Ho partecipato al meeting organizzato da BE4EAT. Eravamo più di 500. Un meeting gratuito senza sponsor. Potete visitare la pagina web: http://www.chinastudy.it/the-china-study-tour-milano/. Io vi segnalo alcuni pensieri originali che hanno stimolato il mio interesse medico.

Per la video conferenza Colin Campbell, teorico del China Study, si è riunito un consistente pubblico. Tutti erano uniti da un comune denominatore: aumentare le conoscenze sulla alimentazione e conoscere il rapporto con le malattie del benessere.

Nicla Signorelli, giornalista e ideatrice di be4eat, ha posto la domanda cruciale: “la dieta vegetale e integrale è in grado di realizzare tutto quello che è scritto nel China Study? Perché negli ambulatori e negli ospedali non se ne parla?

 

Ecco i pensieri più significativi dei protagonisti:

1) Nicla Signorelli: se la base della piramide avesse un numero consistente di vegetariani, la piramide alimentare industriale crollerebbe su se stessa.

2) Michela De Pretis (medico nutrizionista): l’alimentazione integrale e naturale deve sempre essere associata all'esercizio fisico. In 20 minuti di camminata veloce si mobilitano anche i 2,5 litri che stazionano nell'intestino. Nelle dieta vegetale meno ingredienti si mettono insieme maggiore sarà il gusto dei sapori. Valorizzate i cibi crudi come spaghetti di zucchini, di zucche o di rape. Il Tofu con la sua assenza di sapori è ottimo per essere combinato con tutti i sapori. Usate la farina di mandorle al posto del formaggio.

3) Michele Riefoli (medico chinesiologo): “dove si prendono le proteine se non mangiamo carne?” Guarda gli animali vegetariani loro mangiano erbe e foglie e nemmeno tante varietà eppure non hanno carenze muscolari. Dobbiamo ricordare che più aminoacidi si mangiano più ammoniaca si forma dalla loro decomposizione intestinale; è la stessa sostanza che si usa per pulire i pavimenti. Attenti al “Malatismo” cioè alla vocazione a farsi del male mangiando cibi insalubri. All'opposto il Salutismo è vocazione a farsi del bene con diete vegetali bilanciate.

4) Luciano Proietti (pediatra vegetariano): la Vitamina D si forma con il sole. Nei paesi nordici ci può essere carenza nei bambini con rischio di rachitismo. Una volta si usava l’olio di fegato di merluzzo, oggi è rischioso per l’inquinamento del mare ed è sconsigliato in gravidanza e bimbi per danni da tossicità neurologiche. In questi casi sono utili le gocce di vit D. L’allattamento materno è ottimo mentre quello artificiale con latte di mucca provoca favorisce una salute cagionevole. Noi consigliamo il divieto assoluto per i bimbi di assumere latte dopo l'allattamento al seno.

5) Giorgio Rosso (gruppo editoriale Macro): il cibo non da solo energia, esso contiene informazioni essenziali e vitali che sono assenti con la lavorazione e colorazione industriale. Una soluzione giusta visione olistica può essere applicata a 7 miliardi di persone solo quando è olistica.

6) Emanuele Cucchi (medico radiologo): I mangiatori abituali di carne hanno un fegato con steatosi. Ciò non avviene nei vegetariani.

7) Massimo Brunacchioni (atleta personal trainer vegano): visitate la mia pagina facebook “Veganmuscle.it”, state tranquilli, non mangio carne di nascosto. Traggo tutte le proteine ed energie dai cibi vegetali.

8) Colin Campbell in diretta video conferenza: All’università di Rochester, la nutrizione è stata inserita nel corso di laurea in medicina. Il 4 luglio uscirà la seconda edizione del film “The China Study”. Abbiamo preparato un Corso on line sulla nutrizione (http://nutritionstudies.org/).

 

Le industrie alimentari e farmaceutiche sono estremamente avverse alle ricerche e alle conclusioni del China Study. Ci sono grossi interessi economici che ostacolano la diffusione delle iniziative. Molte ricerche sono censurate. Consiglio il film del 2011 Forchette contro coltelli (http://www.agopax.it/Video/Vegan/Fok.html sottotitoli in italiano).

 

Prossima tappa a BOLOGNA 12 settembre e ROMA 26 settembre (http://www.chinastudy.it/#iscriviti). 
Io parteciperò a ABANO TERME il 9/10/11 Ottobre 2015 dove Colin Campbell in persona proporrà un protocollo di raccolta dati sugli effetti benefici della dieta vegetale. Più avanti conoscerò l’Hotel in cui risiederò.