Se state cercando di smettere di fumare, mangiare più frutta e verdura potrebbe aiutarvi a stare lontano dal tabacco, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista americana Nicotine and Tobacco Research.

Si tratta del primo studio longitudinale sulla relazione fra cessazione del fumo e consumo di vegetali. Gli autori hanno intervistato a caso 1.000 fumatori dai 25 anni in su d’età. Dopo 14 mesi i partecipanti sono stati richiamati per chieder loro se si fossero astenuti dal tabacco nell’ultimo mese.

“Altri studi hanno adottato un approccio istantaneo, domandando una sola volta a fumatori e non fumatori riguardo alla loro diete” dice G. A. Giovino, autore dello studio. “Ma noi sapevamo da studi precedenti che le persone che si sono astenute dal tabacco per meno di 6 mesi avevano consumato in media più frutta e verdura di quelle che ancora fumavano. Ciò che ancora non sapevamo era se le persone da poco ex-fumatrici ne mangiavano di più, oppure se chi mangia più frutta e verdura aveva più probabilità di smettere.”

Lo studio ha trovato che i fumatori che consumavano più vegetali nella loro dieta avevano il triplo delle probabilità di aver smesso di fumare negli ultimi 30 giorni, 14 mesi più tardi, rispetto a quelle che riportavano i consumi più bassi di frutta e verdura. L’effetto è stato verificato anche tenendo conto delle differenze di età, sesso, etnia, livello d’istruzione, reddito e livello di attenzione verso la propria salute.

È stato verificato anche che chi consuma molta frutta e verdura fuma meno sigarette, aspetta più tempo prima di accendere la prima sigaretta della giornata e ottiene punteggi più bassi a un test che misura la dipendenza dalla nicotina.

“Potremmo aver identificato un nuovo strumento che aiuta le persone a smettere di fumare”, dice un altro autore, J. P. Haibach. “Certo, il nostro è solo uno studio osservazionale, ma migliorare la dieta può aiutare a smettere di fumare.”

Varie spiegazioni sono possibili. Una è che il consumo di fibre vegetali faccia sentire più sazi e quindi meno necessità di “saziarsi” in altro modo, dato che i fumatori a volte confondono la fame con il bisogno di fumare, spiega Haibach.

Inoltre, diversamente da altri cibi che esaltano il gusto del tabacco, come carne, caffè e alcol, la frutta e la verdura non producono quest’effetto.

“Frutta e verdura in realtà fanno sembrare peggiore il gusto delle sigarette” dice Haibach.

La percentuale di fumatori è in costante declino negli USA, anche se negli ultimi 10 anni la velocità di tale declino è diminuita. “Il 19% degli americani ancora fuma, ma molti di loro vorrebbero smettere”.

“È possibile che una dieta migliore si riveli un importante strumento nella lotta contro il fumo. Di sicuro dobbiamo intensificare i nostri sforzi affinché le persone che intendono smettere siano incoraggiate.”

Quando frequentavo le superiori, avevo un professore che ogni santa lezione ci parlava del rischio del cancro e di tutte le insane abitudini, alimentari e non, che lo accrescevano.

Lodevole iniziativa, solo che il professore in questione... fumava.

Fonte:
Machines Like Us online. 2012. To quit smoking, try eating more veggies and fruits.