biopsia prostatica

Il cancro della prostata è una delle principali cause di morte tra gli uomini negli Stati Uniti. Si stima che più di 230.000 uomini americani sino stati colpiti da cancro della prostata solo quest'anno, con più di 29.000 morti per tale malattia.

Gli uomini con cancro alla prostata che hanno mangiato una dieta povera di grassi e hanno assunto supplementi di olio di pesce hanno avuto livelli più bassi di sostanze pro-infiammatorie nel sangue e un punteggio di progressione del ciclo cellulare più basso, una misura usata per predire la ricorrenza del cancro, rispetto a uomini che hanno mangiato una tipica dieta occidentale

I risultati sono importanti perché abbassando la progressione del ciclo cellulare (CCP), il punteggio può aiutare a prevenire l’aggressività dei tumori prostatici, ha detto lo studio l'autore William Aronson, un professore clinico di urologia presso la UCLA e capo di oncologia urologica al West Los Angeles Veterans Affairs Medical Center.

"Abbiamo trovato che i punteggi del PCC erano significativamente più bassi nel cancro alla prostata negli uomini che avevano consumato una dieta povera grassi e supplementati con olio di pesce, come confrontare con gli uomini che hanno seguito una dieta occidentale con contenuto di grassi superiore", Aronson ha detto. "Abbiamo anche scoperto che gli uomini che assumevano una dieta povera di grassi avevano ridotto i livelli ematici di sostanze pro-infiammatorie che sono associate con il cancro."

Questo studio compare nella prima edizione on line del Cancer Prevention Research, una rivista peer-reviewed della American Association for Cancer Research.

Questo studio è un follow-up di uno studio 2011 di Aronson e la sua squadra che ha constatato che una dieta a basso contenuto di grassi e con supplementi di olio di pesce consumati per 4-6 settimane prima della rimozione della prostata ha rallentato la crescita delle cellule tumorali nel tessuto prostatico umano rispetto a una dieta ad alto contenuto di grassi della dieta occidentale tradizionale.

Questo studio a breve termine ha anche scoperto che gli uomini che consumavano una dieta bassa percentuale di grassi sono stati in grado di modificare la composizione delle loro membrane cellulari in entrambe le cellule sane e tumorali della prostata. Inoltre avevano aumentato i consumi di grassi omega-3 acidi derivanti dall’olio di pesce e diminuito i livelli di omega-6 acidi , derivanti dall’olio di mais più pro-infiammatori nei confronti delle membrane cellulari, che possono influenzare direttamente la biologia delle cellule.

"Questi studi stanno dimostrando che, negli uomini con cancro della prostata: sei davvero quello che mangi", ha detto Aronson. "Gli studi suggeriscono che modificando la dieta, possiamo influenzare favorevolmente la biologia del cancro della prostata."

Il prossimo studio applicherà questi principi a 100 pazienti uomini che scegleranno di aderire al programma di sorveglianza attiva, che monitorizza il cancro alla prostata a crescita lenta utilizzando l'imaging e la biopsia invece di trattare la malattia

 

Journal Reference:

  1. C. Galet, K. Gollapudi, S. Stepanian, J. B. Byrd, S. M. Henning, T. Grogan, D. Elashoff, D. Heber, J. W. Said, P. Cohen, W. J. Aronson. Effect of a Low-fat Fish Oil Diet on Pro-inflammatory Eicosanoids and Cell Cycle Progression Score in Men Undergoing Radical Prostatectomy. Cancer Prevention Research, 2013; DOI: 10.1158/1940-6207.CAPR-13-0261