Abiraterone acetato, nuova possibilità contro il tumore della prostata metastatico

Roberto IacovelliL’abiraterone acetato è un nuovo farmaco capace di aumentare la sopravvivenza dei pazienti con tumore della prostata metastatico che abbiano fallito una terapia ormonale e la chemioterapia. L’abiraterone rappresenta di fatto un’opportunità terapeutica in più per questi pazienti.
Articolo a cura di .  Pubblicato il 10/03/2012, cliccato 9586 volte.
 

Meccanismo d’azione:

L’abiraterone acetato è un farmaco orale che inibisce due enzimi delle ghiandole surrenali (la 17 alfa-idrolasi e la C17, 20-liasi) responsabili della produzione surrenalica degli androgeni: gli ormoni maschili. Sebbene la maggior parte di questi ormoni sia prodotta a livello dei testicoli e la produzione surrenalica sia in genere minimale, questa diventa importante nei pazienti che eseguono farmaci che inibiscono la produzione del testosterone a livello dei testicoli a fini terapeutici come nel tumore della prostata [1].

 

Efficacia

L’abiraterone acetato è stato ampiamente studiato nei pazienti con tumore della prostata metastatico che non rispondevano più alla terapia ormonale e che avevano fallito anche un trattamento chemioterapico a base di docetaxel. Lo studio clinico pubblicato a maggio 2011 su uno dei più prestigiosi giornali medici (NEJM)[2], ha dimostrato come questo farmaco sia capace di prolungare la sopravvivenza rispetto al placebo di circa quattro mesi, oltre che di far diminuire il valore del PSA di cinque volte (29% vs 6%) e di raddoppiare la diminuzione dei sintomi legati alla presenza del tumore come il dolore (44% vs 29%), migliorando quindi la vita dei pazienti trattati.

 

Effetti collaterali

Nello studio clinico, gli effetti collaterali più frequenti sono stati la fatigue, il dolore alla schiena e alle articolazioni, la nausea e il vomito, la stitichezza, l’anemia, la ritenzione idrica e l’edema. Questi disturbi si sono manifestati in più di un paziente su cinque mentre effetti gravi come l’infarto o l’insufficienza cardiaca grave si sono manifestati in solo il 4% dei casi.

 

Indicazioni e dose

L’abiraterone è stato quindi giudicato dalle autorità di farmacovigilanza americane (FDA) ed europee (EMA) un farmaco sicuro ed efficace per il trattamento del tumore della prostata che non risponda terapia ormonale e alla chemioterapia. La dose iniziale del farmaco è di 1 grammo al giorno e deve essere accompagnata dall’assunzione di basse dosi di cortisone che servono a limitarne gli effetti collaterali, naturalmente la prescrizione dell’abiraterone avverrà sotto l’attenzione dell’oncologo che ha in cura il paziente.

 

Bibliografia

1. Iacovelli R, Palazzo A, Procopio G, et al. Abiraterone acetate in castration-resistant prostate cancer. Anticancer Drugs. 2011 Nov 25. [Epub ahead of print]

2. de Bono JS, Logothetis CJ, Molina A, et al. Abiraterone and increased survival in metastatic prostate cancer. N Engl J Med. 2011;364:1995-2005.

 


 

Autore

Roberto IacovelliIl suggerisce questi argomenti correlati:  tumore della prostata,  terapia ormonale,  abiraterone
Ha scritto anche questi articoli, queste news e riceve qui.

Condividi questo articolo: 

Ultimi consulti dell'autore:

  • Scintigrafia
    Oncologia medica - Gentile Utente, purtroppo con una neoplasia che esordiva già come metastatica vi è sempre la possibilità di sviluppare nuove lesioni, anche a distanza di tempo. Tuttavia l'indicazione che le è stata data è corretta e servirà a dirimere il dubbio che rimane tale fino allo svolgimento dell'esame. Co [continua »]
     
  • Osteosarcoma metastatico
    Oncologia medica - Gentile utente, il quadro che lei descrive potrebbe essere quello di una malattia che ha dato metastasi nelle sedi individuate alla PET. Sicuramente suo padre dovrebbe essere valutato da un oncologo per iniziare una trattamento sistemico con chemioterapia o in alternativa in protocolli di ricerca l [continua »]
     
  • Tac post nefrectomia radicale rene sx
    Oncologia medica - Caro Utente, in realta il referto di per se non è del tutto chiaro e lascia pensare che ci sia qualcosa che non va. Il consiglio che le do è di rivolgersi ad un centro di oncologia dove dovrà portare in visione le immagini della TC attuale e possibilmente anche di quella precedente. I colleghi riv [continua »]
     

 
 
advertising
 
 
 
Altri Speciali "Tutto su..."

 
 
 
 
 
 

Tutti gli speciali salute »





ultima modifica:  14/04/2014 - 0,07        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy