E' ormai nota l'importanza del vaccino antiinfluenzale nel difendere la madre e il feto dall'influenza e dalle sue temibili complicanze, compreso l'aborto. Tale vaccino è estremamente raccomandabile per la donna in gravidanza e può essere fatto a qualsiasi epoca gestazionale.

Invece il vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse, per fornire il massimo apporto di anticorpi protettivi al neonato nei primi mesi di vita dovrebbe essere somministrato alla madre tra 27 e 36 settimane di gravidanza.

Se la donna si trova ad essere in gravidanza avanzata nel periodo dell'epidemia influenzale, può avere necessità di associare pertanto i 2 vaccini. E' una pratica sicura? Per rispondere a questa domanda analizziamo quanto segue.

Il 5 ottobre su Obstetrics & Gynecology sono stati pubblicati i risultati di un vasto studio retrospettivo sulla somministrazione del vaccino antiinfluenzale contemporaneamente al vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse.

Questo studio è stato condotto su un esteso campione di gravidanze singole, seguite presso l'Immunization Safety Office, Centers for Disease Control and Prevention ad Atlanta, in Georgia, dal 2007 al 2013. In particolare in 8464 donne i 2 vaccini sono stati somministrati in maniera concomitante, in 28.380 in maniera sequenziale.

Non sono state riscontrate differenze tra i 2 gruppi a livello di esiti materni o feto-neonatali. In particolare non sono stati riscontarti casi di sindrome di Guillain-Barré, nè differenze nella percentuale di parti pretermine o feti con basso peso alla nascita.

In conclusione, non sono emersi rischi nè per la madre nè per il feto nel caso in cui sia stato necessario associare i due tipi di vaccini in epoca avanzata di gravidanza, poichè tale epoca coincideva con l'epidemia influenzale. Pertanto, alla luce di questi importanti risultati, l'associazione dei due tipi di vaccino appare possibile e, quando necessaria, raccomandabile.

 

Fonte:

L.Sukumaran et al, Coadministration of Tdap and Flu Vaccines Safe in Pregnancy, Obstet Gynecol. Published online October 5, 2015