Le dimensioni dei testicoli sembrano inversamente collegate al ruolo di padre.

Questa affermazione ci è suggerita da un originale lavoro, pubblicato da alcuni ricercatori della americana Emory University di Atlanta su Proceeding of the National Academy of Science.

Gli uomini con volumi testicolari più piccoli sembrano essere più coinvolti in tutte le attività di accudimento e gestione dei loro bimbi e cioè avere più attenzioni alla loro alimentazione, al cambio dei pannolini, ai bagnetti e alla loro salute in generale.

giovanniberetta_12381
Padre attento

Nei settanta padri, con un figlio piccolo di uno o due anni, studiati in questa ricerca, sono state riscontrate maggiori attività cerebrali nelle aree del sistema limbico, conosciute come quelle che si attivano quando si deve accudire un bimbo, in chi aveva volumi testicolari più ridotti; la stessa maggiore attivazione sembrava presentarsi quando venivano mostrate le immagini dei loro figli

Tutto legato ai volumi testicolari, discorso troppo semplice!

Sicuramente altre prospettive, soprattutto di natura sociale e culturale, giocano un ruolo decisivo, importante e quindi ora bisogna meglio capire le cause reali di una tale relazione non ancora chiarita.

Sappiamo che generalmente nel mondo animale quelli che hanno testicoli più grandi vivono realtà sessuali più “complesse e promiscue”, cioè tendono ad accoppiarsi con più partner.

Sicuramente si può pensare che il volume testicolare sia collegato al tasso di testosterone nel sangue e sappiamo anche che i livelli di questo ormone tendono ad abbassarsi quando un uomo diventa padre.

giovanniberetta_Paternity-206
Amore paterno - simbolo

Queste osservazioni potrebbero ad esempio rendere interessante un ulteriore e successivo lavoro, capace di analizzare, se possibile, il volume dei testicoli di uomini, prima e dopo una paternità voluta.

 

Fonte: http://www.pnas.org/content/early/2013/09/04/1305579110

 

Altre informazionihttp://www.medicitalia.it/giovanniberetta/news/1382/Fare-il-papa-abbassa-il-testosterone