La secchezza vaginale è un disturbo molto fastidoso e invalidante per la donna in menopausa e, a causa del fastidio che provoca (bruciore, dispareunia, frequenti vaginiti e cistiti), rappresenta una causa molto frequente di consultazione ginecologica.

La carenza estrogenica che si accompagna alla menopausa, legata al deficit di produzione ormonale delle ovaie, causa un progressivo assottigliamento dello spessore della mucosa vaginale, che diventa più sottile e meno idonea ai rapporti sessuali.

Il pH vaginale, a causa del progressivo impoverimento di lattobacilli del milieu vaginale, si innalza tragicamente e questo comporta una minore resistenza alle infezioni. Il rapporto sessuale diventa sempre più difficile, perchè doloroso e seguito spesso da sintomi di vaginite e cistite. Si crea pertanto un circolo vizioso, per cui la paziente spesso sospende l'attività sessuale, il  che favorisce la progressiva comparsa di una stenosi vaginale da atrofia  dei tessuti e della loro irrorazione sanguigna. Più si aspetta a intraprendere le terapie e più il danno diventa inesorabilmente irreversibile.

Esistono vari trattamenti farmacologici per combattere questo disturbo, tra cui il più efficace è senza dubbio l'utilizzo di estriolo vaginale, un estrogeno debole, quindi a basso rischio di effetti collaterali.

Secondo un recente lavoro italiano del dott. Caruso dell'Università di Catania, un gel vaginale con estriolo 0.005% può risolvere i suddettti sintomi di secchezza vaginale senza rischi per la salute.

Lo studio ha confrontato i risultati ottenuti da 121 donne dopo la menopausa affette da secchezza vaginale, mostrando un netto miglioramento in quelle che avevano ricevuto la terapia rispetto alle altre. Il basso dosaggio è in linea con le attuali raccomandazioni delle società scientifiche che si occupano di menopausa, inoltre la via vaginale è più efficace di quella sistemica per risolvere tali disturbi. 

L'estriolo sotto forma di gel vaginale a basso dosaggio dovrebbe pertanto essere il trattamento di prima scelta per risolvere questa delicata patologia femminile, essendo di semplice utilizzo, efficace e pressochè sprovvisto di effetti collaterali.

 

Fonte:

S. Caruso et al, Menopause online june 15