Sono stati individuati nuovi criteri per stabilire se una gravidanza è evolutiva o meno nelle primissime fasi di sviluppo. Le precedenti Linee Guida potevano dare dei falsi-positivi stabilendo che l’embrione era assente o non evolutivo, mentre, aspettando qualche giorno e ripetendo alcuni tests, si poteva osservare che non era così.
 

In un recentissimo articolo pubblicato sul New England Journal of Medicine vengono stabilite nuove Linee Guida cercando di arrivare al 100% di specificità ed all’assenza di falsi-positivi:

  • CRL di ≥ 7 mm e senza battito cardiaco

  • Diametro camera gestazionale di ≥ 25 mm e assenza di embrione

  • Assenza di embrione con battito cardiaco ≥ 2 [settimane] dopo una scansione che ha mostrato una camera gestazionale gestazionale senza sacco vitellino

  • Assenza di embrione con battito cardiaco ≥ 11 giorni dopo una scansione che ha mostrato un sacco gestazionale con il sacco vitellino

 

Vi sono poi 8 condizioni che sono sospette ma non diagnostiche per mancata gravidanza:

  • CRL di diametro inf a 7mm e senza battito cardiaco

  • Diametro camera gestazionale di 16-24 mm e assenza di embrione

  • Assenza di embrione con battito cardiaco per 7-13 giorni dopo una scansione che ha mostrato un sacco gestazionale senza sacco vitellino

  • Assenza di embrione con battito cardiaco 7-10 giorni dopo una scansione che ha mostrato una camera gestazionale con sacco vitellino

  • Assenza di embrione ≥ 6 settimane dopo l'ultimo periodo mestruale

  • Amnios vuoto (amnios visto adiacente a sacco vitellino, senza embrione visibile)

  • Sacco vitellino allargato (> 7 mm)

  • Piccola sacca gestazionale in relazione alle dimensioni dell'embrione (inf a 5mm di differenza tra il diametro medio della camera gestazionale ed il CRL)

 

Se il ginecologo osserva una di queste condizioni dovrebbe continuare ad investigare e non arrivare subito alla conclusione che la gravidanza non sia evolutiva, informando di questo la paziente.

Gli Autori concludono dicendo che il valore delle betaHCG da solo può essere fuorviante nella diagnosi di aborto perchè i valori si sono visti sovrapponibili per gravidanze evolutive, non evolutive e gravidanze extrauterine.

Dati recenti indicano che i livelli di betaHCG accettati in passato come indicativi di una gravidanza non vitale potrebbero non essere affidabili.

 

Fonte: Diagnostic Criteria for Nonviable Pregnancy Early in the First Trimester - N Engl J Med. 2013;369:1443-1451.