Mastoplastica additiva: meglio le protesi testurizzate

Dr. Ugo Manlio CuomoData pubblicazione: 12 agosto 2013Ultimo aggiornamento: 03 settembre 2013

La contrattura capsulare e la dislocazione protesica rappresentano le due principali complicanze a distanza della mastoplastica additiva. La contrattura e' un evento patologico legato, appunto, alla contrattura della capsula che normalmente si forma intorno alla protesi. Questo evento porta cambiamento della forma della mammella interessata e, talvolta, dolore.

La dislocazione protesica rappresenta, invece, lo spostamento della protesi dalla sua sede fisiologica anche qui con conseguente modificazione delle forme. Cio' in genere accade o perche' la tasca dove alloggia la protesi e' troppo grande o perche' il muscolo la disloca.

Un interessante trial clinico pubblicato su una prestigiosa rivista scientifica ha dimostrato che, per ridurne l'incidenza, e' preferibile l'utilizzo di protesi testurizzate da impiantare in sede sottomuscolare attraverso un'incisione del solco sottomammario. Cosa significa? Le protesi testurizzate hanno una superficie rugosa e non liscia e cio' ridurrebbe il rischio di contrattura insieme al posizionamento della protesi dietro al muscolo e non dietro la ghiandola.

Inoltre l'incisione in corrispondenza del solco sottomammario consente l'allestimento di una tasca piu' precisa disinserendo in maniera piu' accurata le fibre muscolari riducendo, cosi, il rischio di dislocazione.

 

Riferimenti: Primary breast augmentation clinical trial outcomes stratified by surgical incision, anatomical placement and implant device type - Journal of Plastic, Reconstructive and Aesthetic Surgery, Vol.66, Issue 9, P.1165-1172 September 2013

Autore

ugomanliocuomo
Dr. Ugo Manlio Cuomo Chirurgo d'urgenza, Chirurgo plastico

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1993 presso Università Federico II Napoli.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Caserta tesserino n° 4891.

2 commenti

#2
Utente 431XXX
Utente 431XXX

Tra pochi giorni mi devo sottoporre ad un intervento di ricostruzione del seno tuberoso con aggiunta di protesi mammarie, ma il mio dottore non mi ha dato detagli riguardo le misure o le forme delle protesi, dato che il mio intervento sarà coperto dal SSN non volevo sembrare troppo pretensiosa chiedendo queste info... voi dottori cosa ne pensate? È un mio diritto dover chiedere o devo aspettare che ci pensa il chirurgo?

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche mastoplastica 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Chirurgia plastica e ricostruttiva?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati