In  uno studio pubblicato nei giorni scorsi sul Journal of the American College of Cardiology è stata evidenziata la correlazione tra infezione da HPV nelle donne ed aumentato rischio di infarto miocardico ed ictus.

I dati si riferiscono a 2.450 donne analizzate tra il 2003 e 2006.

L'HPV, oltre ad essere un fattore di rischio per il cancro del collo dell'utero, sembrerebbe essere correlato a malattie cardiovascolari, indipendentemente dalla presenza di altri fattori di rischio come comorbidità o aumento della proteina C-reattiva.

Non essendovi altri studi a proposito, gli Autori ritengono opportuno individuare le donne che presentano infezione da HPV per gestire eventuali condizioni di rischio di malattia cardiovascolare.

Nell'analisi, il 46,6% dei tamponi vaginali sono risultati positivi all'HPV. Dell'intera coorte di studio, 60 donne (circa il 2,5%) presentavano una diagnosi di infarto miocardico (di queste 39 presentavano positività al test HPV-Dna e 21 erano negative).

L'ipotesi che vi sia una correlazione tra agenti infettivi e rischio cardiovascolare dovrà essere ancora supportata da altri studi. Gli agenti infettivi cronici possono infatti avere un ruolo nella progressione della malattia aterosclerotica e l'HPV potrebbe essere uno di questi.

Cio' contribuisce a rafforzare il concetto che la vaccinazione per HPV rappresenta un beneficio importante per la salute della donna.