ROMA - Dati a lungo termine dimostrano che le IOL fachiche Cachet AcrySof sono sicure ed efficaci nella correzione della miopia elevata.

Approfondimenti:
Le IOL fachiche pieghevoli migliorano l'acutezza visiva più della PRK
Miopia elevata: quali soluzioni?
Dizionario Medico e Glossario: IOL fachiche

"Le lenti Cachet sono diventate il nostro standard per la correzione della miopia elevata, e le usiamo in cornee sottili per difetti che partono già dalle 6 diottrie di miopia", lo ha dichiarato il collega tedesco Michael Knorz, durante il recente congresso congiunto Refr@ctive.online e SICCSO.

La prima IOL Cachet, della nota azienda statunitense Alcon, è stata impiantata nel 1999, e la lente ha ormai superato la prova del tempo per quanto riguarda le due principali preoccupazioni delle lenti a supporto angolare: la perdita delle cellule endoteliali e l'ovalizzazione della pupilla.

Il segreto del successo di questa lente rispetto ai modelli precedenti è il materiale morbido, che rende la lente capace di adattarsi all'anatomia dell'occhio e di superare, quindi, l'importante questione del dimensionamento.

La perdita di cellule endoteliali è di circa l'1% all'anno, che è al di sotto del limite del 2% stabilito dalle norme ISO per le IOL fachiche.

I dati ufficiali hanno raggiunto 5 anni di follow-up in 165 occhi. I risultati visivi sono eccellenti, visto che quasi tutti i pazienti guadagnano (e non perdono) linee di acutezza visiva. Il risultato refrattivo in media è migliorato notevolmente, passando da -10 diottrie a -0,25 diottrie, ed è rimasto stabile nei 5 anni di follow-up. Più del 96% dei pazienti di sono dichiarati soddisfatti, sia dopo 1 anno sia dopo 5 anni.

L'Alcon ha esteso lo studio sulla Cachet a 8 anni, continuando a monitorare i pazienti con frequenza annuale.

Anche i nostri pazienti vengono rivisti almeno ogni due anni, ed i risultati sono davvero soddisfacenti. Da quando abbiamo iniziato ad impiantare le lenti Cachet, il numero di procedure di impianto di IOL fachiche è aumentato considerevolmente.

 

Disclosure: il sottoscritto non ha interessi commerciali con la Alcon