L’applicazione vaginale di lidocaina, permette di avere rapporti sessuali meno dolorosi nelle pazienti in menopausa con cancro al seno che hanno problemi di dispareunia (dolore ai rapporti sessuali).

E’ quello che ho appena letto e che è emerso da una recente ricerca scientifica presentata dalla dott.ssa Martha Goetsch della Oregon Health of Science University di Portland al Congresso Americano di Ostetrici e Ginecologi (ACOG) Annual Meeting 2014.


Foto by taliesin

Le donne in menopausa che sono sopravvissute al cancro al seno sono spesso alla ricerca di una valida alternativa alla terapia ormonale sostitutiva, per curare i vari disturbi legati alla menopausa, tra cui quello dell’atrofia vulvovaginale responsabile di secchezza vaginale e dolore ai rapporti sessuali, che trova nella cura ormonale a base di estrogeni il trattamento di prima scelta, controindicato però in chi ha il tumore al seno.

Questo studio in doppio cieco è stato effettuato su 46 donne (età media 55,6 anni) in menopausa (durata media di 8 anni) che avevano avuto un cancro al seno e soffrivano di grave atrofia vulvovaginale  e dispareunia.

Il risultato osservato, dopo aver fatto applicare sul vestibolo vaginale (entrata della vagina) un gel a base di lidocaina al 4%, tre minuti prima del rapporto sessuale, per un periodo complessivo di 2 mesi, è stato quello di una notevole riduzione del dolore e la possibilità di riprendere i rapporti sessuali.

Secondo questo studio, si riconferma, quindi, l'utilità di un anestetico topico come la lidocaina in caso di dispareunia.


“I partner di queste donne si sono dichiarati soddisfatti e non hanno avuto sensazioni di intorpidimento genitale (che potrebbe verificarsi a causa dell’uso della lidocaina)” riferisce la dott.ssa Goetsch autrice della ricerca, e aggiunge che “l’atrofia vulvovaginale (legata alla situazione ormonale menopausale con calo degli estrogeni) non è il problema, Penso che potrebbe essere una forma di vestibolodinia, e se così fosse questo potrebbe significare un cambiamento di paradigma nel trattamento della dispareunia”


La conclusione della dott.ssa Goetsch deve farci riflettere e potrebbe aprire nuovi orizzonti nell’interpretazione della causa del dolore sessuale in menopausa che potrebbe essere anche di origine neuropatica (vestibolodinia) e di conseguenza nei vari tipi di trattamento, che prevedono l'uso anche di altri farmaci,oltre la lidocaina topica.

Quindi si dovrebbe tener sempre presente anche questa possibilità dell’origine neuropatica, e non solo ormonale, della dispareunia, nelle donne in menopausa.

 

Fonte: http://www.medscape.com/viewarticle/824432

 

Per approfondimenti: