E' stato appena pubblicato un interessante studio scientifico (International Journal of Sexually transmitted diseases - AIDS) che ha riportato una differenza statisticamente significativa fra:

- uomini con Lesioni genitali da Human papilloma virus (HPV) 

- uomini con Lesioni genitali da Human papilloma virus (HPV) associate a Balanopostite

Su un totale di 292 pazienti, 47 di questi (16%) hanno riportato una neoplasia intraepiteliale peniena.

Il secondo gruppo di pazienti, quello con HPV e balanopostite, ha evidenziato un rischio maggiore di trasformazione neoplastica (cancro del pene).

Se questi dati fossero confermati da ulteriori studi, ne potremmo derivare due fondamentali osservazioni:

1. La presenza di qualsiasi tipo di Balanopostite (si vedano i vari tipo nel nostro sito monotematico www.balanopostite.it) e lesioni genitali da HPV (condilomatosi) o anche la sola presenza di HPV intraepiteliale a livello genitale, potrebbe fungere da meccanismo adiuvante nel processo di alterazione del genoma cellulare in senso tumorale delle cellule cutanee genitali colpite: tale processo potrebbe essere sovrapponibile a quello che accade a livello della cervice uterina nelle donne, ove la presenza di ectropion/infiammazioni croniche, favorisce l'ingresso del virus HPV all'interno del genoma cellulare, alterando in senso displastico/neoplastico la cellula colpita

2. La Balanopostite cronica potrebbe essere evidenziata come fattore prognostico sfavorevole in presenza di lesioni da HPV o di positività all'HPV

Uno studio sicuramente interessante e propositivo che non mancherà di avere una vivace discussione scientifica.

Nel frattempo, raccomandiamo in caso di balanopostite / balanite, di rivolgersi sempre allo specialista DermoVenereologo per una diangosi corretta ed una terapia efficace.

 

Fonti: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23970611