E' stata pubblicata ieri dall'FDA (Food and Drug Administration) la relazione finale di uno studio sui rischi di tromboembolismo venoso (TEV) nelle utilizzatrici di pillola contraccettiva contenente drospirenone (www.fda.gov).

Secondo questo rapporto esiste un rischio 1,5 volte superiore di sviluppare tromboembolismo venoso rispetto all'utilizzo di altri contraccettivi combinati a basso contenuto ormonale.

Lo studio ha incluso 835.826 utilizzatrici di contraccettivi ormonali combinati.

Sono stati presi in esame anche i dati relativi a etonogestrel/etinilestradiolo in forma di anello vaginale e norelgestromina/etinilestradiolo in forma di cerotto transdermico.

Nelle utilizzatrici di drospirenone il rischio relativo di TEV e' di 1,7, nelle utilizzatrici di etonogestrel pari a 1,6 e per norelgestromina pari a 1,5.

Nel comunicato la FDA riporta che i risultati saranno presentati nella riunione congiunta del Reproductive Health Drugs Advisory Committee e Risk Management Advisory Committee che si terrà il prossimo 8 dicembre.

 

Fonte: Medscapenews