L’endometriosi è una malattia caratterizzata dalla presenza di endometrio (la mucosa che riveste l’interno dell’utero) al di fuori dell’utero. E’ responsabile di infertilità e dismenorrea (dolore mestruale che tende ad aumentare di intensità dal 2-3 giorno del ciclo). Ne soffrono circa 3 milioni di donne in Italia.

Secondo uno studio pubblicato nei giorni scorsi e realizzato presso il Queensland Institute of Medical Research (QIMR), l’endometriosi riconosce una causa genetica dovuta ad una modificazione di alcuni loci del cromosoma 7.

Lo studio è stato realizzato su 5640 donne australiane, giapponesi ed europee.

Questa scoperta, che conferma alcuni studi precedenti, riveste particolare importanza per eventuali futuri sviluppi tesi ad identificare i meccanismi biologici che sono alla base dell’endometriosi ed apre a future speranze per la scoperta di un nuovo trattamento.

La diagnosi e il trattamento dell’endometriosi sono al momento piuttosto complessi e riguardano sia l’approccio medico che chirurgico. Spesso l’endometriosi non viene diagnosticata con tempestività, limitando la donna nelle sue attività quotidiane.

Recentemente l’endometriosi è stata riconosciuta dall’Inps come malattia invalidante.