Quest’ulteriore conferma che il fumo di sigaretta crea problemi anche a livello della nostra prostata ci viene indicata da una recente lavoro, condotto da alcuni ricercatori americani, che avvolarerebbe i dati di una precedente meta-analisi, fatta alcuni anni fa, che suggeriva una significativa associazione tra tabacco fumato e morte per cancro della prostata.

giovanniberetta_73_carcinoma_prostatico_2

Questa poderosa ricerca ha valutato 51 studi prospettici, identificati e considerati, tramite una ricerca su PubMed e Web of Science databases, come significativi e rilevanti.

In totale è stata indagata una vasta popolazione, composta da più di 4 milioni di persone, in cui sono stati riscontrati 50.349 casi di tumore della prostata e 11.823 decessi sempre per tale patologia.

Da questa complessa e voluminosa analisi è stato confermato che il fumare è associato ad un aumento del rischio di morte per cancro della prostata e che più aumenta il numero di sigarette fumate e più significativa è questa associazione.

giovanniberetta_Copia di _44632671_cannabis226body_pa[1]

In sintesi si può, senza drammatizzare troppo, dire che questo lavoro ha mostrato una significativa, anche se non pesante, associazione tra fumo di sigaretta e cancro aggressivo della prostata.

Dato che il fumare è un importante fattore di rischio anche per altre complesse patologie a livello polmonare, cardio-circolatorio ed altro e che, in presenza di una ferrea volontà, è un fattore però relativamente facile da abbandonare, quanto detto diventa un’altra informazione che dovrebbe aiutare a rendere più determinati chi fuma a lasciare questo non salutare “vizio".

giovanniberetta_prostatite_2

 

Fontehttp://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25242554

Altre informazioni: