Utente
Gent.
mi,

a seguito di episodi ricorrenti di rinite (stando all'aria aperta), mi sono rivolto al mio medico il quale, sospettando una allergia alle fioriture estive, mi ha prescritto Zirtec 10mg e l'effettuazione di una visita allergologica.

L'esito dell'allergologo è stata la conferma di una allergia alle fioriture di ambrosia/artemisia, dato il periodo estivo della manifestazione dei sintomi, senza però l'effettuazione dei consueti test.

Come farmaci, dato che lo Zirtec (assunto da soli 6 gg) non sembrerebbe dare benefici, ho avuto prescrizione di una fiala intramuscolare di Kenacort 40mg per coprire circa un mese di tempo e controllare le manifestazioni allergiche.

Ho avuto modo di informarmi sul Kenacort e ho avuto pareri contrastanti sull'utilizzo con questo scopo.
Un rilascio graduale di cortisone per periodi prolungati può avere notevoli effetti collaterali, inoltre mi sembra venga prescritto in condizioni piuttosto gravi (asma, etc.
).
Fatte le premesse di cui sopra, sono a richiedere un vs cortese parere sulla prescrizione di cui sopra, per cui mi riservo qualche dubbio, e, nel caso, valutare se proseguire con Zirtec poichè potrebbe portare a benifici dopo un certo periodo di utilzzo, senza effettuare l'iniezione, almeno non nell'immediato.

Infine, esistono altri principi attivi antistaminici più efficaci per le fioriture estive?


Ringrazio anticipatamente per eventuale riscontro,
Cordialmente ringrazio.

[#1]  
Dr. Ida Fumagalli

24% attività
16% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
SPILIMBERGO (PN)
FIUME VENETO (PN)
UDINE (UD)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
In questa sede npn si possono consigliare farmaci
Posso dire che ci sono alternative
Prima provare a cambiare antistaminico
Poi eventualmente ci sono antileucotrienici.
Ci sono spray a base di cromoni e antistaminici in associazione o spray a base di cortisonici....
Etc etc
Dr. Ida Fumagalli

[#2] dopo  
Utente
Gent.ma Dott.ssa,

la ringrazio per la cortese risposta ed i consigli forniti. Chiederò consulto al medico curante per eventuale prescrizione di farmaci sulla base delle tipologie da lei consigliate. Al momento ho preferito non effettuare l'iniezione di kenacort.
Cordialmente ringrazio

[#3]  
Dr. Claudio Bosoni

20% attività
20% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2020
Per la rino-congiuntivite allergica da inalanti con asma, esistono varie possibilità diagnostiche e terapeutiche. Prima di tutto è necessario sapere con esattezza a quali sostanze è sensibile. Per fare ciò deve sottoporsi ai seguenti esami:

1) Tests allergologici cutanei per inalanti stagionali (pollini)
e perenni (acari, miceti, dermatophagoidi e polvere di casa. 2) RAST ematico per alimenti e inalanti stagionali e perenni.
3) Dosaggio delle immunoglobuline ( IgA,IgG,IgM,IgE ).

Questi esami possono sembrare tanti, ma a volte ci sono casi di allergie crociate, e questo mi interessa sapere. Specialmente se l' antistaminico ha fallito. Potrà essere necessario impostare una terapia di associazione di più farmaci. Tenga presente che durante il periodo in cui effettuerà questi esami non dovrà assumere ne antistaminici ne cortisonici locali o sistemici.
Vorrei risentirla per vedere l'esito degli esami e decidere il da farsi.
Dr. claudio bosoni

[#4] dopo  
Utente
Gent.mo Dott. Bosoni,

la ringrazio per il cortese riscontro in merito agli esami da effettuare.
Al momento l'utilizzo di antistaminico in compresse e spray al bisogno sembra dare buoni risultati, notati dopo circa 15 gg di somministrazione continua.
Questo non esclude la programmazione di esami approfonditi e successiva impostazione di una adeguata terapia.
Avrò modo di aggiornare la situazione su questa pagina.
Grazie per la cortese attenzione,

Cordialmente

[#5]  
Dr. Claudio Bosoni

20% attività
20% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2020
Ci sentiremo ad esami eseguiti.
Dr. claudio bosoni