I farmaci anticolinergici sembrano aumentare il rischio di demenze; questa è la conclusione a cui sembra arrivare un ampio studio prospettico, condotto da ricercatori ed epidemiologi dell’Università di Washington e pubblicato in questi giorni sul Journal of the American Medical Association (JAMA) Internal Medicine.

 giovanniberetta_anticolinergico2
Molecola di anticolinergico

Questa ricerca ha coinvolto 3.434 uomini di età superiore ai 65 anni, valutati dal 1994 al 2012, senza sintomi specifici per la demenza e in terapia, per vari motivi, con anticolinergici.

Questi farmaci bloccano una sostanza chiamata acetilcolina che è un neurotrasmettitore, prodotto dalle terminazioni delle cellule nervose, che consente la trasmissione di alcuni impulsi nervosi specifici, compresi quelli che determinano il rilassamento di alcuni muscoli involontari, lisci e la contrazione di altri.

Tra le sostanze anticolinergiche più utilizzate ricordiamo gli antidepressivi triciclici, gli antistaminici di prima generazione (farmaci usati anche in presenza di alcune comuni allergie) e gli antimuscarinici spesso impiegati nell'incontinenza urinaria per la loro proprietà sia di rilassare il muscolo detrusore della vescica sia di contrarre il suo sfintere striato esterno

giovanniberetta_anticolinergico3
Complessi meccanismi centrali

I risultati in sintesi di questa ricerca che, per ampiezza e serietà metologica, si può considerare unica nel suo genere ha stabilito che l’esposizione cumulativa a questi farmaci, valutata in questi ultimi dieci anni, eliminando i dodici mesi iniziali per evitare problemi sfumati ma spesso incrociati tra depressione e demenza, aumenta l’insorgenza di demenze e morbo di Alzheimer.

In particolare si è riscontrato nel 23,2% dei partecipanti a questo studio l’insorgenza di una forma di demenza e tra questi nel 79,9% l’Alzheimer.

 giovanniberetta_anticolinergici1
Neurone

Un dato interessante da sottolineare, emerso è che la relazione tra demenze e assunzione, per almeno dieci anni, di anticolinergici era dose-dipendente e quindi è importante che il clinico riduca, appena possibile, al minimo l’utilizzo di questi farmaci.

 

Fonte:

http://archinte.jamanetwork.com/article.aspx?articleid=209174