Non basta lavare i denti ma bisogna saperli anche lavare. Solo in questo modo si ottiene una buona igiene domiciliare.

Quante volte mi è capitato di chiedere ai miei pazienti:

"Quante volte lava i denti e per quanto tempo?"

Le risposte sono le più svariate:

  1. ogni volta che mangio
  2. solo alla mattina
  3. mattina e sera
  4. quando capita (?)
  5. il tempo che ci vuole...(si ma quanto?)
  6. qualche minuto (magari!!)
  7. e tante altre che ci si farebbe un libro fantozziano

Allora io inizio a spiegare loro i tempi ed i modi per una corretta pulizia dentale; colgo l'occasione per spiegarlo anche agli utenti di Medicitalia.

Per quanto riguarda il modus operandi si utilizza generalmente uno spazzolino con setole medie e grandezza della testina data da tre file di setole in larghezza e 10-12 in lunghezza.

Per la forma della testina io preferisco quella classica rettilinea, anche se oggi è difficile trovarla; le case commerciali devono pur inventarsi qualche forma particolare per essere innovativi.

La tecnica di spazzolamento che io consiglio ai miei pazienti è quella di Bass, le setole devono toccare la gengiva con la testina dello spazzolino inclinata di 45° e con un movimento semirotatorio del polso scivolare lungo le pareti del dente, quindi riportare le setole nuovamente sulla gengiva e ripetere il movimento.
Questo deve essere fatto con una sequenza di tre-quattro passaggi.

I passaggi vengono effettuati per settori, il settore anteriore che comprende gli incisivi e canini, ed i settori latero-posteriori comprendenti premolari e molari.

Naturalmente il passaggio dello spazzolino deve avvenire anche dalla parte del palato e della lingua; nella zona anteriore per facilitare il movimento lo spazzolino può essere messo in verticale.

Per quello che riguarda i tempi, piuttosto che dare degli intervalli temporali (2 minuti almeno) io preferisco dire che lo spazzolino deve essere passato almeno tre volte a settore, quindi facendo dei piccoli calcoli abbiamo 18 passaggi per arcata ( 9 vestibolari e 9 linguali o palatini).

Finito qui? No, dopo l'uso dello spazzolino, sarebbe buona norma utilizzare il filo interdentale per ottenere una pulizia ottimale delle zone interdentali che non s può ottenere col solo utilizzo dello spazzolino.

Anche il filo andrebbe utilizzato dopo ogni seduta di igiene orale, ma sarebbe per me un gran successo se i miei pazienti lo utilizzassero tutte le sere.

Mi auguro che questa piccola guida possa essere d'aiuto.