Le invenzioni per incrementare la contraccezione e la prevenzione di malattie sessualmente trasmissibili - a quanto pare - sono ormai tra le più stravaganti e creative.

Queste strategie di marketing ci danno la misura di come l'argomento sia davvero complesso e non dalla semplice disamina.

Un articolo dellHuffington Post dà notizia di una invenzione ideata da ricercatori australiani: la sperimentazione del “preservativo del futuro”.preservativo e profilattico

Il progetto nasce da una idea di Bill Gates che aveva invitato la ricerca a realizzare un nuovo modello di condom per favorire la realizzazione di una “nuova generazione di profilattici”.

I ricercatori australiani della University of Wollongong hanno così progettato un modello avveniristico, un misto di idrogel e viagra.

E’ un preservativo privo di lattice - consono agli allergici al lattice ed agli "allergici" alla protezione - interamente costituito da idrogel, una sostanza trasparente e viscosa, che risulta molto più sottile rispetto ai normali condom attuali.

 

Qualche riflessione clinica

Il tema della contraccezione è sicuramente un argomento complesso da affrontare a più mani, metaforicamente quelle del ginecologo e quelle dello psicologo.

L'aspetto della contraccezione - soprattutto la "fedeltà alla contraccezione" - correla con l'aspetto organico della donna, con le sue emozioni e paure, con l'inconscio ed i suoi contenuti ed ovviamente con le dinamiche della coppia stessa.

Quando si parla di contraccezione bisogna partire da lontano: dall'aspetto ontogenetico - da quando la bambina, attraversando tutte le tappe dello sviluppo psico/sessuale diventa donna - all'aspetto sociologico e culturale che ha avuto un notevole impatto sulla sessualità, soprattutto femminile.

 

Qualche nota clinica sulla sessualità femminile

La sessualità femminile è un universo complesso ed il suo benessere parte da lontano.

Tre elementi sono da tenere in considerazione nella lettura della sessualità della donna:

  • la rivoluzione sessuale con le sue modifiche epocali del sessantotto
  • l'avvento della pillola contraccettiva che ha totalmente disgiunto la sfera procreativa da quella del piacere
  • il divorzio.

Questi tre elementi hanno reso le donne più libere di approcciarsi alla sessualità senza ansie, preoccupazioni gravidiche e, soprattutto, libere di recidere i loro legami d'amore quando questi erano giunti al capolinea.

Il rapporto tra le donne e la loro risposta orgasmica non è semplice e sopratutto non è dalla facile lettura.

La contraccezione - femminile o maschile - correla fermamente con il benessere sessuale e con la qualità della risposta sessuale, soprattutto femminile.

La sessualità femminile è sicuramente più complessa e sfaccettata di quella maschile ed elementi come la fiducia nel partner, la capacità di lasciarsi andare e la salute uro-ginecologica e del pavimento pelvico diventano indispensabili.

La risposta orgasmica della donna dipende dalla capacità/possibilità di perdere il controllo, dalla possibilità di poter entrare nella dimensione pulsionale e dell'immaginario e delle dinamiche di coppia.

contagio sessualeSe la donna durante l'intimità dovrà controllare se stessa ed il partner, gestire e tenere a bada la paura del contagio sessuale e di una gravidanza non voluta, l'ansia sarà ospite indesiderata sotto le lenzuola, compromettendo ogni possibile atto amatorio.

Se tutto questo non avviene - per un controllo eccessivo sulla sessualità e sulla mancanza di un'adeguata contraccezione - la donna sarà candidata ad una possibile anorgasmia coitale(mancanza di risposta orgasmica durante il rapporto sessuale).

 

Sessualità e rischi correlati

Quando trattiamo tematiche come la sessualità, non possiamo fare a meno di doverci occupare di prevenzione del benessere sessuale e di promozione dello stesso, con uno sguardo sempre attento alla sfera della contraccezione.
La sessualità non correla sempre con l'aspetto ludico e ricreativo, ma spesso va a braccetto con tutta una serie di malattie importanti, inclusa l'HIV.
L’HIV compare in Italia circa trenta anni fa ed a tutt’oggi ravvisa oltre 4.ooo persone contagiate l’anno.
Il numero di donne che hanno contratto il virus dell’HIV è aumentato notevolmente, così come la percentuale di contagio di malattie sessualmente trasmissibili (MST) sembra essere in crescita costante.
Fino ad oggi, l'unico strumento capace di prevenire un possibile contagio è il preservativo, prerogativa prevalentemente ed esclusivamente maschile, delegando all’uomo la possibilità e soprattutto la decisionalità, circa il suo possibile utilizzo.

La contraccezione, per cultura e storia è sempre stata impostata su un “doppio binario”:

  • la terapia contraccettiva orale, correlata all’universo femminile.
  • il possibile utilizzo del preservativo esclusivamente all’universo maschile.

 

La terapia contraccettiva orale è sicuramente di fondamentale importanza per prevenire percorsi gravidici indesiderati, ma assolutamente inadatta per la prevenzione di malattie sessualmente trasmissibili (MST).

Il profilattico però non è uno strumento contraccettivo dal facile utilizzo, perché inficia la spontaneità sessuale ed è - secondo la maggior parte degli uomini - responsabile di una poca sensibilità sessuale ed addirittura fautore di un possibile deficit erettivo.

 

Uomini e preservativo, un rapporto difficile

Il preservativo è da sempre considerato causa di malessere sessuale, fonte di scarso ardore e motivo di ansie ed angosce; per tal motivo rimane da sempre il protagonista assoluto di un rapporto difficile tra “uomini e protezione”.

Nell’immaginario giovanile, infatti, viene spesso considerato una delle cause principali di mancata erezione per via di una sostanziale riduzione della sensibilità che riesce a trasformare poi l'atto d'amore in un momento incerto e poco gradevole.

Questo anticoncezionale, viene visto e vissuto come una “barriera compromettente” a causa della quale l’intimità a volte cambia forma e percezione, sia per la composizione del materiale di cui è costituito, sia perché obbliga il partner ad interrompere l'intimità per indossarlo, “compromettendo” quindi lo stesso atto d’amore.

Molti giovani - ed anche meno giovani - si dichiarano refrattari all’utilizzo del preservativo, in quanto colpevolizzato di possibili vulnerabilità erettive o di facilitare l’insorgenza di ansia da prestazione, per cui preferiscono cogliere l’attimo fuggente e seguire il furore testosteronico momentaneo, senza preoccuparsi di proteggersi e di proteggere la partner.

 

Salute sessuale e contraccezione sono due elementi da non poter disgiungere quando si parla di sessualità

desiderio sessualeMolti falsi miti ruotano attorno alla contraccezione orale

  • fa ingrassare
  • fa venire la cellulite
  • causa di ritenzione idrica
  • è causa di tumori
  • è causa del calo del desiderio sessuale e così via.

In realtà il desiderio sessuale ipoattivo, è tra le disfunzioni sessuali più complesse da diagnosticare e da curare.

L'etiopatogenesi non é mai univoca e non correla con un unico agente "patogeno", ma correla con un'infinità di fattori psichici, fisici ed ovviamente relazionali.

Il rapporto fra contraccezione ormonale e desiderio sessuale dipende non soltanto da fattori biochimici, ma anche da complesse variabili motivazionali individuali e di coppia: si deve quindi sempre parlare di effetti specifici di un dato contraccettivo su una ben determinata persona e coppia.

I sistemi contraccettivi si possono distinguere, oltre che per la modalità di funzionamento, proprio in funzione dell’impatto che hanno sul rapporto sessuale e di coppia in due macro categorie:

  • i metodi “coito-indipendenti” (pillola, cerotto, anello vaginale, impianti, dispositivo intrauterino, sterilizzazione) non influenzano la scelta del momento del rapporto, il suo svolgimento, il comportamento dei partner
  • i metodi “coito-dipendenti” (profilattico, diaframma, metodi naturali) influiscono invece su tempi, ritmi, libertà e grado di intimità.

 

Donna e contraccezione, tra razionalità e desideri inconsci

La sessualità femminile, se pur disgiunta dalla possibilità di procreare, a livello inconscio è sempre strettamente correlata alla possibilità da parte della donna di diventare madre.

Spesso cuore e ragione poi, non vanno nella stessa direzione, creando dei conflitti inconsci tra desiderio di maternità e desiderio di contraccezione.

Il tema contraccezione non è dalla semplice lettura e "psiche e soma" devono essere letti dal clinico come una sola unità somato/psichica.

Il rapporto fra la sicurezza della contraccezione ormonale ed il vissuto emotivo della donna non è sempre univoco:

  • non sempre la libertà di poter avere un rapporto in qualsiasi momento ha un effetto afrodisiaco
  • in altri casi, l’affidabilità anticoncezionale, cercata a livello razionale entra in conflitto con un desiderio profondo e inconscio di maternità, determinando uno stato di frustrazione che si traduce nell’evitamento del rapporto, nel famigerato "calo del desiderio' attribuito poi - falsamente - alla contraccezione orale.

 

Conclusioni e riflessioni

Credo fermamente che l’obbligatorietà ad un percorso di educazione emozionale, sentimentale e sessuale possa "formare ed informare" gli adolescenti per una più serena, gioiosa ed appagante vita sessuale.
La delicata e poliedrica sfera della sessualità, dovrebbe correlare con la "dimensione ludica e spensierata" della relazione di coppia, con la "serenità/sicurezza" di non contrarre malattie sessualmente trasmissibili e-o HIV, oltre a gravidanze non desiderate.
Oggi si parla in modo sempre più esplicito di sessualità, unitamente ad una una maggiore informazione riguardo la contraccezione, però perdurano nel tempo molte resistenze nell'adottarla come comportamento consapevole e programmabile.

Una buona prevenzione, calibrata alla donna ed alla coppia, correla fermamente con la serenità del rapporto sessuale e con la qualità della vita di coppia e della sua vita intima.

Contraccezione e benessere sessuale sono due elementi congiunti quando si parla di sessualità.

Promuovere una buona cultura della prevenzione credo sia un lavoro obbligato per noi clinici che ci occupiamo di benessere/salute sessuale ed ovviamente salute procreativa.

 

 

Bibliografia

  • Le scissioni al servizio del piacere J. Baldaro Verde
  • in coll. Bavestrello D., in: Abraham G., Boldrini F., Carani C., Marrama P. Sessualità piacere e violenza, Masson Ed. Milano
  • Dalla scissione sulla linea del piacere all'acting-out 1987
  • in coll. Verde A., in: Boldrini F., Carani C., Marrama P., Sessualità piacere e violenza, Comunicazioni al VII Cong. Naz. S.I.S.C.
  • L'evoluzione del rapporto con la madre durante il periodo di latenza 1987
  • Marrama P., Carani C., Pasini W., Baldaro Verde J. L'inseminazione della discordia, F. Angeli Ed., Milano
  • Rivista di Scienze Sessuologiche
  • Ristrutturazione della identità femminile: come cambia la ristrutturazione
  • dell'identità in menopausa negli anni novanta 1988 In: Bottiglioni F., De Aloysio D. Il climaterio femminile: esperienze italiane di un decennio, Monduzzi Ed., Bologna, pp.723-728
  • Gravidanza e comportamento sessuale: aspetti psico-biologici e relazionali (1993) J.Baldaro Verde
  • Baldaro Verde J. (a cura di), Sessualità: Quale donna, quale uomo Riza Scienze n.85 dic.94
  • Il significato del piacere dalla nascita all'adolescenza 1996 J.Baldaro Verde
  • Jole Baldaro Verde “La sessualità tra piacere, colpa e vergogna”, Ed. Universitarie Romane
  • L’aborto: una “scelta” dolorosa (2001) J. Baldaro Verde
  • Althof, S. (2000). Erectile dysfunction: Psychotherapy with men and couples. In: Principles and Practice of Sex Therapy (3rd ed) Leiblum & Rosen (Eds.) New York, Guilford.
  • American Psychiatric Association. (1994). Diagnostic and Statistical manual of Mental Disorders. (Fourth Ed). American Psychiatric Association, Washington, DC.
  • Derogatis, L.R. (1996). Derogatis Interview for Sexual Functioning (DISF/DISF/SR): Preliminary scoring, procedures & administration manual. Baltimore, MD: Clinical Psychometric Research.
  • Food and Drug Administration (2000). Guidelines for Research in Female Sexual Functioning. Podium presentation at the annual meeting of the Female Sexual Functioning Forum, Boston.
  • Holmes, W.; Clemmens, D.; & Froman, R. (2000). The female sexuality questionnaire: Instrument development. Journal of Nursing Measurement, 8(1): 87-99.
  • Meston, C.; & Derogatis, L.R. (in press). Validated instruments for assessing female sexual functioning. Journal of Sex Therapy.
  • Meston, C (2001). Female Sexual Satisfaction Scale. Manuscript submitted for publication. University of Texas at Austin
  •  Graziottin A., Sessuologia medica maschile e femminile, in Di Renzo G.C., (a cura di), (2005) Ginecologia e Ostetricia. Verduci Editore, Roma.
  • Willy Pasini “Desiderare il desiderio” Mondadori (2009).
  • Boccadoro L., Carulli S., (2009) Il posto dell'amore negato. Sessualità e psicopatologie segrete. Tecnoprint Editrice, Ancona
  • Kaplan H.S., (1981) I disturbi del desiderio sessuale. Mondadori, Milano.
  • Kaplan H.S., (1976) Nuove terapie sessuali. Bompiani, Milano.

 

Fonte:

 

Aggiungo le seguenti letture vista la complessità dell'argomento: