E' sempre più frequente nell'ambulatorio dermotricologico: una parte importante delle cure tricologiche è rappresentata da tecniche iniettive sul cuoio capelluto. Per queste prestazioni vengono utilizzate varie sostanze ad azione stimolante o protettiva del ciclo pilare, da cortisonici ad acido ialuronico ,a polinucleotidi, prp,e a molte altre sostanze stimolanti o protettive sul follicolo e sul ciclo pilare.

Una buona manualità del medico, unita ad una approfondita conoscenza della regione da trattare sono imprescindibili, tanto quanto la conoscenza delle patologie dermotricologiche e delle scelte farmacologiche.

Ma anche ai più esperti risulta non sempre agevole mantenere un adeguato controllo delle profondità ,della uniformità delle dosi da iniettare e in generale della velocità di esecuzione e della minimizzazione del dolore.

Risulta quindi veramente interessante l'uso di sistemi che possano permettere tutto questo, aiutando il medico e massimizzando la performance della operazione. 

Nasce quindi la possibilità di utilizzare device che consentano di iniettare la dose prestabilita alla profondità prestabilita e con il minimo disconfort per il paziente. 

E assicuro che in pazienti che devono ripetere talvolta le sedute a cadenza settimanale....la cosa non è secondaria!