Un interessante studio che riassumo riguardante l’utilità del dosaggio della Inibina B nella infertilità maschile

 

Lo scopo di questo studio era di determinare l'accuratezza diagnostica dell'inibina B (INHB) come predittore dell'esito di recupero di gameti aploidi testicolari (spermatidi e spermatozoi testicolari) in uomini azoospermici non ostruttivi.

 

 

 

Livelli di ormone sierico, volume testicolare e valutazione istologica sono stati eseguiti in 403 uomini azoospermici non ostruttivi cinesi. Il gamete aploide testicolare è stato recuperato con successo in 213 pazienti su 403 (52,85%). Il gruppo di gameti aploidi aveva sempre livelli di INHB più alti rispetto al gruppo di gameti non aploidi. In base all'analisi della curva delle caratteristiche operative del ricevitore (ROC), l'INHB è stato un buon predittore del riscontro dei gameti aploidi testicolari in tutti i pazienti (sensibilità: 77,93% e specificità: 91,58%) e pazienti con normale ormone follicolo-stimolante (FSH; 88,52% e specificità: 70,83%). L'area sotto la curva ROC (AUC) di INHB era simile a quella di FSH in tutti i pazienti o pazienti con FSH normale. Nei pazienti con FSH elevato, l'INHB era superiore all'FSH nel predire la presenza di gamete aploide (AUC: 0,73 vs 0,55, P <0,05), con una sensibilità del 60,00% e una specificità dell'80,28%. Ha concluso che il siero INHB come marcatore efficace per la spermatogenesi era un importante fattore predittivo dei risultati di reperimento di gameti aploidi testicolari negli uomini azoospermici non ostruttivi. Soprattutto, INHB è superiore a FSH nel predire la presenza di gamete aploide nei pazienti con FSH elevato.

 

Chi volesse approfondire:

 

http://www.ajandrology.com/article.asp?issn=1008-682X;year=2019;volume=21;issue=2;spage=137;epage=142;aulast=Zhu;type=0