Utente
Gentilissimi dottori, sono un ragazzo di 28 anni affetto da malattie allergiche fin da età pediatrica, tuttavia fino a qualche tempo fa non mi avevano dato grosse problematiche se non asma e episodi di dermatite (anche severa una volta, curata con 50 mg di cortisone previa prescrizione del dermatologo), da circa un anno in seguito ad una vacanza fatta di eccessi alimentari ed alcolici ebbi un malore e mi accasciai al suolo con delle palpitazioni, dopo qualche giorno da questo episodio ho iniziato ad avere sintomi quali acufeni persistenti astenia capogiri alle volte e sono tornati gli episodi di dermatite severa in più la notte non dormo mi risveglio frequentemente per il prurito e la mattina mi sveglio privo di energia, impossibilitato a svolgere le mie attività quotidiane e ciò ha avuto un aspetto negativo sulla mia vita, in precedenza per lo studio ed ora per la vita professionale e sociale, ho eseguito diverse analisi del sangue e l'unico valore che balza agli occhi è quello delle igE totali pari a 2463 ug/ml, l' anno scorso a febbraio era a 2180, mi chiedo se il malessere da me descritto possa essere riconducibile in qualche modo ad un allergia, in più nell'ultimo periodo mi è stata diagnosticata la sincope vasovagale neuromediata cardioinibitoria ( diagnosticato attraverso il tilt test) e un intolleranza genetica al lattosio di tipo C/C.

VI chiedo gentilmente se sia il caso di indagare circa un allergia, ad oggi so di essere allergico ad acari polvere, graminacee ed epitelio del gatto.
ed eventualmente quali analisi strumentali eseguire, vi ringrazio anticipatamente per la vostra attenzione.

Cordialmente.

[#1]  
Dr. Claudio Bosoni

28% attività
20% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2020
Alcuni dei sintomi sono da imputare all' alcool, anche se sopravvenuti dopo. Come precauzione dovrebbe sottoporsi ad una serie di accertamenti: PRICK TEST per inalanti: pollini stagionali e perenni: acari, polvere di casa, dermatofagoides farine e pteronossimus e miceti. Poi un RAST per alimenti e bevande e infine un PATCH TEST per allergeni da contatto. Cosi facendo avrà una visione ampia del suo problema. Ci risentiamo.
Dr. Claudio Bosoni