Questi tre fattori sembrano essere, soprattutto nel periodo estivo, le tre principali cause di infezioni ed infiammazioni in un uomo.

E’ questa la stagione delle vacanze e del riposo, dove si ha più tempo libero e quindi più facili possono diventare gli incontri romantici, anche di natura sessuale, a volte occasionali, non ben meditati e quindi non ben protetti.

Dopo l’estate infatti tutti i Centri, che si occupano di malattie ed infezioni trasmesse con rapporti sessuali, registrano il maggior numero di problemi con un picco assoluto di infezioni da microrganismi, trasmessi attraverso incontri e giochi sessuali non protetti, e, a questo proposito, bisogna sempre tener assolutamente presente la necessità di usare, quando non si conosce bene, ma proprio bene, il proprio compagno, il preservativo per qualsiasi tipo di “manovra” o avventura sessuale di tipo penetrativo.

 

 

Un altro problema estivo è legato alle punture di insetti. Oggi si viaggia con più facilità e non è inusuale trascorrere le proprie vacanze in paesi tropicali; qui alcuni artropodi pericolosi, in particolare le zanzare, possono trasmettere con le loro punture anche gravi malattie come il Dengue, la Malaria, la Zika ed altro ancora.

Non scordarsi degli acari, come le zecche, che sono parassiti ematofagi, cioè “mangiano" il sangue di molti animali compreso l'uomo, che possono essere pericolosi agenti di trasmissione di alcune importanti malattie infettive come la Borreliosi, l’Encefalite, la Febbre Q e l'Ipertermia bottonosa.

 

 

Bisogna stare attenti anche agli scorpioni e ai ragni le cui punture possono dare problemi molto fastidiosi e a volte anche scatenare malattie gravi e sistemiche.

Qui la difesa è legata all’utilizzo di abiti ben "coprenti", non portare mai ad esempio pantaloni corti, e poi sempre bisogna avere a disposizione adeguati repellenti cutanei.

Infine altro problema, che può presentarsi durante il periodo estivo e da tener ben presente, è l’utilizzo di acque dolci non controllate e contaminate; difficile per tutti non ricordare qualche fastidioso episodio di “diarrea del viaggiatore” durante qualche vacanza "esotica"; in queste situazioni frequentemente si può avere questo tipo di fastidio, soprattutto quando si viaggia in paesi a clima caldo-umido e con uno scarso controllo generale di tipo igienico-sanitario.

In queste situazioni particolari sempre ricordarsi i vecchi e saggi principi dei nostri nonni: se cibo non è sicuro sempre opportuno lavarlo, cucinarlo, sbucciarlo o dimenticarlo.

Per le bevande invece attenzione a quelle non imbottigliate e non sigillate e all’utilizzo di ghiaccio che è capace di conservare al suo interno alcuni microrganismi “pericolosi” soprattutto per il nostro apparato gastro-enterico.

 

Fonte:

http://www.simit.org/IT/index.xhtml

Altre informazioni:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/753-malattie-sessualmente-trasmesse-fertilita-uomo.html

http://www.medicitalia.it/news/andrologia/5487-malattie-sessualmente-trasmesse-europa-aumento.html