Carenza di 5α-reduttasi

 

Siamo sempre e giustamente proiettati alla ricerca e alle innovazioni, per fortuna, ma è bene ogni tanto "rispolverare" alcune nozioni su rare ma pur sempre presenti patologie genetiche.

Il deficit di 5α-reduttasi è una malattia rara che è stata descritta per la prima volta come "ipospadia perineale", poiché i neonati di solito presentano un pene gravemente ipoplasico con l'apertura dell'uretra sul perineo.

È stato successivamente accertato che il disturbo è dovuto a carenza di 5α- reduttasi, l'enzima chiave nella conversione del testosterone in DHT, il metabolita responsabile della normale mascolinizzazione esterna.

I genitali sono prevalentemente femminili, perché è presente solo il testosterone

La malattia è ereditata come carattere autosomico recessivo ed è stata descritta al meglio in diverse famiglie dominicane e in piccoli gruppi in altre parti del mondo.

Diversi fenotipi possono essere visti nello stesso tipo.

Tipicamente, il paziente presenta alla nascita un fenotipo esterno femminile e strutture genitali interne maschili. Può essere presente l'allargamento del clitoride. La maggior parte dei pazienti vengono allevati come ragazze. Alla pubertà, mostrano segni di virilizzazione, con ingrossamento fallico, discendenza dei testicoli e approfondimento della voce senza ginecomastia. Tuttavia, i peli del viso e del corpo rimangono spesso scarsi, non c'è tessuto prostatico e la spermatogenesi è incompleta. Alla pubertà, il rapporto basale tra testosterone e DHT basale è maggiore di 35. Tra i bambini nati con genitali ambigui, lo schema tipico è quello di una concentrazione normale o elevata di testosterone plasmatico con un rapporto aumento del testosterone-DHT che appare solo dopo stimolazione hCG. Tuttavia, questo parametro potrebbe essere normale alla nascita.

Dall'identificazione dei geni SRD5A1 e SRD5A2, che codificano, rispettivamente, i due isoenzimi, i tipi 5α-reduttasi 1 e 2, sono state identificate mutazioni in SRD5A2 nei casi di sottomercolinizzazione maschile a causa del deficit di 5α-riduttasi. SRD5A2 si trova sul cromosoma 2p23 e codifica per una proteina 254-amminoacidi. Sono state descritte circa 30 delezioni e mutazioni.

Classicamente, anche nei soggetti nati con pene tipo clitoride, scroto bifido e grave ipospadia, il pene si allarga alla pubertà con uno sviluppo muscolare significativo.

Se il disturbo viene riconosciuto precocemente, i bambini possono essere trattati specificamente con DHT con una buona risposta. Pertanto, se la diagnosi viene fatta durante il periodo neonatale, si raccomanda un sesso maschile di allevamento e la terapia androgenica viene utilizzata per migliorare la crescita del pene e facilitare la riparazione chirurgica dei genitali. In questi pazienti, è prevedibile un'ulteriore virilizzazione alla pubertà e la fertilità è teoricamente possibile. Quelli diagnosticati più tardi nella vita che hanno un'identità di genere femminile non ambigua dovrebbero essere sottoposti a orchiectomia e ricevere terapia estrogenica al momento della pubertà.

Tuttavia, ci sono segnalazioni di pazienti allevati come femmine che hanno subito un'inversione del comportamento di genere (e sposati) durante l'adolescenza.

Infine, la paternità mediante inseminazione intrauterina con sperma di un uomo con deficit di 5α-reduttasi di tipo 2 dimostra che la spermatogenesi può verificarsi in questo disturbo.

 

Fonte:

Claire Bouvattier, in Pediatric Urology