico). A volte vengono prescritti anche farmaci a base di tetraciclina e minociclina, che fanno parte della stessa famiglia di antibiotici. Va detto, però, che la doxiciclina tende ad essere meglio tollerata.

Gli antibiotici topici e orali, invece, sono poco efficaci quando i calazi sono già sviluppati, dato che questi non hanno generalmente componenti infettive attive che richiedano questo tipo di approccio.

Un calazio si forma quando si ostruisce una ghiandola palpebrale

Se si sviluppa un calazio, suggerirei soprattutto di applicare impacchi caldi ed umidi sulla parte esterna della palpebra chiusa, per favorire il drenaggio dalla ghiandola sebacea ostruita.

I calazi piccoli e poco appariscenti possono non richiedere alcun trattamento. Tuttavia, alcuni calazi, causati dall'ostruzione completa di una ghiandola palpebrale, non si risolvono da soli. Questi possono rimanere a tempo indeterminato o addirittura crescere.

Nel caso in cui ci si trovi di fronte ad un calazio fastidioso e persistente, è possibile sottoporsi ad un semplice intervento chirurgico ambulatoriale per l'asportazione.

In tali circostanze, utilizziamo l'anestesia locale per addormentare la zona prima di fare una piccola incisione, di solito sotto la palpebra, per rimuovere il contenuto del calazio senza lasciare cicatrici visibili.

Una procedura alternativa consiste nell'iniettare il calazio con corticosteroidi per consentirne un più rapido svuotomento. Un effetto collaterale potenziale dell'iniezione di steroidi è lo schiarimento della cute dell'area trattata, che può essere un problema nelle persone con pelle più scura.

 

Quando un calazio tende a riformarsi nella stessa parte della palpebra o ha un aspetto sospetto, è opportuno che il tessuto rimosso venga inviato ad un laboratorio d'analisi, per escludere che possa trattarsi di una neoformazione tumorale.

Fortunatamente, la stragrande maggioranza dei calazi è relativamente innocua.

 

Autore

Antonio PASCOTTOIl suggerisce questi argomenti correlati:  Calazio,  operazione calazio,  cura calazio,  calaziosi,  blefarite
Ha scritto anche questi articoli, queste news e riceve qui.

Condividi questo articolo: 

Ultimi consulti dell'autore:

  • Il calazio e' apparentemente scomparso come al solito ma ora mi e' rispuntato nello stesso punto
    Oculistica - Lo può anche fare, ma sarebbe opportuno che Lei si faccia nel contempo controllare la pressione intraoculare, che è l'effetto indesiderato più temuto del Betabioptal e di altri prodotti simili. In bocca al lupo, Antonio Pascotto www.oculisticapascotto.it [continua »]
     
  • Calazio ???
    Oculistica - Caro Francesco, Il calazio non sempre si presente con dei "puntini tipo brufoletti" all'interno dell'occhio. Spesso, è presente semplicemente un gonfiore della palpebra con relativo aspetto rosso-livido della cute palpebrale. Riguardo l'astigmatismo, invece, va detto che le forme leggere di qu [continua »]
     
  • Calazio(?) cronico
    Oculistica - Gentile utente, La ricorrenza dei calazi è abbastanza comune. E' valida la terapia proposta dal Suo oculista di effettuare impacchi sull'area infiammata. La comparsa di prurito può farci però sospettare una concomitante reazione allergica. Generalmente rimane un problema di pertinenza oculist [continua »]
     
 
 
advertising
 
 
 
Altri Speciali "Tutto su..."

 
 
 
 
 
 

Tutti gli speciali salute »





ultima modifica:  18/09/2014 - 0,14        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy