Propongo la lettura di un lavoro tutto italiano

L'ipogonadismo ad insorgenza adulta è una sindrome spesso sottodiagnosticata, sottoposta a trattamento insufficiente o esplorata in modo incompleto. Ci sono varie ragioni per questo: in primo luogo, la fascia di età non definita degli uomini in cui i livelli di testosterone dovrebbero essere studiati e quindi nessun punto limite definitivo per la diagnosi di ipogonadismo; e infine segni e sintomi variabili e non specifici; uomini e medici non prestano adeguata attenzione alla salute sessuale.

Tutti questi fattori rendono controversi i criteri diagnostici per l'ipogonadismo. La valutazione delle caratteristiche cliniche e delle cause di questa sindrome, il suo legame con l'età, il ruolo del testosterone e di altri livelli ormonali e la presenza di eventuali comorbilità sono tutti fattori utili nell'indagine su questa popolazione.

Lo scopo di questo manoscritto, dopo un'accurata analisi della letteratura corrente, è di facilitare la diagnosi di ipogonadismo negli uomini attraverso l'uso dell'acronimo CATCH e una checklist per offrire uno strumento diagnostico pratico per la pratica clinica quotidiana.

È stata eseguita una revisione narrativa della letteratura pertinente riguardante la diagnosi di ipogonadismo a esordio tardivo o ipogonadismo ad esordio nell'adulto. Il database PubMed è stato utilizzato per recuperare gli articoli pubblicati su questo argomento.

Sono stati utilizzati un nuovo acronimo utile CATCH (caratteristiche cliniche [sintomi] e cause, età, livello di testosterone, comorbidità e ormoni) e una lista di controllo pratica per facilitare la valutazione dell'ipogonadismo negli uomini anziani. La valutazione delle caratteristiche cliniche e delle cause dell'ipogonadismo, il legame con l'età, il ruolo del testosterone e di altri ormoni e la valutazione delle comorbidità sono importanti nello studio dell'ipogonadismo ad esordio nell'adulto.

La checklist CATCH potrebbe essere utile per i medici per una diagnosi precoce sia dell'ipogonadismo sia delle comorbidità associate.

articolo