E' un fenomeno che sta divenendo sempre più diffuso, basti pensare a uomini famosi quali Richard Gere, George Clooney, Woody Allen, Silvio Berlusconi, Flavio Briatore, Andrea Bocelli, Pier Ferdinando Casini e così tanti altri...... 

Cosa dice la società

Attualmente viviamo in una società che da tempo va abbandonando gli stereotipi come quello in cui si pensa che la situazione ottimale sia quella del matrimonio fra ragazzi in cui lui ha in media 2 anni in più rispetto a lei.

matrimonio

Come stanno i fatti

Le ragazze moderne sono colte, amanti della lettura, dell’arte, dei musei, sono emancipate, sicure di sé, ambiziose, rifiutano i prototipi imposti dalla società, non si interessano dei commenti altrui e vogliono agire di testa loro, a volte, senza ascoltare il parere di chi ha più esperienza. Ecco che si scontrano con ragazzi della stessa età frivoli, insicuri, immaturi, infantili a volte anche infedeli che prestano poca attenzione ai particolari, che sono ossessionati dai social network fino a chattare anche in momenti di intimità, le trascurano preferendo passare qualche serata fra amici per parlare di calcio, calcio mercato, formula uno, videogiochi ecc.

Essendo meno maturi delle coetanee, non avendo una posizione economica stabile, non avendo chiare prospettive per il futuro non se la sentono di responsabilizzarsi in un rapporto più serio con le fidanzate, oltre al fatto che si sentono sopraffatti dall' aver perso il ruolo di maschio ovvero non sono più in grado di corteggiare perché l’iniziativa la prende la controparte che veste i pantaloni al loro posto applicando la “regola del tutto e subito” facendo l’amore quasi a prima vista.

Il Prototipo della ragazza e dell’uomo

Ecco che la ragazza trentenne laureata di media-alta classe sociale, piacente, ambiziosa, incondizionabile, che dopo molti anni di fidanzamento comincia a guardarsi intorno fino a venire in contatto accidentalmente con un uomo di 15-20 anni più grande con cui si trova in perfetta sintonia, il cosiddetto “papi boy”. Egli, già sposato con figli o con un divorzio alle spalle, a differenza dei trentenni ha una stabilità lavorativa una posizione sociale invidiabile, è molto più sicuro di se e con il suo intelletto riesce a rapire la mente della fanciulla. Può nascere così una relazione sentimentale che all’inizio è quasi come un gioco con degli alti e bassi impressionanti, perché entrambi si sentono destabilizzati nei loro principi che la società gli ha inculcato e cercano di capire cosa stia succedendo di tanto irreale. Dal lato suo l’uomo quando si accorge che i sentimenti stanno diventando sempre più intensi comincia a corteggiarla, farla sentire importante, la mette al centro dell’attenzione del suo mondo organizzando viaggi a sorpresa, cene a lume di candela, accessi ai centri benessere, serate al cinema, accompagnandola in lunghe passeggiate fra i parchi od al mare, soprendendola, divertendola, meravigliandola, desiderandola. Lascia da parte tutte le amicizie per vivere con Lei istante per istante, riprendendosi così il ruolo del maschio virile, corteggiatore passionale, e soprattutto cercando di "amare prima di fare l’amore", atto che segnerà una svolta decisiva della relazione. In tal modo l’uomo si riappropria di una propria caratteristica rubata ovvero "l’indossare i pantaloni" che gli erano stati sottratti da ragazzo.

Il ruolo dei social    

E’ una relazione che prevede un tumulto di emozioni a volte contrastanti che può avere dei risvolti imprevedibili, specie nelle fasi iniziali, soprattutto per l’utilizzo dei social che permettono di costruire una relazione e distruggerla irrimediabilmente in un tempo ancor più rapido, determinato dalla mancanza di un elemento fondamentale che è la comunicazione extraverbale cioè la mancata percezione del tono della voce e di visione di gesti, segni ed espressioni che comportano una interpretazione di quello che si scrive in maniera equivoca, determinato a volte anche dallo stato d’animo del momento. Si può ad esempio mentire spudoratamente o esprimere sentimenti non veri, cosa che sarebbe impossibile da fare mentre ci si guarda negli occhi. 

L’uomo che fino ad allora aveva vissuto un rapporto monotono e routinario quando gli si prospetta questa alternativa cerca di rivivere la gioventù passata costruendo un rapporto solidissimo contornato anche dalla nascita di figli. In tal modo l’uomo riacquisisce vitalità, ricomincia a curare la propria persona, andare in palestra, perdere qualche chilo fino al peso forma perfetto, riprende l’interesse per i viaggi, la cultura, gli spettacoli, il teatro, i musei, il cinema in perfetta sintonia e complicità con la nuova partner cioè fa ciò che alla donna piace fare, insomma è come se bevesse l’elisir della giovinezza.

 

E’ però una relazione molto pericolosa. La donna che si butta fra le braccia di un uomo “age” difficilmente lo fa per un innamoramento incontrollabile e spontaneo a differenza di questa tipologia di uomo romantico, gentile e cortese nostalgico del tempo che fu che ha la tendenza a sviluppare nell’immediatezza sentimenti molto profondi cercando di amare prima di fare l’amore tanto è, che se la storia finisce all’improvviso, chi ne risente di più è l’uomo con risvolti psicologici che sono imprevedibili ed a volte devastanti e duraturi (l’esito dipende dalla capacità di reazione del singolo). L’uomo invecchia più in fretta della donna e quindi ha più paura di invecchiare ecco perché costruire una storia con una donna più giovane inverte questa tendenza.

Le devianze

Attenzione però a non confondere il "papi boy" che come detto è in genere padre di famiglia con il sugar boy o sugar daddy complex (SDC) dove invece è il quarantenne con stabile posizione economica e sociale in cerca di avventure che ammalia la giovane donna con false promesse. Ovviamente se anche in questo caso si applica le regola del "tutto e subito" e l’approccio sessuale è quasi immediato non si riuscirà mai a capire in breve tempo se l’uomo rientra nell’una o nell’altra categoria rischiando che si abbia un'investimento di sentimenti unilateralmente con inevitabili ripercussioni al termine della storia. 

Qual è il ruolo dell’Andrologo in queste relazioni?

In questo tipo di relazioni le prestazioni sessuali dell’uomo devono essere al top per soddisfare le esigenze della donna giovane ed ecco che subentra la figura dell’andrologo in aiuto della coppia ed in particolare dell’uomo. 

Prevenzione

L’andrologia è una branca della medicina giovane, frizzante in forte fermento che non tutti conoscono. Essa studia le problematiche sessuali della coppia soffermandosi prevalentemente sulla sfera maschile.

L’industria farmaceutica è sempre più costantemente impegnata nella ricerca di strategie che allunghino di molti anni la vita sessuale come anche la fertilità dell’uomo con importanti sviluppi psicologici. Infatti l’andrologo può fornire consigli utili all’uomo per salvaguardare sia la salute sessuale che la fertilità quanto più a lungo possibile agendo soprattutto sui possibili fattori di rischio quali: fumo, sedentarietà, alimentazione, stile di vita errata, diabete, ipertensione, ipercolesterolemia, obesità.

Terapia medica

Dal punto di vista farmacologico qualora ce ne fosse bisogno è possibile consigliare energizzanti psicofisici che incrementano l’eros, riequilibrare eventuali deficit di produzione interna di testosterone, utilizzare farmaci per migliorare la qualità e la durata delle erezioni quali quelli che tutti conosciamo ovvero il Viagra (la pillola blu), il Cialis (la pillola del week-end), il Levitra ed il più innovativo Spedra (la pillola "speedy").

Esistono anche delle creme spalmabili e delle iniezioni che determinano erezioni lunghe e durature.

Attenzione queste strategie non vanno interpretate, come spesso fa la donna, come una “medicalizzazione dell’atto sessuale” ma sono strategie per mantenere la coppia giovane e sessualmente attiva quanto più a lungo possibile con risvolti positivi anche della psiche.

La Tecnologia

Anche la tecnologia ci è venuta in contro, infatti va di moda l’applicazione delle onde d’urto a fasci paralleli e di bassa intensità. Esse sono in grado di favorire il formarsi di nuovi vasi sanguigni in modo tale da migliorare la portata dell’afflusso di sangue che è alla base del meccanismo dell’erezione. Tali applicazioni vengono periodicamente utilizzate da alcuni uomini anche a scopo preventivo una specie di “lifting sessuale dell’uomo”.  

Conclusioni

Il detto "l’amore fa bene alla salute" è sempre valido in quanto previene la decadenza fisica, migliora l’assetto cardiocircolatorio e previene la depressione come è anche vero che "al cuore non si comanda".

 silvia.rotondi_cuorerosso

  

Source: 

-Attualità

-Riflessioni personali

 

Argomenti correlati 

http://www.medicitalia.it/news/andrologia/5655-sms-socialmente-dannosi.html