Finalmente....continuano ad esserci notizie positive sull'utilizzo della tossina botulinica. Dopo la prima ufficiale, ormai decennale (2002) approvazione sull'utilizzo del botulino per le rughe glabellari, verticali...cioè sopra la radice del naso, tra gli occhi, la FDA  (Food and Drug Admistration) americana ne ha approvato l'uso per le rughe perioculari...

L'approvazione del FDA, da sempre molto severa nell'approccio a nuovi farmaci, trova in primis la soddisfazione dei chirurghi plastici che da sempre utilizzano la tossina.

E' un'ulteriore prova a favore dell'utilizzo sicuro del botulino nell'estetica del terzo superiore...

L'approvazione FDA si basa sui risultati di uno studio su 833 pazienti trattati con Vistabex (Allergan) o placebo (soluzione irriconoscibile al paziente ma totalmente inerte). Le persone trattate con Vistabex hanno presentato una riduzione importante delle cosidette "zampe di gallina".

Leggi la notizia clicca QUI

La FDA inoltre precisa nella sua nota che l'utilizzo della tossina botulinica alle dosi consigliate non permette l'insorgenza di sintomi sistemici ma solo locali, di miglioramento estetico.

Il commento è quindi positivo per la comunità scientifica, permettendo di chiarire molta cattiva informazione intorno all'utilizzo del botulino.

Ovviamente giova ricordare che la tossina botulinica utilizzata in estetica è un farmaco a tutti gli effetti, studiato e approvato anche per altri usi medici come nella distonia muscolare, nella cura della depressione, nel trattamento delle cicatrici, nell'iperidrosi, nell'emicrania, nell'incontinenza urinaria etc...

Allora diventa sempre più attuale il monito lanciato dall'AICPE (Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica) che punta il dito sulla professionalità del medico che effettua i trattamenti. Molto spesso i risultati sono operatore dipendente e quindi la scelta del medico diventa dirimente sul risultato finale.

 

«Verificate che il medico sia specializzato in chirurgia plastica, anche solo per una "punturina". In gioco c'è la vostra salute» avverte l'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe)