L'uso della bicicletta può favorire un tumore della prostata?

Questa sembra essere la correlazione che emerge da un recente studio, pubblicato sul Journal of Men’s Health da alcuni ricercatori inglesi che hanno condotto un analisi osservazionale su un gruppo di 5282 ciclisti “pesanti”.

giovanniberetta_amsterdam-bikes-4x3277-1390026_478x359

Uno studio osservazionale prevede la valutazione di alcuni fattori di rischio particolari, ad esempio la bicicletta, osservando appunto gli eventi negativi o positivi, che si possono verificare su persone mirate (nel nostro caso i ciclisti), senza attuare alcun tipo d'intervento, da parte dello sperimentatore stesso.

Andare in bicicletta è uno sport molto popolare, soprattutto tra gli uomini, ma in questi ultimi anni diverse paure sono state lanciate su questa attività sportiva, soprattutto se viene praticata in modo “pesante”, e spesso è stata associata a potenziali rischi ed effetti negativi sulla fertilità, sull’erezione e sull’aumento del PSA.

L’analisi in questione mette sul banco altri elementi di discussione in una materia già complessa e difficile; lo studio non conferma ad esempio l’associazione tra ciclismo “pesante” (anche nel gruppo di uomini che pratica questo sport con un tempo superiore alle otto ore la settimana, per la precisione otto e mezzo) ed eventuali problemi sulla sfera sessuale e riproduttiva mentre sembrerebbe esserci una correlazione con l’eventuale presenza di un tumore prostatico.

giovanniberetta_PCUK2

Il rischio di un tumore alla prostata sembrerebbe aumentare, anche se di poco, negli uomini, sopra i cinquant’anni, che utilizzano la bicicletta per più di 3,75 ore la settimana.

Subito gli autori mettono saggiamente le mani avanti e parlano della necessità di ulteriori studi, valutazioni, approfondimenti e propongono comunque, come possibile ipotesi di causa, i microtraumatismi, a livello del piano perineale e le relative, possibili infiammazioni della regione prostatica.

Tesi pure questa ancora tutta da confermare e che richiede senz’altro ulteriori ricerche e verifiche.

giovanniberetta_13902_Small_logo_whiteBG_RGB 

La mia opinione, a questo riguardo, è che la correlazione fatta rimane ancora tutta da dimostrare, comunque questa è una segnalazione da non sottovalutare e mette comunque in risalto l’importanza che il ruolo degli stili di vita hanno nella possibile insorgenza di questo non raro problema oncologico.

 

Fontehttp://online.liebertpub.com/doi/pdf/10.1089/jomh.2014.0012 

 

Altre informazioni: