Il 20 ottobre 2013, quindi tra pochi giorni, ricorre la Giornata Mondiale contro l’Osteoporosi.

In occasione di questa giornata ci saranno oltre 70 ospedali italiani che offriranno visite gratuite e saranno disponibili a fornire informazioni, assistenza e supporto alle donne per la prevenzione, la diagnosi e le cure di questa malattia.

Per sapere quali sono questi ospedali e il calendario delle varie iniziative consultate:

http://osteoprosi.bollinirosa.it/

Questa iniziativa, è sostenuta e promossa da O.N.Da (Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna), e ha lo scopo di sensibilizzare verso l’osteoporosi, una malattia che colpisce soprattutto le donne dopo la menopausa , ed espone al rischio di fratture, soprattutto a livello delle vertebre, del femore e dell’avambraccio, con conseguenze che possono essere anche molto invalidanti

L'osteoporosi è una malattia che nelle fasi iniziali non dà alcun sintomo, spesso viene sottovalutata, diagnosticata in ritardo o non adeguatamente trattata.

La presidentessa dell’Osservatorio O.N.Da, Francesca Merzagora, ha affermato che si tratta di “Una patologia a largo impatto sociale, con diverse e comprovate conseguenze negative di matrice sanitaria, sociale ed economica .Si stima che entro il 2050 le fratture di femore saliranno dagli attuali 1,6 milioni annui a 5-6 milioni.”

Per questo motivo è molto importante la prevenzione, ma in questo caso conta molto anche saper motivare il paziente a fare e a proseguire la terapia che spesso viene interrotta e non seguita con costanza, con conseguenti scarsi o nulli risultati in termini di efficacia.

In occasione di questa giornata mondiale dell’osteoporosi, voglio ricordarvi alcune piccole regole che possono esservi utili per la prevenzione di questa malattia:

1)   Si comincia da piccole a prevenire l’osteoporosi

2)   E’ necessario fare a tutte le età un regolare e costante esercizio fisico

3)   Bisogna apportare attraverso l’alimentazione sostanze utili per le ossa, come ad esempio calcio, vitamina D, proteine in giusta quantità e qualità

4)   Il sole è un amico dell'osso: una corretta esposizione consente alla nostra pelle di produrre l’80% di vitamina D che ci serve insieme al calcio e ad altri elementi a garantire una buona salute alle nostre ossa

5)   Evitare il fumo e l’abuso di alcool

6)   Mantenere il peso forma

7)   Rivolgersi al medico per valutare se si è soggetti a rischio e per fare una diagnosi precoce attraverso un esame specifico, la MOC, ed eventualmente una terapia adeguata qualora necessaria e che NON va interrotta di propria iniziativa

Vi consiglio vivamente una lettura per capire meglio il problema e per ulteriori approfondimenti, ecco il link:

http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&frm=1&source=web&cd=11&cad=rja&ved=0CF0QFjAK&url=http%3A%2F%2Fshare.iofbonehealth.org%2FWOD%2F2013%2Fthematic-report%2FIT%2FWOD13-report-IT.pdf&ei=v7FfUoDfJYPCtQbTp4GwAw&usg=AFQjCNEdeX7aHhfIE2Q1oqUa_yWW_BaXxg&sig2=ygzOF1P1Ccdc1Ng4znN3gQ

Domenica 20 ottobre 2013, non perdete quindi l'appuntamento con la prevenzione e i consigli per l'osteoporosi!!!

 

Argomenti correlati:

Cure per l’osteoporosi:

http://menopausaserena.altervista.org/terapie-per-l-osteoporosi.html

Alimentazione:

http://menopausaserena.altervista.org/alimentazione-in-menopausa.html

Attività fisica e sport:

http://menopausaserena.altervista.org/Sport-attività-fisica-in-menopausa.html

Prevenzione, si comincia dall’infanzia:

http://www.medicitalia.it/defalcovincenza/news/749/Prevenzione-dell-Osteoporosi-deve-cominciare-nell-infanzia