La maggior parte dei pazienti con reflusso gastroesofageo otttiene un buon controllo dei sintomi seguendo indicazioni dietetiche e comportamentali ed assumendo una dose quotidiana standard di omeprazolo o di un altro inibitore di pompa protonica.

reflusso gastroesofageo

Esiste pero' una quota significativa di pazienti pari a circa il 45% che con questa terapia non ottiene un adeguato controllo dei sintomi e per i quali è necessario fornire indicazioni terapeutiche aggiuntive.

sintomi reflusso

Un lavoro multicentrico randomizzato in doppio ceco verso placebo appena pubblicato ha studiato l' efficacia di un 'vecchio' farmaco, ovvero l' alginato nel ridurre i sintomi residui somministrato in aggiunta alla terapia con inibiltore di pompa.

alginato

 

Il farmaco è stato somministrato quattro volte al giorno dopo i pasti e prima di dormire in aggiunta alla dose di omeprazolo ed i sintomi valutati con un questionario validato prima e dopo 7 giorni di terapia.

Nei 136 pazienti randomizzati si è osservata una riduzione significativa dei sintomi valutati mediante il punteggio ottenuto nel questionario nei pazienti trattati rispetto a quelli che avevano assunto placebo anche per quanto riguarda i sintomi notturni.

La somministrazione di questo farmaco ha quindi dimostrato ridurre i sintomi residui senza la necessita' di aumentare il dosaggio dell' inibitore di pompa con i possibili effetti collaterali correlati e senza presentare un significativo aumento di effetti indesiderati, fornendo una soluzione efficace e sicura.

 

C. Reimer et al, Aliment Pharmacol Ther.2016;43(8):899-909