Un recente studio, pubblicato da un gruppo di ricercatori del Karolinska Insitute (Svezia) sul British Journal of Medicine, afferma che l’assunzione di SSRI, nel corso delle ultime settimane di gravidanza, espone il neonato ad un maggiore rischio di sviluppare ipertensione polmonare persistente, una condizione patologica del sistema cardiorespiratorio, potenzialmente fatale.

I ricercatori hanno analizzato i registri delle nascite di Danimarca, Islanda, Finlandia, Svezia e Norvegia per gli anni dal 1996 al 2007. Sono state considerate 1.618.255 gravidanze a termine (33a settimana).

Lo 0,7% delle donne (11.014) aveva assunto un antidepressivo della classe degli SSRI nella ultima parte della gravidanza (definita come periodo dalla 20 a alla 33a settimana), e dei loro neonati, 33 hanno manifestato una ipertensione polmonare persistente, con una frequenza di 3 casi ogni 1000 nati, un tasso superiore al doppio rispetto a quello di 1,2 casi ogni 1000 nati, che si registra nei neonati non esposti.

L’esposizione precoce ad un SSRI (definita come assunzione da tre mesi prima del concepimento fino all’8 a settimana) è stata associata ad un più lieve aumento del rischio (1,4 volte).

Gli autori ipotizzano che l’aumento del rischio possa essere imputabile alla serotonina, e quindi essere un effetto specifico della classe degli SSRI, e in parte degli SNRI, in considerazione della capacità della serotonina di indurre vasocostrizione e di indurre la proliferazione delle cellule endoteliali lisce delle arterie polmonari (le cellule che provocano l’aumento della pressione arteriosa polmonare). Non sono emerse differenze significative tra gli SSRI nell’indurre l’aumento del rischio di ipertensione polmonare.

Gli autori concludono invitando alla cautela nell’uso di SSRI in corso di gravidanza. E’ necessario effettuare una attenta valutazione dei potenziali rischi e dei benefici attesi prima di usare una terapia antidepressiva in gravidanza. Le donne devono essere informate del rischio, e deve essere valutata la possibilità di intervento attraverso terapie non farmacologiche.

Fonte: Selective serotonin reuptake inhibitors during pregnancy and risk of persistent pulmonary hypertension in the newborn: population based cohort study from the five Nordic countries. BMJ 2012; http://www.bmj.com/content/344/bmj.d8012 (Published 12 January 2012)