Il crescente interesse della ricerca per le popolazioni batteriche (microbiota) presenti nel tratto gastrointestinale occupa attualmente sempre più spazio nella letteratura scientifica.

I batteri sono soltanto una parte del complesso microbiota intestinale che comprende altri microrganismi i quali esercitano in questo ambiente la loro azione, in particolare virus e miceti (funghi).

I risultati di una ricerca, pubblicata a settembre 2016 su mBio (rivista dell'American Society for Microbiology), mettono in rilievo le interazioni tra alcuni batteri (Escherichia coli e Serratia marcescens) con un fungo (Candida tropicalis) presenti nell'intestino di pazienti con malattia di Crohn. Questi microrganismi potrebbero essere implicati nella fisiopatologia delle alterazioni della mucosa intestinale attraverso l'elaborazione e la stratificazione di un biofilm, responsabile dei processi infiammatori tipici della malattia.

Questa ricerca, se confermata da studi successivi, potrebbe aprire la strada a nuove strategie terapeutiche.

 

Hoarau G, Mukherjee PK, Gower-Rousseau C, et al. Bacteriome and Mycobiome Interaction Underscore Microbial Dysbiosis in Familial Crohn's Disease. mBio 2016 Sep 20; 7(5):e01250-16.

http://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/591-malattia-crohn.html

http://www.medicitalia.it/blog/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/846-biotipi-flora-batterica-intestinale.html

http://www.medicitalia.it/news/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/6180-fame-sazieta-batteri-intestinali.html

http://www.medicitalia.it/news/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/6169-batteri-intestinali-cancro.html