Alopecia Areata stabile da 6 anni: foto pre-post terapia. Mentre è allo studio un nuovo farmaco

Dr. Luigi LainoData pubblicazione: 05 giugno 2016

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Alopecia Areata femminile:

 L' alopecia areata è una patologia che colpisce esclusivamente il cuoio capelluto ed altre aree in cui sono presenti gli annessi cutanei piliferi. 

 Per tale ragione questa patologia dermatologica può insorgere primariamente a carico del cuoio capelluto, della zona della barba, e delle restanti aree in cui sono presenti i peli corporei, ciglia e sopracciglia comprese. 

 L' Alopecia areata non fa distinzione di sesso e d'età: essa può colpire sia i maschi che le femmine e insorgere nella primissima fascia pediatrica così come nelle decadi di vita mature.

 Il meccanismo di azione di questa patologia dermatologica e ben noto: essa è riconosciuta come una malattia immunologica di tipo auto immunitario, caratterizzata dalla formazione di particolari anticorpi che colpiscono in modo specifico i follicoli piliferi. 

Essa è quindi costituita da un'infiammazione cronica a carico dei linfociti T che sono in questo contesto, cellule ospiti della cute. 

Parimenti ad altre malattie autoimmunitarie l'alopecia areata è una patologia le cui cause di insorgenza sono a tutt'oggi sconosciute: si sa però che la predisposizione genetica, così come alcune componenti caratterizzate anche dallo stress psicosomatico e dei neuromediatori dello stress, possono sicuramente contribuire all'insorgenza di questa patologia.

 Sebbene ad oggi siano state utilizzate molteplici terapie, ed allo stato attuale e allo studio un nuovo farmaco biotecnologico per la terapia di questa patologia, i risultati terapeutici ancora ad oggi sono caratterizzati da molti insuccessi, oppure da un'altissima percentuale di recidive. 

In questo contesto i ricercatori e gli specialisti dermatologi possono utilizzare terapie anche innovative specifiche per il trattamento a breve e medio termine di questa condizione clinica, pur sempre in ottemperanza delle linee guida specifiche e dell'utilizzo di farmaci controllati dal punto di vista ministeriale. 

Presentiamo un nostro altro caso di successo terapeutico, relativo ad una paziente affetta da Alopecia areata stabile (da sei anni) in cui si è effettuata una terapia di tipo rigenerativo ed antinfiammatorio mediante terapia di tipo micro infiltrativo, con polidesossiribonucleotidi più steroidi a lento rilascio in concentrazioni scalari. 

 I polidesossiribonucleotidi sono frammenti di DNA di derivazione ittica (liquidò seminale della trota salmonata) Che ad oggi sono sintetizzati industrialmente e costituiscono dei farmaci controllati e venduti in forma integra sottoforma di fiale per infiltrazioni sottocutanee. 

 Tale prodotto è descritto come privo di effetti collaterali ed è impiegato attualmente in diverse discipline specialistiche ivi compresi quelle dermatologiche, soprattutto in condizioni come l'alopecia androgenetica o calvizie comune, nella dermatologia estetica per la rigenerazione tissutale, e in un'altra malattia immunologica autoimmunitaria come il lichene sclerosus.

 Questi risultati ad oggi stabili a 10 mesi dall'inizio della terapia 

 Questi risultati confermano altri precedenti casi finora ottenuti in modo stabile e permanente solo in pazienti di sesso maschile e in questo caso in pazienti di sesso femminile 

Ricordiamo ad ogni modo che l'alopecia areata è una malattia immunitaria che può persistere o recidivare a prescindere dalle terapie appropriate effettuate, pertanto è sempre necessario confrontarsi col proprio dermatologo di fiducia al fine di prescegliere la miglior terapia adatta al singolo caso.

 

 Dr. Laino - Direttore www.latuapelle.it 

Fonti

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3893745/pdf/DRP2013-654079.pdf 

 

Autore

luigilaino
Dr. Luigi Laino Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2000 presso UNIVERSITA' LA SAPIENZA di ROMA.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 50938.

2 commenti

#1
Utente 420XXX
Utente 420XXX

Buongiorno Dottore, il dermatologo mi ha riscontrato l' Alopecia Areale a maggio 2016. Ho fatto una cura per due mesi con Minoximen (una volta la sera) ed Ecoval (una volta la mattina) ma non ha portato alcun effetto. Ritornando da lui per una visita mi ha detto di recarmi in ospedale per fare una serie di boli di cortisone. In ospedale ho fatto per tre giorni consecutivi una flebo (al giorno) di flebocortid da 2 gr in 100 ml ed ora sto continuando con questo flebo una volta a settimana ormai da quattro settimane oltre ad Ecoval e Minoximen. Al momento mi ha detto che ha notato che i capelli vicino l'area di caduta sono ritornati sani e non si staccano facilmente ma la ricrescita è ancora zero, le sembra una buona terapia perchè ho paura che siano delle dosi troppe elevate di cortisone non vorrei che per risolvere un problema ne possa sorgere qualcun' altro più grave. Grazie!

#2
Utente 433XXX
Utente 433XXX

buongiorno dottore,
vorrei cortesemente sapere dove è possibile eseguire questo tipo di terapia

attendo riscontro cordiali saluti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche alopecia 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Dermatologia e venereologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati